in

Il CEO di Toyota mette in guardia sui pericoli della guida autonoma

Toyota
Toyota

Il presidente e amministratore delegato della Toyota, Akio Toyoda, ha espresso preoccupazione per il rapido sviluppo dei sistemi di guida autonoma dopo che uno dei veicoli e-Palette dell’azienda ha colpito un atleta durante i Giochi Paralimpici del 2020. L’incidente è avvenuto il 26 agosto quando il veicolo autonomo ha investito un pedone ipovedente. Fortunatamente, viaggiava solo a circa 1 mph e l’atleta non è rimasto ferito. Toyoda si è scusato dopo l’incidente ed ha espresso una visione contraria di tali sistemi di guida autonoma.

“Non credo sia affatto realistico che le auto a guida autonoma possano viaggiare normalmente su strade ordinarie”, ha affermato. Parlando in un video dopo l’incidente, Toyoda ha messo in dubbio la corsa in corso per produrre veicoli con sistemi di guida completamente autonomi di livello 5. “C’è questa pressione sui produttori di automobili per essere i primi a rilasciare veicoli di livello 5, ma ho detto che non dovremmo saltare su un simile carro”, ha detto.

Toyota ha rapidamente indagato sull’incidente dei Giochi Paralimpici e ha apportato una serie di modifiche prima di riprendere le operazioni dell’e-Palette. Ad esempio, ogni veicolo senza conducente è stato dotato di un secondo autista di riserva, mentre i comitati olimpici e paralimpici hanno anche aumentato il numero di guide agli incroci attraverso il villaggio olimpico.

Come osserva Auto News, questa non è la prima volta che Akio Toyoda ha espresso una visione critica su uno degli sviluppi più importanti nell’industria automobilistica. All’inizio di quest’anno, Toyoda ha lamentato il crescente clamore intorno ai veicoli elettrici e ha affermato che il Giappone avrebbe esaurito l’elettricità in estate se tutti i veicoli del paese fossero stati elettrici.

Ti potrebbe interessare: Toyota e Lexus: le loro auto riceveranno aggiornamenti via etere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.