in

Monopattini elettrici anche fuori città: occhio se guidi l’auto

La legge di conversione del decreto Infrastrutture fa un regalo a chi va su monopattini elettrici anche fuori città

monopattini elettrici

Sorpresa: arrivano i monopattini elettrici anche fuori città. E le multe per chi sgarra si dimezzano come importo. Solo, ci sarà l’obbligo di “frecce” e di rispettare i 20 km/h anziché i 25 km/h. Così, la legge di conversione del decreto Infrastrutture fa un regalo ai monopattinisti col nuovo Codice della Strada. E i ventilati obblighi di targa, patentino, casco, assicurazione Rc? Zero. Quindi, si allargano le maglie per chi viaggia sulle tavolette: non credete alle fake news sul giro di vite. La stretta è una bufala.

Monopattini elettrici anche fuori città: pericolo

Nel 2021, un morto al mese su monopattino; più 14.000 feriti gravi. Con le nuove norme, i pericoli aumentano. Ovviamente, chi guida auto, furgoni, moto, scooter, TIR, bici e altro dovrà stare molto più attento di prima, quando già i rischi erano elevati. Pure i pedoni sono ancora più a rischio.

Come spiega l’Asaps (Amici Polstrada), c’è la nuova formulazione dell’articolo 1 della Legge 27 dicembre 2019, numero 160, al comma 75-terdecies: i monopattini a propulsione prevalentemente elettrica possono circolare esclusivamente su strade urbane con limite di velocità di 50 km/h, nelle aree pedonali, su percorsi pedonali e ciclabili, su corsie ciclabili, su strade a priorità ciclabile, su piste ciclabili in sede propria e su corsia riservata. O dovunque sia consentita la circolazione dei velocipedi. Siccome le bici sono velocipedi, e siccome le bici vanno anche fuori città, allora pure i monopattini elettrici potranno farlo.

Viene così buttata nel cestino la vecchia formulazione del comma 75-ter. Che (un minimo) proteggeva la sicurezza stradale: i monopattini a propulsione prevalentemente elettrica di cui al comma 75 possono essere condotti solo da utilizzatori che abbiano compiuto il quattordicesimo anno di età e possono circolare esclusivamente sulle strade urbane con limite di velocità di 50 km/h, ove è consentita la circolazione dei velocipedi, nonché sulle strade extraurbane, se è presente una pista ciclabile, esclusivamente all’interno della medesima.

Sicurezza stradale che peggiora con le nuove norme

Morale: non compare più l’accesso specifico alle strade extraurbane solo con presenza di una pista ciclabile.

Sì, la velocità è stata ridotta da 25 km/h a 20 km/h. Ma in città o fuori città, a 20 km/h, i monopattini sono pericolosissimi.Per chi li usa. E per gli altri utenti.

“Lungo le strade extraurbane, ci attendono code chilometriche per la presenza “legittima” dei nuovi dispositivi di micromobilità elettrica e, purtroppo, altissimi rischi per gli utilizzatori di monopattini”: l’allarme Asaps.

Lascia un commento