in

Maserati GranTurismo Folgore 2023, tutti i dettagli: esterni, interni, tecnologia, prezzi, uscita

La Maserati GranTurismo Folgore 2023 andrà a misurarsi sullo stesso piano con la Porsche Cayman, in un duello che si profila esaltante.

Maserati GranTurismo Folgore 2023

Anche senza i pistoni è possibile ottenere soluzioni decisamente interessanti. Pensata per la guida quotidiana di ogni giorno, la Maserati GranTurismo Folgore 2023 andrà a sfidare la Porsche Taycan, per una battaglia senza esclusione di colpi. Senza fare ombra alla MC20, il futuro ingresso in listino della Casa automobilistica del Tridente si avvale di ottime credenziali. Presentata lo scorso mese di ottobre in modalità statica, sarà acquistabile a partire dai prossimi mesi. Quanto toccherà aspettare, però, resta un mistero, in quanto non sono ancora uscite comunicazioni ufficiali dal quartier generale di Modena.

Gli esterni sono stati immortalati in mille modi, mentre ancora adesso sull’abitacolo vige il massimo riserbo. E lo stesso vale per il prezzo, anche se con ogni probabilità supererà la soglia dei 200 mila euro. Una cifra adatta a pochi fortunati guidatori. D’altronde, la Maserati è uno status symbol, che nei progetti del gruppo Stellantis occuperà un gradino sopra le “semplici” realtà premium Alfa Romeo, Lancia e DS. La Maserati GranTurismo 2023 è un concentrato di eleganza, comfort e sportività, ai massimi livelli.

Gli esterni della Maserati GranTurismo Folgore 2023

Maserati GranTurismo Folgore 2023

Il sotto-brand Folgore identifica ogni veicolo full electric della compagnia. Così è, ovviamente, pure stavolta, con il look che non presenta poi molte differenze rispetto alla controparte termica. Comunque, i dettagli appositi le permettono di essere riconoscibile mentre circola su strada. Ad esempio, la griglia anteriore a nido d’ape ingloba i consueti listelli. Forti delle eccellenti competenze nella fabbricazione di auto, la Maserati ricava da un unico blocco di alluminio il “cofango”, che racchiude il cofano allungato e i parafanghi laterali. Esteso tre metri quadrati, non può essere aperto né dalla clientela né tantomeno dall’officina.

Di conseguenza, non se ne parla di un bagagliaio frontale, che avrebbe permesso di ospitare ulteriori oggetti a bordo. In totale, il vano scende a quota 270 litri, 40 in meno dell’unità a combustione interna. Ciò per dedicare spazio alla coppia di propulsori posteriori. Sul “lato B” sono state mosse delle critiche circa la porta di ricarica, collocata sul paraurti. Ad avviso dei detrattori, è troppo esposta e si corre, pertanto, il concreto il rischio di incorrere in guai per eventuali urti.

Vista di profilo, la Maserati GranTurismo 2023 lascia il segno, contraddistinta dalle tre feritoie, impreziosite da un fascio luminoso specifico. I cerchi in lega sono a diametro differenziato, da 20 pollici all’anteriore con pneumatici da 265/35 e 21 pollici al posteriore calzati da gomme da 295/30. I freni Brembo hanno sei pistoncini su dischi da 380 mm davanti e quattro pistoncini su dischi da 350 mm dietro. Il “fondoschiena” è appuntito ma conserva la fluidità per amalgamarsi al meglio con il resto del corpo vettura.

L’abitacolo e le dotazioni tecnologiche

Maserati GranTurismo Folgore 2023

Lo abbiamo detto già in apertura: alla première mondiale della Maserati GranTurismo Folgore 2023 sono state diffuse sì parecchie foto, nessuna, tuttavia, ritraente gli interni. A livello generale, richiama lo stesso stile di precedenti produzioni, tipo la Grecale. Al centro della plancia troveremo il display da 12,3 pollici delegato alla gestione di MIA (Maserati Intelligent Assistant). Il sistema multimediale è di derivazione Android Auto, con l’assistente Amazon Alexa, la compatibilità wireless Apple CarPlay e Android Auto e la possibilità di gestire in contemporanea una coppia di smartphone.

