in

Il ritorno dell’Alfa Romeo Alfasud: dall’Inghilterra un nuovo modello

L’Alfasud si prepara a tornare in versione “moderna”

Alfa Romeo Alfasud restomod gialla

L’Alfa Romeo Alfasud è diventata un vero e proprio simbolo per l’Italia. Basti pensare che nel cinema, diversi protagonisti avevano un’Alfasud, come nel caso di “Bianco, Rosso e Verdone“. Carlo Verdone guidava un’Alfasud nel film con uno dei tre personaggi che interpretava. Si tratta di un’auto prodotta dal 1972 fino al 1984 e in quei 12 anni ha fatto parte dell’imponente storie della Casa del Biscione.  È stata la prima Alfa Romeo ad essere prodotta nello stabilimento di Pomigliano d’Arco, in Campania.

Chi mai avrebbe pensato che un modello ormai in pensione potesse tornare a far parlare di sé con una versione moderna? È il caso della restomod che arriva direttamente dall’Inghilterra. Come ogni restomod degli ultimi anni, anche questa versione prevede che l’auto sia trasformata in elettrica.

Alfa Romeo Alfasud: arriva in versione elettrica

L’ingegnere Sean Fosberry ha restaurato la sua Alfasud montandole per l’appunto un motore elettrico. L’auto originale che è stata modificata aveva la scocca rovinata dal tempo. Perciò Fosberry l’ha sostituita con una nuova di zecca. Altre componenti, invece, sono state completamente rimesse a nuovo con un minuzioso lavoro artigianale. Il risultato è stato un restauro completo che ha riportato in vita questo esemplare di Alfasud.

I vari lavori di restauro sono costati circa 10 mila sterline. Sia la carrozzeria che l’abitacolo sono state riportate in condizioni come appena usciti di fabbrica. La vera modifica riguarda il cambio di propulsore, togliendo il vecchio motore endotermico, a favore di un motore elettrico.

In origine c’era un Boxer 4 cilindri, ma ora con il motore elettrico, l’auto eroga 140 cv. La batteria da 24 kWh proviene da una Nissan Leaf e l’autonomia garantita è intorno ai 100 km. Per quanto riguarda la trasmissione della potenza alle ruote motrici, l’auto è diventata a trazione integrale, in quanto è stata montata quella della 33 4×4. Anche le sospensioni anteriori, i freni anteriori e l’asse posteriore derivano dall’Alfa 33 4×4. Invece, tutti gli altri componenti sono originali.

Lascia un commento