in

Le migliori 10 elettriche da acquistare adesso

Cresce la voglia di passare alle elettriche. Ecco le dieci più interessanti elettriche da acquistare adesso

Elettrica

Cresce la voglia di passare alle elettriche. Ma quali potrebbero essere le dieci più interessanti elettriche da acquistare? Il dato relativo alle vendite di vetture elettriche sembra crescere sempre di più, tanto che la possibilità di scelta diventerà sempre più corposa nei prossimi anni anche in virtù delle imposizioni normative imposte dai Governi ai singoli costruttori.

Allo stesso tempo, l’infrastruttura dedicata alla ricarica di queste vetture cresce sebbene non secondo modalità perfettamente capillari. Insomma, le prerogative utili a praticare un effettivo cambio di passo verso le elettriche sembrano essere sempre più corpose. L’offerta appare diversificata, ovvero in grado di abbracciare molteplici tipologie di utenza. Va poi considerata la possibilità di ottenere validi incentivi, oltre al fatto di poter accedere tranquillamente alle Zone a Traffico Limitato, in accordo con riduzioni delle tassazioni oggi presenti sulle vetture tradizionali.

Ecco la nostra selezione di elettriche:

  • Fiat Nuova 500 Elettrica
  • Dacia Spring
  • Citroën Ami
  • Opel Mokka-e
  • Hyundai Ioniq 5
  • Skoda Enyaq
  • Kia EV6
  • Volkswagen ID.3
  • Tesla Model 3
  • Audi e-tron GT

Fiat Nuova 500 Elettrica

La Nuova 500 Elettrica di casa Fiat rappresenta una delle più valide proposte relative alle elettriche da città, con possibilità di intraprendere comunque valide gite fuori porta anche in accordo con le due versioni a disposizione. La vettura, al netto dei possibili incentivi e promo, ragiona su un prezzo competitivo (un po’ alto senza la possibilità di ottenere facilitazioni economiche) e bassissimi costi di gestione in accordo con uno stile iconico che piace praticamente ovunque.

Nuova 500 Elettrica
Nuova 500 Elettrica

Sebbene questa terza generazione, elettrica, sia un po’ più grande rispetto a quella precedente dotata di propulsore a combustione, la Nuova 500 Elettrica è ancora a suo agio nel traffico urbano. Sono disponibili due opzioni per la batteria: la versione base con batteria da 23,8 kWh garantisce un’autonomia di 180 chilometri nel ciclo WLTP mentre quella con batteria da 42 kWh permette di percorrere fino a 320 chilometri. Nel primo caso abbiamo una potenza di 70 kW mentre nel secondo pari a 87 kW.

Dacia Spring

Fra le elettriche di maggior successo, sin dal suo debutto, c’è la Dacia Spring ovvero la prima elettrica del costruttore di casa Renault decisamente low cost. La vettura è destinataria di uno stile moderno con doppi fari anteriori e luci diurne a LED: la mascherina nasconde invece l’elemento utile per la ricarica che si apre mediante una levetta posta al di sotto del volante.

Dacia Spring
Dacia Spring

È omologata per quattro persone, ma risulta comunque spaziosa e valida nel traffico cittadino. Una valida alternativa per l’approccio alle nuove elettriche senza spendere troppo. La prerogativa low cost si “paga” chiaramente nelle finiture, piuttosto spartane, ma si può chiudere un occhio. Perfetta quindi per la città, un po’ meno nell’extra urbano dove la scarsa potenza si fa sentire.

Citroën Ami

La Citroën Ami è un’autentica rivoluzione fra le elettriche. Non parliamo di una vera e propria auto elettrica, visto che si tratta di un quadriciclo leggero guidabile già a 14 anni col “patentino”. Una valida alternativa per muoversi in città agevolmente e dire addio alle microcar tradizionali. Si può acquistare sfruttando molteplici formule di abbonamento o in un’unica soluzione, sfruttando quindi una modularità molto apprezzata.

Citroen Ami
Citroën Ami

La velocità massima, sulla base delle ovvie restrizioni normative, è fissata in 45 km/h. Perfetta per la città, dove l’autonomia di 75 chilometri rimane più che sufficiente. Sconsigliata per l’utilizzo fuori porta. Spartana, ma valida, all’interno. Ampiamente personalizzabile.

