in

Gruppo BMW: oltre 1,7 milioni di veicoli consegnati nei primi nove mesi del 2022

Il colosso tedesco sta investendo molto nella nuova piattaforma Neue Klasse

Gruppo BMW logo

In un contesto economico non omogeneo, il Gruppo BMW ha ancora una volta realizzato una forte performance operativa nel terzo trimestre del 2022. I suoi solidi dati finanziari testimoniano il successo economico dell’azienda, nonostante l’aumento dei costi delle materie prime e dell’energia.

Oliver Zipse, presidente del Consiglio di Amministrazione di BMW AG, ha detto che proporre prodotti interessanti è la migliore risposta a un ambiente difficile. Danno stabilità nel presente e creano prospettive di crescita per il futuro. Per questo motivo il colosso tedesco sta investendo sistematicamente nei cluster tecnologici della nuova piattaforma Neue Klasse. Crede fermamente che questi prodotti altamente innovativi porteranno l’offerta a un livello superiore.

Gruppo BMW: il colosso tedesco prosegue la sua strategia di crescita nonostante il difficile periodo

I solidi risultati registrati nel terzo trimestre del 2022 sottolineano che la flessibilità crea resilienza. Soprattutto in condizioni di volatilità, l’impronta equilibrata a livello globale e l’approccio aperto alla tecnologia si stanno rivelando un fattore di successo fondamentale.

Ecco perché, dopo nove mesi, il BMW Group è sulla buona strada per raggiungere i suoi obiettivi annuali. Il successo di mercato dei suoi modelli completamente elettrici, in particolare, permette di guardare con fiducia ai prossimi mesi.

La crescita significativa delle vendite di veicoli completamente elettrici ed elettrificati si riflette anche nella diminuzione delle emissioni di CO2 nel parco dei nuovi veicoli presenti in Europa. Il gruppo automobilistico tedesco potrebbe superare il suo precedente obiettivo e, sulla base dei dati attuali, ridurre le emissioni della sua flotta europea del 5/10% rispetto all’anno precedente. In precedenza, era stata prevista una leggera riduzione (fino a -4,9%).

Tra gennaio e settembre 2022, sostenuta dalla crescente domanda, l’azienda ha consegnato oltre 128.000 EV, più del doppio rispetto allo stesso periodo del 2021 (128.195 unità). Il terzo trimestre ha visto un aumento delle vendite e dei nuovi ordini per i modelli iX3, iX e i4 e per la Mini Cooper SE. Anche la nuova BMW i3, la versione a passo lungo della Serie 3 completamente elettrica – recentemente disponibile in Cina, è stata accolta positivamente dai clienti.

Il nuovo X1 ha ottenuto un riscontro molto positivo alla sua recente anteprima mondiale, così come la nuova BMW Serie 7. Entrambi i modelli sono disponibili con diverse varianti di propulsione: come veicoli 100% elettrici, ibridi plug-in e con motori a benzina e diesel.

La nuova BMW i7 sarà lanciata questo mese, così come l’iX1 con trazione integrale. Per la prima volta sarà disponibile anche la i4 eDrive35, il nuovo modello entry-level della gran coupé di fascia media a zero emissioni. A queste si aggiungeranno nel 2023 la i5 e la Rolls-Royce Spectre.

Nonostante l’impatto delle interruzioni globali delle catene di fornitura e dei blocchi in Cina dovuti al COVID-19, il Gruppo BMW ha consegnato ai clienti un totale di 1.747.838 veicoli nei primi nove mesi.

Ciò rappresenta una moderata diminuzione rispetto al massimo storico dell’anno precedente (YTD Q3/2021: 1.932.224). Di conseguenza, il Gruppo BMW rimane leader nel segmento premium in Germania e nel mondo.

Con 587.744 veicoli consegnati ai clienti nel terzo trimestre, le vendite sono state pari a quelle dello scorso anno (T3/2021: 593.177 u./ -0,9%). A settembre, il colosso bavarese ha registrato una solida crescita delle vendite del 6,6%, con 210.543 veicoli consegnati ai clienti. Ha confermato anche la propria guidance per l’intero 2022, puntando a vendite leggermente inferiori rispetto all’anno scorso e raddoppiando le consegne di veicoli completamente elettrici.

