Dieselgate: dopo l’Italia, Volkswagen dovrà risarcire in Olanda

In Olanda, Volkswagen dovrà pagare più di 400 milioni di euro per risarcire migliaia di clienti che possiedono un veicolo colpito dallo scandalo dieselgate. Da quando le azioni di gruppo hanno cominciato ad avere successo in Europa, hanno avuto la tendenza ad aumentare. Un tribunale olandese ha condannato il Gruppo di Wolfsburg a una multa equivalente a 450 milioni di euro per il risarcimento di circa 150.000 proprietari olandesi, sia che abbiano acquistati il loro veicolo nuovo che usato.

Volkswagen dovrà pagare più di 400 milioni di euro per risarcire migliaia di clienti in Olanda per il dieselgate

” Gli acquirenti possono aspettarsi che le auto siano conformi alle normative. Se non lo fanno, l’auto vale meno del prezzo di acquisto “, ha concluso la sentenza. C’è però una piccola particolarità: questa condanna non obbliga direttamente il produttore a pagare. Per essere risarciti, i proprietari dovranno citare in giudizio individualmente il colosso tedesco e ricevere 3.000 euro in caso di acquisto di un veicolo nuovo, o 1.500 euro in caso di veicolo usato.

Il produttore tedesco non si arrende e intende appellarsi

Volkswagen non intende fermarsi qui e si appellerà, sia in Italia che nei Paesi Bassi, ritenendo che i veicoli siano “sicuri e funzionanti” e che i proprietari non abbiano avuto “nessuna perdita economica”. Vedremo dunque come si evolverà la situazione e se davvero la casa automobilistica di Wolfsburg dovrà sborsare tutti questi soldi ai propri clienti.

Ti potrebbe interessare: Volkswagen: la casa tedesca presenta la strategia fino al 2030

Volkswagen

Volkswagen dovrà pagare più di 400 milioni di euro per risarcire migliaia di clienti in Olanda per il dieselgate

Ti potrebbe interessare: Tesla Model 3 batte la Golf: è lei l’auto più venduta a giugno nel Regno Unito

Andrea Senatore

Laureato in Giurisprudenza, appassionato di motori, esperto di tutto quello che riguarda Alfa Romeo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.