L’Opel Agila compie vent’anni!

Opel AgilaSiamo alla fine degli Anni ’90. In casa Opel lavorano alla terza generazione della Opel Corsa ma nel frattempo si fa sempre più spazio l’idea di dare vita ad una vettura più piccola si, ma anche più economica da essere acquistata. Lo sviluppo comincia coinvolgendo la Suzuki, che allora orbitava come Opel nel Gruppo General Motors.

Il primo prototipo viene mostrato quindi nel 1999, sebbene per la variante di serie bisognerà aspettare marzo 2000. Nasce così l’interessante Opel Agila, un’arzilla piccola monovolume lunga appena 354 centimetri. Ora compie 20 anni e sembra quasi non volerlo dimostrare. Ha anche cinque porte e il tetto alto e piatto, a vantaggio dell’ottima abitabilità interna. In città è perfetta e sembra non avere nemmeno rivali.

La Opel Agila veniva prodotta in Polonia nello stabilimento di Gliwice, in accordo con la produzione della Suzuki Wagon R+ con cui condivideva linee e componentistica. Dal punto di vista meccanico la Agila era molto semplice nell’impostazione, tipica delle citycar. I freni a disco si hanno solo davanti, come anteriore è anche la trazione e il cambio è un manuale a cinque rapporti. Esordiva con motorizzazioni benzina a 3 cilindri (1.0 da 58 cavalli) e 4 cilindri (1.2 da 75 cavalli).

Il 2003 porta in dote un restyling di metà carriera che introduce anche un turbodiesel 1.3 a quattro cilindri e 70 cavalli di potenza, derivato da un propulsore Fiat. Viene introdotto anche un benzina 1.0 da 60 cavalli mentre il 1.2 da 80 cavalli arriverà nel 2004. Quindi la prima generazione della Agila rimane a listino fino al 2007 venduta in 440mila unità: il 40% di queste veniva venduto in Italia.

La seconda generazione arriverà proprio nel 2007, sempre frutto dell’accordo tra Opel e Suzuki. Ora entrambe sono più grandi, rimane il nome Agila per la Opel mentre la Suzuki muta in “Splash”. Ci sono sempre 5 porte ma i centimetri in lunghezza sono ora 374. La linea diventa più morbida e dinamica con canali posteriori sviluppati in verticale; i posti dentro sono ora cinque.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.