in ,

Lotus: chiusa definitivamente l’era di Exige, Elise ed Evora

È la fine di un’era in casa Lotus, quella che coincide con l’ufficiale addio alle iconiche Exige, Elise ed Evora

Lotus

È la fine di un’era in casa Lotus, quella che coincide con l’ufficiale addio alle iconiche Exige, Elise ed Evora. La formalizzazione dell’addio passa da un’immagine scattata presso la storica sede inglese di Hethel. D’altronde parliamo delle ultime Lotus dotate di propulsore tradizionale, ovvero le vetture responsabili di circa la metà delle vendite messe in pratica da Lotus da sempre.

Insieme hanno totalizzato infatti ben 51.738 vendite permettendo a Lotus di superare momenti anche diversi momenti di crisi. Ora per i tre iconici modelli viene scritta la parola fine: Lotus si tufferà completamente su un futuro dominato dall’elettrico.

Elettrico ad eccezione del propulsore adottato sull’ultima Lotus Emira, che si basa su una versione modificata della stessa piattaforma utilizzata per le Exige, Elise ed Evora, ovvero un familiare motore a benzina da 3,5 litri basato sul medesimo elemento di casa Toyota o una variante derivata da un propulsore AMG da 2,0 litri. Sarà disponibile per le vendite a partire dalla prossima primavera, seguita dalla hypercar Evija che invece sarà completamente elettrica.

Lotus

Se ne va un pezzo di storia di casa Lotus

Le Lotus Elise, Exige ed Evora sono state costruite nel corso di 26 anni a Hethel, nel Regno Unito. Elise ed Exige condividevano la stessa piattaforma che utilizzava anche la Opel Speedster e le primissime Tesla Roadster. La Evora invece adottava la piattaforma Big Car.

Come in ogni capitolo che si chiude, ogni dirigente dello stabilimento di Hethel ha tenuto un discorso. Ecco alcuni estratti.

“Prima di tutto, vorrei ringraziare il team Lotus che ha lavorato su Elise, Exige ed Evora nel corso degli anni e che ora si sta trasferendo alla produzione di Emira ed Evija. Vorrei anche esprimere un’enorme gratitudine a tutti i clienti di Elise, Exige ed Evora degli ultimi 26 anni per la loro passione, entusiasmo e supporto. Questi clienti hanno conferito alle nostre ‘tre E’ uno status di vero culto, solitamente riservato a classici fuori produzione da tempo”

ha affermato l’amministratore delegato di Lotus Cars, Matt Windle.

Russell Carr, direttore del design di Lotus Cars, ha aggiunto una nota personale, affermando:

“queste auto iconiche non solo hanno svolto un ruolo enorme nei 73 anni di storia di Lotus, ma sono state anche sempre presenti nella mia vita quotidiana. Insieme al team di design di Lotus ho vissuto e respirato queste auto per oltre 26 anni. Ci mancheranno, ma un po’ come il Natale, una volta finito, l’eccitazione per il prossimo inizia a crescere. Ed è quello che sta succedendo ora alla Lotus con l’Evija, Emira e il prossimo Type 132. Il 2022 sarà un grande anno in quanto una nuova generazione di Lotus entrerà in azione”

Il Type 132 menzionato da Carr sarà il primo SUV elettrico di Lotus, la cui anteprima mondiale è prevista per questa primavera.

Lotus

Le tre E erano importanti non solo perché erano divertenti da guidare, ma anche per i loro progressi tecnologici nel corso degli anni, compreso un primo utilizzo industriale dell’alluminio estruso e incollato in parti che venivano schiacciate e incollate insieme.

“Tutte le tecnologie e le innovazioni vanno avanti e, se mi avessi chiesto del mio momento di maggiore orgoglioso quattro anni fa, avrei, senza esitazione, detto il telaio di Elise. Tuttavia, questo è stato usurpato dalla nostra nuova architettura Project LEVA [Lightweight Electric Vehicle Architecture] per la nostra nuova gamma di auto sportive elettriche, a partire dalla Type 135 che arriverà tra qualche anno. Questo è ora l’apice delle architetture Lotus poiché ha spostato molto oltre il limite tecnologico. C’è molto da guardare avanti”

ha affermato Richard Rackham, capo dei concept di veicoli ovvero il designer a capo della Lotus Elise e parte del team che ha aperto la strada alla nuova tecnologia.

Un futuro a trazione elettrica

La Type 135 a cui si riferisce è il successore più vicino a queste tre auto che ora vanno in pensione. È prevista per il 2026 e girerà sulla nuova architettura E-Sports di Lotus che sarà condivisa da tutte le future auto sportive a marchio Lotus. La nuova architettura sarà basata su un telaio ausiliario posteriore leggero che contiene sia le batterie che i motori. La struttura stessa è più di un terzo più leggera di quella utilizzata per l’Emira a benzina. La leggerezza è fondamentale, visto il peso attuale dei pacchi batteria.

Lotus

Le batterie dei futuri veicoli elettrici del costruttore inglese potranno essere impilate verticalmente, come probabilmente saranno nelle auto sportive, o disposte sotto il pavimento nei veicoli a passo più lungo.

Quindi vediamo i piani dei nuovi modelli Lotus direttamente qui, approssimativamente in ordine di uscita in calendario: la sportiva a benzina con motore centrale Emira, la hypercar elettrica Evija, SUV Type 132, coupé a quattro porte Type 133, crossover Type 134 e sportiva elettrica Type 135.

Ora la musica cambia e gli ultimi tre esemplari di Lotus Elise, Exige ed Evora mostrati in queste immagini sono riservati alla crescente collezione del patrimonio personale di casa Lotus. Si chiude un’era, per confezionarne una nuova fatta di silenzi e batterie.