in ,

Volvo S60: ecco come cambia con questo leggero restyling

Volvo ha appena diffuso le informazioni che accompagno il nuovo leggero restyling delle Volvo S60 e V60: rivisti i motori

S60

Volvo ha appena diffuso le informazioni che accompagno il leggero restyling delle Volvo S60 e V60. Le modifiche estetiche sono infatti quasi impercettibili, ma c’è una nuova struttura della gamma, l’ultimo sistema di infotainment basato su Android, piccole modifiche al design che appunto possono facilmente passare inosservate e un nuovo cambio automatico che riduce le emissioni in alcuni allestimenti.

L’attuale generazione di Volvo S60 e V60 è stata originariamente introdotta nel 2018 e ora, quattro anni dopo, è giunto il momento di un aggiornamento di metà ciclo di vita. Ciò non sorprende, ovviamente, dopo il recente restyling del SUV XC60.

S60
Le nuove Volvo S60 Recharge, V60 Recharge eV60 Cross Country

I cambiamenti dal punto di vista dello stile che accompagna queste nuove Volvo S60 e V60 sono limitati alle prese d’aria del paraurti anteriore leggermente riviste e rifinite in nero lucido oltre al nuovo paraurti posteriore con tubi di scarico nascosti. Possiamo anche apprezzare un nuovo design per ciò che riguarda i cerchi ruota dotati di sei raggi che si adattano abbastanza bene alla interessante berlina svedese. Oltre alla S60 a quattro porte, le stesse modifiche vengono applicate appunto anche alla più pratica variante station wagon V60.

In linea con l’ultima strategia di Volvo, la S60 aggiornata è disponibile nelle finiture Core, Plus e Ultimate, con i pacchetti Bright e Dark che aggiungono accenti cromati o neri. All’interno dell’abitacolo c’è ora l’ultimo sistema di infotainment Volvo alimentato dal software Android di casa Google, elemento che risultava già disponibile in altri modelli della gamma che includeva Google Maps, Google Assistant e l’app store dedicato ovvero Google Play. Ci aspettiamo anche che riceva l’ultima versione della funzione Pilot Assist come parte della suite di ADAS di casa Volvo.

V60

La Volvo S60 è l’unica berlina del marchio proposta ancora con propulsori tradizionali

La Volvo S60 è l’unica berlina del marchio che viene ancora proposta con i tradizionali motori a combustione, seppure dotati di tecnologia MHEV a 48 Volt, oltre agli ibridi plug-in Recharge. Secondo i mercati, l’offerta a combustione prevede due opzioni, la B3 e la B4, un quattro cilindri turbo da 2,0 litri che offre una potenza massima rispettivamente di 163 e 197 cavalli.

La gamma di motori per le Volvo S60 e V60 è composta quindi propulsori mild-hybrid e ibridi plug-in. Il motore a benzina a quattro cilindri da 2,0 litri turbo eroga 163 cavalli nella B3 entry-level, 197 cavalli nella B4 di fascia media, 250 cavalli nella B5 e fino a 300 cavalli a bordo dell’esclusiva B6 V60. Tutti sono combinati con un sistema ibrido leggero da 48 Volt che aggiunge 14 cavalli in più. Inoltre, la wagon V60 è disponibile anche con un motore a quattro cilindri turbodiesel mild-hybrid da 2,0 litri che produce 197 cavalli di potenza.

V60

Entrambi sono offerti solo con un cambio automatico a doppia frizione e sette rapporti che sostituisce il cambio automatico a otto marce finora utilizzato. Nello specifico, sulle varianti B3 e B4, la potenza viene inviata all’asse anteriore attraverso un nuovo cambio DCT a sette rapporti, mentre B5 e B6 mantengono il vecchio convertitore di coppia automatico a otto rapporti disponibile nelle versioni FWD e AWD. Secondo la scheda tecnica, i consumi di carburante combinati WLTP sono leggermente inferiori nella B3 e B4 (di 0,3-0,7 lt/100 km) e le emissioni di CO2 ridotte (in calo di 5-15 g/km) rispetto ai modelli usciti. Un importante miglioramento che, insieme ad una nuova ottimizzazione del sistema di combustione, ha permesso di ridurre ulteriormente le emissioni di CO2. Può sembrare che 14 e 10 g/km, rispettivamente, siano una piccola riduzione, ma basta alla Volvo S60 per contribuire a migliorare i valori medi dell’intera gamma.

S60

I modelli PHEV della gamma della Volvo S60 dispongono ancora del badge Recharge visto sulla generazione precedente. Il propulsore ibrido plug-in combina il motore turbo da 2,0 litri che produce 253 cavalli o 310 cavalli, con un motore elettrico capace di 146 cavalli erogati. La batteria agli ioni di litio con una capacità utile di 14,9 kWh consente un’autonomia elettrica compresa tra 75-94 km (47-58 miglia) nel ciclo combinato. In questo modo, più veloce Volvo S60 Recharge T8 accelera da 0 a 100 km/h in 4,3 secondi, mentre la velocità massima è limitata a 180 km/h come ogni nuovo modello di casa Volvo.

La Volvo S60 aggiornata sarà prodotta nello stabilimento Volvo di Ridgeville della Carolina del Sud, negli Stati Uniti. Il lancio sul mercato in Europa è previsto nelle prossime settimane. I nuovi prezzi saranno comunicati nelle prossime settimane.