in ,

Ferrari vince causa contro Mansory

Ferrari: la Corrte di Giustizia dell’Unione Europea ha riconosciuto la violazione del copyright nel caso del tuning kit di Mansory

Ferrari FXX K
Ferrari FXX K

La Ferrari non intende permettere a nessuno di interferire con la sua eredità di design, ed è esattamente quello che è successo con Mansory. La casa automobilistica del cavallino rampante ha portato il tuner tedesco in tribunale con l’accusa di aver copiato il design della Ferrari FXX K per creare il bodykit della Mansory 4XX Siracusa che si basa sulla 488 GTB. Sembra che la Ferrari non sia stata affatto contenta che Mansory abbia copiato il design della loro hypercar da 2,6 milioni di dollari e abbia offerto un kit di messa a punto che il loro modello base a motore centrale da $ 250.000 così che assomigli alla loro ammiraglia.

Inizialmente, Ferrari ha citato in giudizio Mansory Design & Holding GmbH e WH presso il tribunale del Bundesgerichtshof in Germania per “violazione di diritti su modelli non registrati”. Il caso è finito alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea (CGUE) in Lussemburgo che ha rilasciato una dichiarazione il 28 ottobre. La massima corte europea ha concordato con le argomentazioni della casa italiana secondo cui la Ferrari possiede il diritto di design sull’aspetto della pista -solo FXX K e ha riconosciuto la violazione del copyright nel caso del tuning kit di Mansory.

Gli elementi di design in questione erano la sezione a V del cofano e il paraurti anteriore. Come si può vedere dalle immagini, il bodykit sta davvero cercando di imitare la FXX K con una forma molto simile per le doppie prese del paraurti, la base centrale ispirata alla F1, lo splitter in fibra di carbonio e le prese sul nero- parte colorata del cofano.

Il documento di parere della Corte sul caso  C-123/20 – Ferrari  recita: “La messa a disposizione del pubblico del design completo di un prodotto, come l’aspetto di un veicolo, comporta anche la messa a disposizione del pubblico del design di una parte di tale prodotto, come l’aspetto di taluni elementi della carrozzeria di tale veicolo, a condizione che quest’ultimo disegno o modello sia chiaramente identificabile nel momento in cui tale disegno o modello è reso disponibile”.

Riconosce inoltre che “una sezione visibile di un prodotto, definita da particolari linee, contorni, colori, forma o consistenza, costituisce l'”aspetto di una parte di un prodotto”, ai sensi di tale disposizione, che può essere protetto come un disegno o modello comunitario”.

Ti potrebbe interessare: Ferrari contenta della progressione di Schumacher: “Conferma le sue qualità”

Lascia un commento