Per la strumentazione digitale è previsto uno schermo da 12,2 pollici con grafica personalizzabile, in relazione alle circostanze e ai gusti del conducente. I pulsanti fisici scompaiono, lasciando libero il tunnel centrale. In listino, sotto la voce optional, è incluso l’Head-up Display. Il pacchetto di tecnologie vale un sistema di guida autonoma di Livello 2.

Un sound tridimensionale connota l’impianto audio premium, firmato dagli italiani di Sonus faber, avente due gradi di configurazione. Nel pacchetto base conta 14 speaker per 860 Watt di potenza, mentre, previo pagamento di un sovrapprezzo, i clienti più esigenti possono averne uno fino a 19 speakers e 1.195 Watt per un’esperienza immersiva al massimo.

La promessa dell’azienda è di una “All-round sound experience”, il che per una full electric ha comportato dei particolari adattamenti. A coronamento di lunghe sessioni di studio, gli ingegneri del Maserati Innovation Lab hanno individuato la via per replicare in maniera fedele le frequenze del termico, arricchite con quelle più melodiose di un EV. L’abitacolo propone l’abitabilità 2+2, con la limitazione del solo lunotto spiovente che permette anche a persone di media statura di mettersi comodi sulle sedute posteriori.

Mostrata in tonalità Rame Folgore all’esterno, su sedili, montanti e soffitto la Maserati GranTurismo Folgore 2023 ha degli inserti in Econyl, un materiale sostenibile ricavato dal nylon riciclato da plastiche e reti da pesca recuperate in mare. La lavorazione laser dei rivestimenti dona pregio alla lounge.

Modalità di guida

Maserati GranTurismo Folgore 2023

Le modalità di guida sono quattro in totale – GT, Sport, Corsa e Max Range – e altrettanti i livelli di recupero dell’energia. Il cervello di bordo, sviluppato al 100 per cento da Maserati, si chiama VDCM (Vehicle Domain Control Modul) ed è deputato a gestire le varie modalità. La Max Range è la soluzione pensata per chi desidera limitare il più possibile i consumi, in modo da beneficiare di una maggiore autonomia. Consigliata quando la batteria scende sotto la soglia del 16 per cento, questo settaggio interviene su funzionalità del climatizzatore e le prestazioni (velocità limitata a 130 km/h). Che sono usufruibili all’80 per cento in configurazione GT e al 100 per cento in Sport e Corsa.

L’ultima menzionata dà all’automobilista la facoltà di modulare a piacimento il Torque Vectoring, il controllo di trazione e il Performance Optimizer. Il Torque Vectoring ripartisce l’erogazione istantanea, rendendo non necessarie le quattro ruote motrici, per un considerevole risparmio di peso. Grazie al Performance Optimizer si può scegliere tra Endurance e Max Boost, rispettivamente votati al prolungamento delle performance e alla massima accelerazione per un intervallo limitato. Sia in Corsa sia in Sport è disponibile pure il Launch Control.

Maserati GranTurismo Folgore 2023

L’architettura supporta gli 800 Volt e la batteria ha una capacità di 92,5 kWn nominali (83 kWh effettivi). Il picco di ricarica è di 270 kW, che consente di recuperare i primi 100 km in appena 5 minuti. Dal 20 all’80 per cento si passa in 18 minuti. Il powertrain conta su tre motori da 300 kW ciascuno, uno collocato all’anteriore e due al posteriore, indipendenti tra loro. La potenza combinata continua è di 560 kW (che diventano 610 in modalità Max Boost), la coppia di 1.350 Nm e la trazione integrale.

La forma del pacco batteria, battezzata T-Bone, consente di non aver moduli batteria sotto le sedute, riunendoli perlopiù attorno al tunnel. Così facendo, il punto “H” dista 40 cm e l’altezza è di 1.35 m, la più bassa per un EV di tale caratura. Dal punto di vista delle prestazioni, la velocità di punta è di 320 km/h e lo ‘0-100’ viene coperto in 2,7 secondi. L’autonomia dichiarata è di 450 km.

Alcune tecnologie derivano dalla Formula E, il campionato dedicato alle monoposto elettriche, in cui il Tridente corre proprio a partire da quest’anno. Sebbene sia al debutto, il know how accumulato da Stellantis forse le darà modo di bruciare le tappe. Per sentirsi un po’ come i piloti, di FE la GranTurismo Folgore può essere l’opzione ideale.

 

 

 

Looks like you have blocked notifications!