Nel terzo trimestre del 2022, il Gruppo BMW ha portato i ricavi a un nuovo livello, raggiungendo 37.176 milioni di euro (terzo trimestre del 2021: 27.471 milioni di euro/+35,3%, rettificato per gli effetti della conversione valutaria a +27.4%).

Anche i ricavi dei primi nove mesi dell’anno sono aumentati significativamente, raggiungendo i 103.088 milioni di euro (T3/2021: 82.831 milioni di euro/+24,5%, dato corretto per gli effetti della conversione valutaria a +18.8%).

A contribuire a questo risultato sono stati i solidi prezzi delle auto nuove e usate, un mix di prodotti favorevole e, in particolare, i ricavi della joint-venture cinese BMW Brilliance Automotive Ltd. (BBA), consolidata integralmente dall’11 febbraio.

Anche il costo delle vendite è aumentato in modo significativo, a causa dell’aumento dei costi delle materie prime, dell’energia e dell’inclusione del costo delle vendite di BBA, nonché delle spese derivanti dal consolidamento completo dell’azienda, pari a 2,7 miliardi di euro.

Senza farsi scoraggiare dalle sfide macroeconomiche e geopolitiche, il Gruppo BMW continua il suo percorso di trasformazione. Negli ultimi nove mesi, i costi di ricerca e sviluppo (in conformità agli IFRS) sono aumentati in modo significativo, raggiungendo i 4,885 milioni di euro (terzo trimestre 2011: 4.337 milioni di euro/+12,6%).

L’indice di R&S, secondo il codice commerciale tedesco, si è attestato al 4,7% (T3/2021: 5,3%; T3/2022: 5,3%; T3/2021: 6,5%). La maggior parte dei costi di ricerca e sviluppo è stata attribuita ai nuovi modelli, in particolare a quelli della piattaforma Neue Klasse, nonché all’ulteriore elettrificazione e digitalizzazione del parco veicoli.

Quasi 5 milioni di euro investiti nei primi nove mesi dell’anno

Nel terzo trimestre, il gruppo tedesco ha anche presentato le sue nuove celle di batteria rotonde, che alimenteranno i modelli basati sul nuovo pianale per EV in modo ancora più efficiente.

Nei primi nove mesi dell’anno, il BMW Group ha investito altri 4,680 milioni di euro (T3/2021: 2.661 milioni di euro/+75,9%; T3/2022: 1.751 milioni di euro; T3/2021: 952 milioni di euro/+83,9%) in attrezzature e ampliamenti dei suoi stabilimenti.

Questo importo riflette principalmente gli investimenti iniziali per lo sviluppo della mobilità elettrica e le spese in conto capitale di BBA a seguito del consolidamento completo. Nel quarto trimestre è previsto un ulteriore aumento dell’attività di investimento. Alla fine di settembre 2022, il capex ratio era pari al 4,5%.

L’EBT del gruppo per il terzo trimestre è stato di 4,100 milioni di euro (T3/2021: 3.417 milioni di euro/+20,0%). Dopo nove mesi, l’utile ha raggiunto i 20.256 milioni di euro (T3/2021: 13.153 milioni di euro/+54,0%). Il margine EBT si è invece attestato al 19,6% (T3/2021: 15,9%; T3/2022: 11,0%; T3/2021: 12,4%). L’utile netto per i primi nove mesi ammonta a 16,407 milioni di euro (T3/2021: 10,207 milioni di euro/+60,7%; T3/2022: 3,175 milioni di euro; T3/2021: 2,584 milioni di euro/+22,9%).

Grazie al consolidamento completo di BBA, i ricavi del segmento auto sono aumentati significativamente nei primi nove mesi dell’anno, raggiungendo 89.031 milioni di euro (YTD Q3/2021: 70.373 milioni di euro/+26,5%). Nel terzo trimestre, il segmento ha registrato un fatturato di 32.290 milioni di euro (T3/2021: 22.628 milioni di euro/+42,7%).

Il mix di prodotti di alto valore, i prezzi solidi dei veicoli nuovi e l’andamento stabile dei prezzi delle auto usate hanno continuato ad avere un effetto positivo.

Nei primi nove mesi dell’anno, e in particolare nel terzo trimestre, l’aumento dei costi dei materiali e della logistica ha influito sull’EBIT del segmento. Ciò riflette principalmente la limitata disponibilità di semiconduttori e le interruzioni della catena di fornitura, oltre all’aumento dei prezzi delle materie prime e dell’energia.

L’utile prima del risultato finanziario (EBIT) del segmento è stato pari a 7.703 milioni di euro per l’anno fino alla fine di settembre (T3/2021: 7.945 milioni di euro/-3,0%; T3/2022: 2.873 milioni di euro; T3/2021: 1.756 milioni di euro/+63,6%). Il margine EBIT si è attestato all’8,7% per i primi nove mesi (T3/2021: 11,3%) e all’8,9% per il periodo luglio-settembre 2022 (T3/2021: 7,8%).

Escludendo gli effetti del consolidamento completo di BBA sull’EBIT del segmento, il margine EBIT per questo periodo è stato del 10,1% (YTD Q3/2021: 11,7%).

I risultati hanno beneficiato del contributo agli utili di BMW Brilliance Automotive Ltd., che è stata inclusa dopo il consolidamento completo di BBA l’11 febbraio 2022. Tuttavia, ciò è stato parzialmente compensato dai venti contrari derivanti dal consolidamento iniziale, come gli ammortamenti derivanti dall’allocazione del prezzo di acquisto e l’eliminazione degli utili intermedi, per un totale di circa 2,7 miliardi di euro. L’ammortamento derivante dall’allocazione del prezzo d’acquisto ha ridotto gli utili del terzo trimestre di 0,4 miliardi di euro.

Alla fine del terzo trimestre del 2022, il free cash flow del segmento auto ammontava a 9.876 milioni di euro (terzo trimestre del 2021: 6.299 milioni di euro). Di questi, 5.011 milioni di euro provengono dal primo consolidamento di BMW Brilliance Automotive Ltd. A fine anno, il free cash flow del segmento auto dovrebbe ammontare ad almeno 10 miliardi di euro.

Nicolas Peter, membro del Consiglio di Amministrazione del Gruppo BMW e responsabile delle finanze, ha detto che, nel nostro segmento principale, l’azienda sta facendo enormi progressi nella trasformazione verso la mobilità elettrica e la digitalizzazione. La solidità finanziaria del Gruppo BMW è un requisito cruciale per un ampio sviluppo dell’azienda. È in una posizione ideale per realizzare questo obiettivo.

Le attività di finanziamento e leasing hanno registrato una tendenza al ribasso

L’attività di finanziamento e leasing con i clienti retail ha registrato una tendenza al ribasso nel periodo in esame, con un totale di 1.178.286 nuovi contratti stipulati (YTD Q3/2021: 1.509.195 contratti/-21,9%).

I motivi principali di questo calo sono stati l’aumento dei tassi di interesse in generale e i relativi aumenti di prezzo per i clienti, nonché l’intensa concorrenza nel settore dei servizi finanziari. Un ulteriore fattore è stata la limitata disponibilità di nuovi veicoli, dovuta alle continue difficoltà di fornitura di componenti per semiconduttori.

L’aumento dei prezzi nel settore automobilistico e il miglioramento del mix di prodotti hanno portato a un aumento del volume medio di finanziamenti per veicolo per l’attività di servizi finanziari nel periodo in esame, che ha parzialmente compensato il calo dei nuovi contratti. L’effetto positivo delle valute ha continuato ad avere un impatto positivo.

La percentuale di veicoli nuovi del Gruppo BMW noleggiati o finanziati dal segmento dei servizi finanziari si è attestata al 42,4% alla fine del terzo trimestre (YTD Q3/2021: 50,7%/-8,3%).

