in

BMW potrebbe produrre veicoli elettrici a Oxford

Secondo indiscrezioni BMW potrebbe produrre in futuro auto elettriche nel suo stabilimento di Oxford

BMW logo

BMW continuerà a produrre auto elettriche in Inghilterra per il marchio Mini e convertirà lo stabilimento di Oxford per questo scopo, o almeno sta prendendo in considerazione questa possibilità. Secondo un resoconto dei media, il consiglio di amministrazione vuole prendere una decisione in tal senso entro la fine dell’anno.

BMW potrebbe produrre in futuro auto elettriche nel suo stabilimento di Oxford

Questo è ciò che la pubblicazione tedesca Frankfurt Allgemeine Zeitung riporta in base a notizie trapelate da ambienti vicini all’azienda. Più di recente, è stato riferito che Mini avrebbe smesso di produrre auto elettriche in Inghilterra nel 2023 e si sarebbe trasferita a collaborare con Great Wall in Cina. “ Lo stabilmento Oxford non è attrezzata per i veicoli elettrici. Ha bisogno di essere rinnovato”, aveva dichiarato Stefanie Wurst, capo del marchio Mini.

Questo è esattamente ciò che la BMW sta pianificando di fare ora, contrariamente alle dichiarazioni rilasciate a metà ottobre. Poiché il sito in Cina e lo stabilimento di Lipsia, dove la Mini Countryman verrà prodotta anche come auto elettrica, da soli non sono sufficienti a soddisfare la domanda prevista dal consiglio, le linee di montaggio dello stabilimento di Oxford devono essere rinnovate, secondo la FAZ . Un portavoce dell’azienda, tuttavia, non ha voluto commentare le informazioni.

BMW ha recentemente costruito a Oxford 40.000 modelli Mini Cooper SE e 140.000 Mini con motori a combustione. Questa produzione parallela è attualmente ancora possibile perché la Mini elettrica si basa sul modello con motore a combustione. Con l’imminente passaggio alla nuova generazione elettrica, che viene sviluppata con Great Wall, il modello elettrico cambierà piattaforma. La produzione parallela nello stabilimento, costruito nel 1913, è stata a lungo considerata inefficiente e troppo costosa a causa dei necessari investimenti.

Apparentemente, questo è stato riconsiderato a Monaco. In assenza di un commento dalla sede dell’azienda, non possiamo che fare ipotesi sul retroscena.

BMW logo

Non si sa ancora come potrebbe avvenire esattamente una possibile conversione nello stabilimento britannico, che appartiene alla BMW dal 1994. La casa tedesca è considerata una sostenitrice della produzione flessibile di diversi tipi di trasmissione su un’unica linea per poter adattare la produzione alle mutevoli richieste nel corso del ciclo del modello. Non è chiaro se ciò sia fattibile nella fabbrica ormai invecchiata.

Ti potrebbe interessare: Gruppo BMW: oltre 1,7 milioni di veicoli consegnati nei primi nove mesi del 2022

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!