Mercedes presenta il suo nuovo MBUX Hyperscreen

MBUX HyperscreenÈ ormai chiaro che in casa Mercedes esiste la volontà concreta di giocare un ruolo da protagonista tra le vetture elettriche, non è un caso che da qui al 2022 arriveranno ben otto nuove vetture elettriche della Stella. Già nella prima metà del 2021 è attesa la nuova Mercedes EQS, ovvero una berlina elettrica di alta gamma ovvero posta sullo stesso piano dell’ammiraglia Classe S.

La Mercedes EQS disporrà inoltre di ben 700 chilometri di autonomia, in abbinamento con un sistema multimediale appena presentato fra i più sofisticati finora disponibili. Si tratta infatti dell’MBUX Hyperscreen, ovvero una importante evoluzione dell’elemento già a disposizione sulla gamma Mercedes. Se oggi sulla Mercedes Classe S troviamo già uno schermo ad installazione verticale, col nuovo sistema avremo una soluzione perfettamente integrata con la strumentazione digitale del cruscotto; quindi tutti gli schermi si fondono in un unico elemento senza soluzione di continuità.

La sensazione è praticamente identica a quella che si ha quando ci si trova di fronte ad uno schermo unico, peraltro disposto sulla plancia a tutta larghezza. I pannelli OLED sono suddivisi in tre aree principali che vengono inseriti all’interno di una cornice in plastica con vetro antiriflesso. Si pensi poi che il sistema gestito da un processore octa core possiede ben 24 GB di RAM. Insomma, un elemento dotato di una enorme tecnologia utile a semplificare la vita al guidare almeno nelle intenzioni di chi ha progettato l’MBUX Hyperscreen. Saranno quindi a disposizione tutti i parametri caratteristici della vettura, il tutto abbinato ad una complessiva semplicità di utilizzo. Rispetto alla versione precedente, il nuovo MBUX Hyperscreen possiede una tonalità blu e arancione con grafica rivista che da priorità alla semplificazione e alla leggibilità.

Anche il passeggero svolgerà un ruolo da protagonista poiché avrà a disposizione uno specifico pannello di tipo touch, che quando non è presente nessuno sul sedile si trasforma in un semplice elemento decorativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.