Opel Mokka-e

Cambiamo segmento con la Opel Mokka-e che fra le elettriche rimane apprezzatissima per lo stile e per le possibilità che riesce ad offrire. Questa terza generazione dell’apprezzato SUV del costruttore tedesco muta infatti sotto ogni punto di vista in accordo con una nuova piattaforma, di provenienza PSA (e-CMP), e con uno stile decisamente valido e molto apprezzato da un pubblico più giovane.

Opel Mokka-e
Opel Mokka-e

Dotata di forte personalità, adotta una batteria da 50 kWh con raffreddamento a liquido e pompa di calore capace di alimentare un motore sincrono a magneti permanenti capace di 136 cavalli di potenza. Buoni i riscontri in termini di consumi in città, cala invece l’autonomia in autostrada un po’ come tutte le elettriche per un valore dichiarato di oltre 300 chilometri. Con le diverse modalità di guida a disposizione possono essere garantite percorrenze differenti.

Hyundai Ioniq 5

È risultata subito particolarmente apprezzata la nuova Hyundai Ioniq 5 che strizza l’occhio a modelli decisamente più premium per quanto riguarda le elettriche oggi a disposizione sul mercato. Con la Ioniq 5, Hyundai mostra su tutta la linea la tecnologia utile a ragionare sulle elettriche di nuova generazione in accordo con prestazioni e capacità di ricarica che oggi possiamo trovare quasi esclusivamente su modelli di fascia alta.

Hyundai Ioniq 5
Hyundai Ioniq 5

Sono disponibili due opzioni di batteria con tre erogazioni di potenza: la batteria di ingresso da 58 kWh è abbinata a un singolo motore da 168 cavalli ​​che aziona le ruote posteriori con autonomia di circa 400 chilometri percorribili. La versione mid-spec da 214 cavalli offre la migliore autonomia, con una batteria da 73 kWh che aumenta la distanza totale che può essere coperta con una singola carica a 450 chilometri. La variante top di gamma utilizza la stessa batteria da 73 kWh, ma aggiunge un secondo motore nella parte anteriore, per un totale combinato di 301 cavalli e 605 Nm di coppia. L’autonomia complessiva scende leggermente a 430 chilometri, sebbene le prestazioni siano state migliorate di molto.

Skoda Enyaq

Tra le elettriche più interessanti dell’ultimo periodo c’è anche la Skoda Enyaq, pratica, ben equipaggiata, comoda e piacevole da guidare. Con i modelli di fascia alta in grado di coprire oltre 480 chilometri di autonomia dalla ricarica completa, lenisce qualsiasi ansia da autonomia e continua ad essere un’eccellente auto di famiglia, che sembra funzionare piuttosto bene.

Skoda ha escogitato un modo innovativo per la personalizzazione del nuovo Enyaq; invece dei livelli di allestimento standard offre cinque “Selezioni Design” individuali: Loft, Lodge, Lounge, Suite ed ECO Suite. Ciascuno fornisce un approccio progettuale distinto, con materiali diversi utilizzati per creare lo stile più apprezzato dall’utente.

Skoda Enyaq
Skoda Enyaq

Decisamente generosa nelle dotazioni, con cerchi in lega da 19 pollici, fari a LED, un display strumenti digitale Virtual Cockpit, climatizzatore, cruise control e sensori di parcheggio posteriori, già presenti sul modello base, mentre anche il prezzo è interessante pari a poco più di 36mila euro.

Kia EV6

La Kia EV6 è praticamente la gemella della Hyundai Ioniq 5, quindi è un’ottima scelta se ami la tecnologia di quel modello, ma possiede un aspetto meno futuristico della sorella di casa Hyundai. Fra le elettriche la Kia EV6 è probabilmente più convenzionale fra le due, ed è un po’ più bassa e più sportiva. Ciò si riflette in una concreta maneggevolezza, con sospensioni leggermente più solide che offrono risposte più nitide.

Viene proposta nelle versioni Long Range RWD, Long Range AWD e una versione GT ad alte prestazioni: interessante la variante entry level con autonomia di oltre 500 chilometri con una sola ricarica e batteria da 77,4 kWh, in accordo con tempistiche per lo 0-100 km/h di tutto rispetto. La trazione integrale è innegabilmente più veloce, riducendo di due secondi il tempo di sprint di riferimento. Ma ha anche un’autonomia leggermente inferiore, costa molto di più nella guida sportiva potrebbe non essere perfettamente a suo agio.

