in

BMW non andrà oltre i 600 km di autonomia per le sue auto elettriche

BMW conferma che per le sue auto elettriche del futuro non andrà oltre i 600 km di autonomia

BMW
BMW

In un’intervista con la rivista australiana WhichCar, David Ferrufino, project manager della BMW i4 avrebbe sottolineato che non era nell’interesse del marchio tedesco sviluppare veicoli a emissioni zero con una autonomia di circa 1.000 km.

“Puntiamo a 600 km per le nostre auto elettriche al 100% e a 100 km per i nostri ibridi plug-in nella guida di tutti i giorni”, ha affermato. Si spinge anche oltre e sostiene che una simile autonomia non ha senso in un veicolo urbano come la i3, i 600 km sono invece appannaggio di modelli destinati a lunghi viaggi. In altre parole, “l’autonomia massima di un’auto dipende dal segmento del veicolo”. La sua spiegazione è convincente a metà.

Secondo lui, lo sviluppo di infrastrutture di ricarica dovrebbe essere sufficiente per rendere possibili lunghi viaggi. In teoria, una BMW i4 può percorrere circa 590 km con una singola carica nella sua versione “base”. A ciò si aggiunge che collegandolo a una stazione di ricarica rapida da 200 kW, si può passare dal 10% all’80% di carico in appena mezz’ora. Un viaggio di 1000 km è quindi potenzialmente possibile in un giorno. È ancora necessario trovare un terminale del genere e che sia funzionante, ma qualunque sia la situazione attuale non è molto brillante, David Ferrufino resta ottimista sul futuro: “la potenza di ricarica e le infrastrutture stanno facendo grandi progressi”.

Magari è anche vero. Basta guardare alla situazione europea. Anche se attualmente sono in corso aspre discussioni tra i vari membri dell’UE da quando la Commissione Europea ha annunciato di voler vietare la vendita di veicoli termici dal 2035, compresi gli ibridi , il passaggio all’elettrificazione sembra essere a buon punto. Per raggiungere un tale risultato sarà necessario aumentare il numero delle infrastrutture, è una necessità assoluta.

Ti potrebbe interessare: BMW e Mercedes vogliono ridurre l’offerta per mantenere i prezzi alti

Lascia un commento