in

Volkswagen vuole riciclare e riutilizzare le vecchie batterie dei veicoli elettrici

Volkswagen
Volkswagen

Volkswagen è emersa come una fenice elettrica dalle ceneri profumate del dieselgate per diventare uno dei leader di mercato dei veicoli elettrici. Il nuovo SUV ID.4, lanciato di recente, si sta rivelando molto popolare in tutto il mondo e il marchio punta a essere elettrificato al 50% entro il 2050.

L’ingegnoso modello di vendita basato su abbonamento di Volkswagen e il suo futuro ID.1 apriranno anche le porte a coloro che in precedenza sarebbero stati esclusi dal mercato dei veicoli elettrici a causa di costi proibitivi. Il produttore tedesco ora prevede di rilasciare i suoi veicoli elettrici usati per conservare le preziose batterie che trasportano, consentendo a VW di riciclarli in nuovi usi, inclusi centri di alimentazione, caricabatterie rapidi e abitazioni private.

Parlando con i giornalisti al Salone dell’Auto di Monaco, tenutosi di recente, il CEO del Gruppo Volkswagen Herbert Diess ha sottolineato il fatto che le batterie possono durare a lungo, e persino superare la vita dell’auto in cui sono montate: “In Europa, stiamo cercando di ottenere un secondo leasing e anche un terzo leasing, e teniamo le auto nelle nostre mani. La durata della batteria, pensiamo oggi sia di circa 1.000 cicli di ricarica e circa 400 mila km o qualcosa del genere. Quindi, la batteria probabilmente vivrebbe più a lungo dell’auto, e noi vogliamo impossessarci della batteria. Non vogliamo dare via la batteria.”

Il fatto che queste batterie durino così a lungo, anche quando il resto dell’auto inizia a cedere, significa che i valori residui rimarranno elevati, rendendo i leasing secondari economici. “C’è già un’indicazione che i residui per le auto elettriche potrebbero essere superiori a quelli per le auto a combustione interna perché, anche se l’auto è totalmente inutile, c’è ancora una batteria che può avere il 70 o l’80 percento della sua capacità di accumulo di energia originale”, ha detto il numero uno di Volkswagen.

Ti potrebbe interessare: Volkswagen ID 2: prezzo sotto i 20 mila euro per il futuro SUV compatto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.