in

Elon Musk persona dell’anno: lo dice il Time

Persona dell’anno? Elon Musk per il Time. La sua Tesla ha rivoluzionato l’automotive: una rivincita contro chi ci capisce poco

elon-person-of-the-year musk

Ci sarebbe da vedere la faccia che fa chi, qualche anno fa, criticava Elon Musk. Che ora è persona dell’anno per il Time. La sua Tesla ha rivoluzionato l’automotive: una rivincita contro chi ci capisce poco. Il che avviene dopo essere diventato l’uomo più ricco del mondo grazie all’exploit della sua Casa californiana in Borsa. Patrimonio di 253 miliardi di dollari contro i 195 del “povero” Jeff Bezos.

La celebre rivista americana Time si limita a elogiare Musk? No. Evidenzia anche la scarsa empatia di Elon con i collaboratori. Per il magazine, Musk, è ‘uomo che aspira a salvare il nostro pianeta e a procurarne un altro da abitare: clown, genio, bastian contrario, visionario, industriale, showman, canaglia; un folle ibrido di Thomas Edison, P.T. Barnum, Andrew Carnegie e il Dottor Manhattan di “Watchmen”, il minaccioso uomo-dio dalla pelle blu che inventa auto elettriche e muove verso Marte.

Così, Musk addirittura supera gli scienziati che hanno creato i vaccini contro il Covid-19, a oggi somministrato a quasi 4,5 miliardi di esseri umani, il 57,5 per cento della popolazione mondiale.

musk tesla marte

Musk il primo a credere nell’elettrico

Il fatto è che Musk è partito nel 2003 con le elettriche. Quando nessuno ci credeva. Soprattutto, ha rinunciato alla baby striminzite macchine a batteria, puntando su vetture super prestazionali. Con tecnologia spaziale. Più l’Autopilot, più i Supercharger. Insomma, un colosso davvero difficile da battere.

Gli altri Gruppi auto sono in ritardo. Ecco il vantaggio competitivo di Tesla,che trova riscontro nella valutazione astronomica in Borsa: 1.000 miliardi di dollari, contro i 244 di Toyota e i 134 di Volkswagen.

Fra i vari punti discutibili, a nostro giudizio, il nome dato alla tecnologia di guida assistita: Autopilot. No, non è un pilota automatico. La Casa lo dice, lo sottolinea, lo ripete. Ma occhio alla potenza del marketing, alla forza del nome sui consumatori. Chissà, forse qualche incidente con Autopilot attivo, dovuto a imprudenza del guidatore, poteva essere evitato se il sistema si fosse chiamato diversamente.