La Volvo S60, la prima prodotta in America

La nuova Volvo S60, terza generazione, è stata presentata sia a Göteborg che a Charleston nel Sud Carolina. Il motivo di questa doppia presentazione va ricercato nel fatto che proprio a Charleston si trova la fabbrica di produzione della nuova Volvo S60. Il debutto della S60 ha rappresentato un ottimo motivo per presentare al pubblico anche il nuovo stabilimento americano. Bisogna dire che la Volvo S60 rappresenta infatti la prima Volvo costruita negli Stati Uniti.

Tuttavia il primato più importante detenuto dalla Volvo S60 è quello di non avere nella propria gamma una motorizzazione diesel. La casa svedese infatti è stata la prima Casa ad annunciare l’abbandono di questa tipologia di motorizzazione. Difatti la Volvo S60 prevede motorizzazioni elettrificate che saranno adottate su tutti i nuovi modelli a partire dal prossimo anno. La gamma prevede infatti due sistemi plug-in con motore termico a benzina turbo. Le due unità ibride prendono il nome di T6 Twin Engine, da 340 cavalli, e T8 Twin Engine da 400 cavalli entrambe con trazione integrale. Rimangono i motori T5 e T6 già rodati.

La Volvo S60 prevede poi un’altra caratteristica; sarà infatti disponibile per l’acquisto con il servizio Care by Volvo che prevede il pagamento mensile di una rata senza alcun acconto iniziale.

L’aspetto legato alla tecnica dice che la Volvo S60 condivide la piattaforma con quella già utilizzata per la Volvo V60, cioè la SPA scalabile che permette un comportamento su strada perfetto e divertente. Tuttavia sempre con la V60 condivide alcuni aspetti legati alla sicurezza, alla dotazione tecnologica e al sistema multimediale. Tra i sistemi di ausilio alla guida più interessanti ci sono sicuramente il City Safety che prevede la frenata automatica, con capacità di individuare pedoni e animali, ma anche il Pilot Assist, a richiesta, che fornisce diverse soluzioni di assistenza alla guida.

Per l’infotainment immancabile il Sensus Connect compatibile con i sistemi Apple Car Play e Android Auto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *