in

Citroën BX: l’iconica vettura compie 40 anni

Le vendite iniziarono in occasione del Salone di Parigi del 1982

Citroën BX

Era il 23 settembre 1982, quando calava la notte e una grande folla affollava il Champ-de-Mars sotto la Tour Eiffel e aveva gli occhi fissi sul primo piano della Tour Eiffel: c’era un enorme cofanetto di legno con la scritta “Voilà la nouvelle Citroën” appeso.

In un vertiginoso spettacolo di luci e suoni, la scatola di legno è stata lentamente calata a terra. La carrozzeria si è finalmente aperta per rivelare l’iconica Citroën BX, iniziando così la sua favolosa carriera con una standing ovation.

Citroën BX
Citroën BX interni

Citroën BX: la presentazione ufficiale avvenne il 23 settembre del 1982

Pochi giorni dopo, il 30 settembre 1982, il 69° Salone di Parigi aprì i battenti nel quartiere fieristico Porte de Versailles e segnò ufficialmente l’inizio delle vendite della BX, che divenne una delle protagoniste indiscusse dell’evento automobilistico.

Lanciato nel 1978 con il nome in codice “XB”, il progetto Citroën BX ha terminato le sue specifiche nel novembre 1979. Gli obiettivi principali del futuro modello erano garantire che fosse riconosciuto come un veicolo moderno e non convenzionale e con un’enfasi sull’innovazione.

La BX doveva essere un veicolo a motore trasversale, con massa contenuta per garantire una buona accelerazione e bassi consumi di carburante, il che rappresentava un risparmio di costi nel contesto dell’epoca.

Come tutte le Citroën top di gamma dell’epoca, anche quest’auto era dotata di un sistema di sospensioni idropneumatiche per garantire comfort e tenuta di strada impeccabile. In aggiunta, proponeva una carrozzeria hatchback a cinque porte.

Citroën BX

Pesava appena 885 kg

Lo sviluppo è stato effettuato dal centro tecnico Vélizy, che ha investito molto in CAD per accelerare la convergenza del design e ottimizzare le prestazioni. Grazie a questo metodo, la Citroën BX ha raggiunto un coefficiente aerodinamico di 0,34 Cd.

Era innovativa nell’uso di materiali compositi per parti come paraurti, cofano del bagagliaio, cofano motore e pannelli laterali e pesava appena 885 kg. Come primo veicolo dell’era PSA, i motori della BX erano da 1.5 litri da 62 e 72 CV e da 1.6 litri da 90 CV.

Con la BX, la casa automobilistica francese si pone un duplice obiettivo: presentare l’ingresso nel mercato dei veicoli della classe medio-alta e il successore della GSA. Per raggiungere questo obiettivo, la vettura si è affidata a una tecnologia all’avanguardia per garantire comfort, dinamismo ed economia, oltre a una nuova forma con un design innovativo.

Citroën ha contattato il famoso carrozziere italiano Bertone per progettare la sua nuova vettura. Il designer Marcello Gandini (padre delle Lamborghini Miura e Countach e della Lancia Stratos) propose quindi una forma originale, robusta ma priva di eccentricità. Anche l’abitacolo era accattivante, con un cruscotto ispirato alla CX e tocchi distintivi come i comandi satellitari su entrambi i lati del volante e il contagiri retroilluminato.

Citroën BX

Decisamente moderna e ricca di caratteristiche accattivanti, la Citroën BX ha subito conquistato la stampa, sedotto la clientela del costruttore francese e conquistato nuovi clienti. È stata un enorme successo commerciale.

Costruita nello stabilimento di Rennes La Janais (Bretagna) e nello stabilimento di Vigo (Spagna), ha venduto più di 2.337.016 milioni di unità prima che la produzione cessasse definitivamente nel giugno 1994. Essendo una delle auto Citroën più vendute, la BX ha indubbiamente contribuito alla rinascita del marchio negli anni ‘80.

I 12 anni sul mercato della BX hanno visto numerosi cambiamenti di carrozzeria. Nel 1985 si aggiunge alla gamma un’elegante station wagon familiare, 17 cm più lunga della berlina e denominata Evasion, oltre alla versione aziendale apparsa un anno prima.

Un importante restyling nel 1987 ha conferito alla BX un esterno più morbido e un cruscotto completamente nuovo. Anche le dotazioni non sono state trascurate: tettuccio apribile, aria condizionata, strumentazione digitale, rivestimenti in velluto, cerchi in lega, orologio digitale e computer di bordo.

Citroën BX

A livello meccanico, la vettura è rimasta all’avanguardia con motori fino a 160 CV, iniezione elettronica con catalizzatore e sonda lambda, propulsore diesel, cambio automatico, trazione integrale permanente e ABS. È stata persino prodotta una serie limitata di 200 esemplari della versione stradale dell’auto da corsa del Gruppo B BX 4 TC con motore da 2.1 litri da 200 CV, capace di raggiungere una velocità massima di 220 km/h.

La carriera della BX è stata segnata anche da numerose edizioni limitate: Tonic, Image, Calanque, Leader e la famosa Digit con cruscotto completamente digitale.

La campagna pubblicitaria di lancio presentava la Citroën BX come un’auto che viveva, pensava e respirava, con un chiaro riferimento ai vari suoni e movimenti della sospensione idropneumatica. Nel 1985, Citroën è stato il primo produttore francese a offrire una variante con powertrain diesel e trasmissione automatica. Infine, nel 1987, l’azienda ha innovato ancora con l’introduzione della prima vettura di produzione francese dotata di un motore a 16 valvole.

Citroën BX

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!