Nel periodo in esame, il segmento dei servizi finanziari ha generato un utile al lordo delle imposte di 2.672 milioni di euro, in moderata diminuzione rispetto al massimo storico dello stesso periodo dell’anno precedente (T3/2021: 2.924 milioni di euro/-8,6%).

Il segmento ha beneficiato di un reddito elevato e sostenuto derivante dalla rivendita di veicoli a fine leasing, in particolare negli Stati Uniti, in Germania e nel Regno Unito. Alla luce delle incertezze geopolitiche e dell’indebolimento delle prospettive macroeconomiche, nel terzo trimestre l’azienda ha rilevato maggiori accantonamenti per rischi di credito, anche se il tasso di perdita effettivo è rimasto a un livello storicamente basso.

Nonostante il deterioramento delle condizioni macroeconomiche e la volatilità della situazione geopolitica, causata in gran parte dalla guerra in Ucraina e dalle relative sanzioni, il Gruppo BMW ha confermato la propria guidance rettificata per l’anno in corso nel suo aggiornamento aziendale trimestrale alla fine del secondo trimestre.

Al momento l’azienda non prevede che le carenze di approvvigionamento energetico possano interrompere la produzione quest’anno. Presume che i costi dell’energia e dei materiali rimarranno ad un livello elevato nel quarto trimestre.

Gli elevati tassi di inflazione e gli aumenti dei tassi di interesse stanno causando un deterioramento delle condizioni dei consumatori, che si ripercuoterà sul loro comportamento di acquisto nei prossimi mesi. Anche il nostro portafoglio ordini, superiore alla media, dovrebbe quindi normalizzarsi, soprattutto in Europa.

Si prevede che il numero di consegne aumenterà significativamente nel quarto trimestre, rispetto al terzo trimestre del 2022. Il gruppo tedesco prevede che le consegne per l’intero anno saranno leggermente inferiori a quelle del 2021, anche se le vendite di veicoli completamente elettrici dovrebbero comunque raddoppiare.

Si può ora ipotizzare una moderata riduzione delle emissioni di CO2 nel parco auto nuovo dell’Unione Europea. Ciò è dovuto in gran parte all’aumento, superiore al previsto, della percentuale di consegne di veicoli elettrificati da parte del colosso europeo.

L’azienda prevede che l’utile ante imposte del Gruppo sarà significativamente più alto, grazie al consolidamento completo di BBA e nonostante il leggero calo delle consegne rispetto all’anno precedente.

Il margine EBIT per il segmento auto è ancora previsto nell’intervallo 7/9%. Gli effetti positivi sui prezzi e sul mix, uniti al continuo e robusto sviluppo dei mercati delle auto usate, dovrebbero parzialmente compensare il previsto leggero calo delle consegne e l’aumento dei prezzi delle materie prime e dell’energia. Anche il RoCE per il settore automobilistico dovrebbe rimanere nell’intervallo 14/19%.

Per l’intero anno si prevede un leggero aumento delle consegne per il segmento motocicli. Il margine EBIT dovrebbe rientrare nel nostro target dell’8/10% e il RoCE del segmento dovrebbe essere compreso tra il 19/24%.

Le previsioni per il segmento dei servizi finanziari prevedono un aumento degli utili, sfruttando il continuo sviluppo positivo dei mercati delle auto usate, anche se l’aumento degli accantonamenti per i rischi di credito avrà un effetto frenante. Il rendimento del capitale proprio (RoE) dovrebbe essere compreso nell’intervallo 17/20%, rettificato in linea con l’annuncio del secondo trimestre. Dal punto di vista attuale, il Segmento Servizi Finanziari è adeguatamente preparato per i rischi di credito e di valore residuo.

Gli obiettivi sopra descritti saranno raggiunti con un numero di dipendenti significativamente più elevato, a seguito del consolidamento completo. La percentuale di donne in posizioni dirigenziali nel Gruppo BMW dovrebbe aumentare leggermente, indipendentemente dall’aumento della partecipazione in BMW Brilliance.

Looks like you have blocked notifications!