in

Nemmeno un euro per l’auto nella legge Bilancio 2022

Momento delicatissimo per l’auto: nemmeno un euro dedicato alle vetture nella legge Bilancio 2022. Allarme rosso

legge bilancio 2022

Il Governo Draghi ha deciso: nemmeno un euro per l’auto nella legge Bilancio 2022. Momento delicatissimo per il settore. Una montagna di quattrini è piovuta su centinaia di settori. Ma nessuna defiscalizzazione per l’auto, nessun aiuto alla transizione ecologica della mobilità, nessun incentivo.

Lo zero assoluto per l’auto è l’esito di una notte di votazioni al Senato, chiamato ad approvare in blocco il maxi-emendamento presentato dal Governo. In realtà, erano in ballo due emendamenti. Uno: dare soldi a un fondo per gli incentivi vecchi. Due: una dotazione finanziaria a sostegno dell’acquisto di auto usate Euro 6, con obbligo di rottamazione.

legge bilancio 2022

Dalla legge Bilancio 2022 alle future regole

Se ne parla, a questo punto, a gennaio 2022. Intanto, sono guai seri. Anche perché la partita si gioca ad armi non pari. Se un settore A viene aiutato dallo Stato, prevarrà su un settore B senza ausilio governativo.

La filiera dell’auto ci ha provato sino all’ultimo secondo. Anfia e Motus-E avevano lanciato un accorato appello al Governo, ai segretari di partito delle forze di maggioranza e opposizione e ai membri della Commissione Bilancio del Senato. Per l’approvazione dell’unica proposta di piano strutturale per la mobilità sostenibile. Pienamente condivisa dalle imprese della filiera produttiva nazionale e da tutti gli operatori che stanno investendo per lo sviluppo della mobilità elettrica. E che riflette la volontà trasversale di diverse forze politiche che avevano già presentato proposte similari.

Niente da fare. Eppure, il settore auto è un pilastro dell’economia nazionale, fa arrivare un fiume di denaro fresco nelle casse dell’erario, dà lavoro a centinaia di migliaia di addetti. Durante anni catastrofici per l’occupazione. Un bel mistero tutto italiano.

Impossibile sapere che cosa non abbia funzionato esattamente. Vedremo se l’anno prossimo si potrà mettere una pezza a tutto questo. Attenzione perché le aziende prima o poi, dopo aver esortato a più riprese i vari Governi, dovranno prendere provvedimenti: licenziamenti. Problema chiama problema. In un sistema chiuso di vasi comunicanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.