in

Mercedes citata in giudizio: ecco perchè

Mercedes-Benz
Mercedes-Benz

L’organismo di vigilanza dei consumatori australiano ha intentato una causa mercoledì contro Mercedes con l’accusa di aver minimizzato la gravità dei rischi associati all’utilizzo degli airbag Takata dopo che i decessi legati al loro utilizzo hanno provocato il più grande richiamo di veicoli del paese. L’Australia ha messo in atto richiami volontari dal 2009, ma nel 2018 ha reso obbligatorio il richiamo degli airbag difettosi e da allora sono stati identificati quattro milioni di tali airbag per la sostituzione.

In Australia Mercedes è stata citata in giudizio per gli airbag Takata

L’Australian Competition and Consumer Commission (ACCC) ha affermato che il personale di Mercedes ha detto ai consumatori che il richiamo è stato precauzionale e non si sono verificati incidenti avversi, aggiungendo che è sicuro guidare veicoli di oltre sei anni. L’ACCC ha affermato che la formulazione del personale Mercedes ha esposto i consumatori a possibilità di lesioni gravi o morte riducendo al minimo i rischi.

“Queste presunte rappresentazioni hanno utilizzato un linguaggio incompatibile con i requisiti dell’avviso di richiamo obbligatorio”, ha affermato ACCC. Daimler, il gruppo proprietario di Mercedes, non era immediatamente disponibile per una richiesta di commento da parte di Reuters. Le case automobilistiche, tra cui Ford Motor, Mazda e Honda, hanno ritirato dalla strada milioni di loro modelli dal 2008, in quello che è stato anche il più grande richiamo automobilistico nella storia degli Stati Uniti.

Ti potrebbe interessare: Mercedes accusa la Red Bull di aver infangato il nome di Hamilton

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.