La nuova Renault Clio nel segno della continuità

Renault ClioÈ attesa al prossimo Salone dell’Automobile di Ginevra, in programma dal 7 al 17 marzo, la nuova generazione (la quinta) della Renault Clio. La sua missione numero uno è di certo quella di sostituire degnamente il modello lanciato nel 2012, particolarmente fortunato dal punto di vista commerciale.

Forse per questo motivo i designer di casa Renault non hanno voluto strafare nell’impostazione generale di questa nuova Renault Clio. Difatti, nonostante utilizzi una piattaforma completamente nuova la CMF-B (dedicata alle nuove utilitarie del gruppo Renault Nissan Mitsubishi), la nuova Renault Clio nelle linee esterne non differisce molto rispetto alla sua antenata. Si tratta infatti sempre di una vettura dalle linee sportive e filanti.

Oggi però, almeno all’apparenza, la nuova Renault Clio sembra ancora più curata. Ciò che cambia sono i fari anteriori che presentano ora quella caratteristica striscia di LED che scendono verso il fascione, la stessa vista sulle Megane e Talisman. Tuttavia l’intera gamma Clio gioverà di fari a LED, a partire quindi dall’allestimento base.

Ora anche il cofano anteriore presenta una nuova linea e sotto agli specchietti laterali è presente una presa d’aria. I fanali posteriori sono stati rivisti in modo da richiamare l’andamento a C dei fari anteriori. Molto interessante anche aver mantenuto la linea dei finestrini rastremati al posteriore; in questo modo tutta la linea laterale risulta più sportiva, in accordo con i passaruota ora più ampi.

Tutto nuovo invece è l’abitacolo, decisamente rivoluzionato nell’impostazione ma anche con materiali di qualità superiore. Interessante la dotazione tecnologica, infatti la plancia si caratterizza per un ampio schermo touch a sbalzo, una novità per la categoria di vetture a cui la Clio appartiene.

Il bagagliaio ha ora una capacità superiore di 91 litri rispetto alla versione precedente, diventano quindi 391 i litri disponibili. Sarà inoltre resa disponibile una versione ibrida, la E-Tech. Attendiamo quindi il Salone di Ginevra per saperne di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.