in ,

BMW iX Flow: ecco come cambia colore all’esterno grazie a E Ink

Con la BMW iX Flow il costruttore offre la prospettiva di una tecnologia che utilizza la digitalizzazione per adattare la vernice esterna

BMW iX Flow

La digitalizzazione offre un’esperienza utente integrata caratterizzata da individualità ed emotività all’interno degli attuali modelli di casa BMW. Le diverse modalità a disposizione del guidatore consentono al conducente di adattare completamente diversi parametri del veicolo al proprio stato d’animo e all’esperienza di guida che effettivamente si desidera. Con la BMW iX Flow featuring E Ink, presentata in occasione del recente CES 2022, il costruttore tedesco offre la prospettiva di una tecnologia futura che utilizza la digitalizzazione per adattare anche l’esterno di un veicolo a diverse situazioni e desideri individuali. La superficie esterna della BMW iX Flow può variare la sua tonalità su richiesta del guidatore.

D’altronde, come ha ammesso Frank Weber che è fra i componenti del CdA di BMW AG Development, già nel prossimo futuro le esperienze derivanti dal digitale non saranno relegate esclusivamente al display. Va in questa direzione, quindi, la BMW iX Flow.

BMW iX Flow

Un rivestimento specifico per la carrozzeria fa cambiare colore alla BMW iX Flow

I fluidi cambi di colore al centro della BMW iX Flow sono resi possibili da un rivestimento per la carrozzeria appositamente sviluppato, che si adatta perfettamente alle forme del SUV elettrico del costruttore bavarese. Quando stimolata da segnali elettrici, la tecnologia elettroforetica porta in superficie pigmenti di colore diverso facendo assumere ai lamierati la colorazione desiderata.

L’innovativa tecnologia E Ink apre modi completamente nuovi di modificare l’aspetto del veicolo, in linea con le preferenze estetiche del guidatore, le condizioni ambientali o anche i requisiti funzionali. La tecnologia offre quindi un potenziale di personalizzazione senza precedenti nell’area del design esterno della vettura. La BMW iX Flow con E Ink dimostra questo potenziale con un effetto quasi impressionante. In questo contesto, il costruttore sta guidando lo sviluppo della tecnologia in modo che una nuova forma di personalizzazione possa essere sperimentata sia all’esterno che all’interno dei futuri veicoli di produzione.

Già oggi il colore scelto per un’auto è espressione della personalità del guidatore. Le nuove tecnologie forniranno in futuro un livello completamente nuovo di libertà decisionale. Ciò per fornire a chi acquista una nuova auto, la libertà di esprimere diverse sfaccettature della propria personalità o anche il piacere di cambiare le caratteristiche esterne della sua vetture un po’ come si fa con la moda: in questo modo il veicolo diviene espressione di diversi stati d’animo e circostanze.

BMW iX Flow

Come la verniciatura esterna variabile può aumentare l’efficienza

Anche un colore esterno variabile può contribuire al benessere degli interni e all’efficienza del veicolo. Questo viene fatto tenendo conto delle diverse capacità dei colori chiari e scuri quando si tratta di riflettere la luce solare e il relativo assorbimento di energia termica. Una superficie bianca riflette molta più luce solare di una scura.

Di conseguenza, il riscaldamento del veicolo e dell’abitacolo a causa della forte luce solare e delle alte temperature esterne può essere ridotto modificando la carrozzeria verso un colore più chiaro. Quando fa più freddo, una pelle esterna scura aiuterà il veicolo ad assorbire notevolmente più calore dal sole.

In entrambi i casi, i cambi di colore selettivi possono aiutare a ridurre la quantità di raffreddamento e riscaldamento richiesti dall’aria condizionata del veicolo. Ciò riduce la quantità di energia necessaria all’impianto elettrico del veicolo e con essa anche il consumo di carburante o di elettricità del veicolo. In un’auto completamente elettrica, quindi, cambiare il colore in base alle condizioni meteorologiche può anche aiutare ad aumentare l’autonomia. All’interno, la tecnologia potrebbe, ad esempio, evitare che il cruscotto si surriscaldi troppo.

La stessa tecnologia E Ink adottata sulla BMW iX Flow è estremamente efficiente dal punto di vista energetico. A differenza dei display o dei proiettori, la tecnologia elettroforetica non necessita assolutamente di energia per mantenere costante lo stato del colore scelto. La corrente scorre solo durante la breve fase di cambio del colore.

BMW iX Flow

Una tecnologia sviluppata da E Ink

La colorazione elettroforetica si basa su una tecnologia sviluppata da E Ink, la più nota tra i display utilizzati negli eReader. Il rivestimento superficiale dei lamierati adottati sulla BMW iX Flow contiene molti milioni di microcapsule, con un diametro equivalente allo spessore di un capello umano. Ognuna di queste microcapsule contiene pigmenti bianchi caricati negativamente e pigmenti neri caricati positivamente. A seconda dell’impostazione scelta, la stimolazione mediante un campo elettrico fa sì che i pigmenti bianchi o neri si raccolgano sulla superficie della microcapsula, conferendo alla carrozzeria la tonalità desiderata.

Raggiungere questo effetto sulla carrozzeria di un veicolo implica l’applicazione di molti segmenti di ePaper adattati con precisione. Vengono implementati processi di progettazione generativa per garantire che i segmenti riflettano i contorni caratteristici del veicolo e le conseguenti variazioni di luce e ombra. Gli algoritmi di progettazione generativa consentono la formabilità e la flessibilità necessarie per adattare esattamente l’ePaper alle linee esterne del veicolo.

BMW iX Flow

Le tecnologie di taglio laser garantiscono un’elevata precisione nella generazione di ogni segmento. Dopo aver applicato i segmenti e collegato l’alimentatore per la stimolazione del campo elettrico, l’intero corpo viene riscaldato e sigillato per garantire una riproduzione del colore ottimale e uniforme durante ogni cambio di colore.