Kia EV6
Kia EV6

Ogni versione offre l’impressionante ricarica ultra rapida fino a 250 kW, quindi se riesci a trovare un caricabatterie pubblico abbastanza veloce è possibile mettere in pratica una ricarica dal 10 all’80% in meno di 20 minuti.

Volkswagen ID.3

Da consigliare fra le elettriche anche la nuova Volkswagen ID.3, la prima elettrica di Volkswagen capace di garantire comfort e una gamma pratica e adatta ad ogni tipologia di utenza. La ID.3 rappresenta uno sguardo nel futuro per ciò che riguarda Volkswagen. A parte il suo aspetto giovanile, l’interno include anche la tecnologia più recente con la possibilità di disporre di molteplici schermi e comandi touch a cominciare da un ampio schermo da 10 pollici. La tecnologia è molto più avanti, ad esempio, di quella a disposizione su una Nissan Leaf.

La Volkswagen ID.3 da 201 cavalli è interessante da guidare, in accordo con un assetto ben definito che permette di apprezzare un aguida piuttosto composta. Il propulsore elettrico, notoriamente silenzioso, e l’assenza di rumori esterni di ogni tipo permettono di mantenere alti i livelli di comfort percepito.

Volkswagen ID.3
Volkswagen ID.3

Qualunque sia la versione scelta per adattarsi al tuo stile di vita, la Volkswagen ID.3 è un’auto elettrica eccezionale e si distingue sicuramente dalle rivali.

Tesla Model 3

La Tesla Model 3 è l’auto elettrica che molti stavano aspettando. Fra le elettriche viste fin qui, possiamo dire che si tratta di una berlina di medie dimensioni capace di inserirsi nel medesimo Segmento interessato dalle BMW Serie 3 o Mercedes Classe C. Una fetta di mercato con un ampio appeal che vede nella Model 3 una fra le elettriche più convincenti ed apprezzate del lotto.

Capace di combinare stile minimalista, tecnologia, prestazioni che inducono il sorriso, tecnologia di ricarica all’avanguardia (supportata dall’ampia e dedicata rete di Tesla Supercharger) e, soprattutto, una lunga autonomia di guida. Il modello Standard Range Plus, entry level, vanta oltre 420 chilometri di autonomia con una singola carica, ma non sacrifica le prestazioni per raggiungere questo obiettivo. Il motore elettrico aziona le ruote posteriori e alimenta l’auto per uno 0-100 km/h da realizzare in 5,3 secondi. 

Tesla Model 3
Tesla Model 3

L’interno non è come quello che troverai in qualsiasi BMW o Audi. L’approccio minimalista potrebbe non essere per tutti i gusti, ma non si può negare il fattore legato allo stupore di chi sale per la prima volta a bordo di una Tesla Model 3. Spendendo qualche cosa in più si ha a disposizione la versione a quattro ruote motrici Long Range con due motori elettrici e una batteria più grande per un’autonomia di circa 600 chilometri e uno 0-100 km/h realizzabile in 4,2 secondi. Poi c’è la Model 3 Performance, che brucia lo 0-100 km/h in 3,1 secondi, ma è ancora in grado di percorrere oltre 560 chilometri con una batteria completamente carica.

Audi e-tron GT

Concludiamo questo viaggio fra le elettriche da acquistare con l’Audi e-tron GT, una sportiva capace di combinare uno stile spettacolare con livelli premium in tema di comfort e tanta potenza erogata. La qualità di guida è eccellente e, volendo decidere di aumentare le prestazioni, si avrà a disposizione uno sterzo preciso e l’eccezionale dinamica di guida che contribuiscono a rendere la e-tron GT una sportiva dalla guida gratificante.

Audi e-tron GT
Audi e-tron GT

Guardando ai numeri, della Audi e-tron GT si sottolineano le prestazioni e la praticità offerte: 523 cavalli, 0-100 km/h in 4,1 secondi e un’autonomia pari a circa 500 chilometri. La ricarica è un ulteriore punto a favore; fino a 270kW con stazioni di ricarica a 800 Volt ovvero si può ricaricare dal 5 all’80% in soli 23 minuti.

Con un prezzo di circa 106mila euro, l’Audi e-tron GT include un’ottima tecnologia di bordo. Eccezionale.