in

Nissan Juke Hybrid: partono gli ordini in Italia del crossover ibrido

Fino a 2000 euro di sconto sul prezzo di listino grazie agli incentivi statali 2022

Nissan Juke Hybrid

Da poche ore è possibile ordinare in Italia il nuovo Nissan Juke Hybrid, la prima versione elettrificata del crossover coupé della casa automobilistica giapponese che ha dato vita al segmento B-SUV. Il Juke amplia l’offerta per i clienti e rilancia la sfida in un segmento fondamentale nel mercato italiano, quello dei crossover elettrificati.

Nel periodo gennaio-aprile 2022, il peso dei crossover in Italia è pari al 42% mentre in termini di alimentazione il peso di quelle edificate ha raggiunto il 42,5% (34,1% per i modelli hybrid, 5,1% per gli ibridi plug-in e 3,3% per i 100% elettrici).

Nissan Juke Hybrid
Nissan Juke Hybrid motore

Nissan Juke Hybrid: il nuovo crossover ibrido è ora ordinabile in Italia

In questo scenario, Nissan si colloca con un’accelerazione molto forte verso un futuro di mobilità più sostenibile e il Juke rappresenta solo uno dei nuovi crossover elettrificati Nissan in arrivo nei prossimi mesi, in grado di soddisfare le esigenze di un ampio target di clienti.

Nel 2023, infatti, il marchio giapponese avrà una gamma di crossover elettrificati più nuova e completa nel panorama automobilistico italiano, dal B-SUV Juke al crossover coupé Ariya. I clienti che cercano un crossover coupé dalle prestazioni brillanti, con bassi consumi e basse missioni, oggi possono optare per il Nissan Juke Hybrid.

Nissan Juke Hybrid

Con prezzi a partire da 30.300 euro per l’allestimento N-Connecta, il Juke Hybrid beneficia dei nuovi incentivi statali per le auto a basse emissioni, con uno sconto pari a 2000 euro sul prezzo di acquisto in caso di rottamazione di un veicolo omologato in una classe inferiore a Euro 5. Il modello parte sempre in modalità 100% elettrica e la mantiene fino a una velocità di 55 km/h, viaggiando in città fino all’80% del tempo in modalità EV.

Il cliente può quindi apprezzare il piacere di guida e il feeling tipico di un veicolo elettrico, con un’accelerazione brillante e progressiva, unita al comfort di un abitacolo silenzioso e privo di vibrazioni. Il motore termico Nissan di nuova generazione eroga una potenza di 94 CV e una coppia massima di 148 Nm mentre quello elettrico sviluppa 49 CV e 205 Nm. Complessivamente, quindi, abbiamo a disposizione 143 CV.

Nissan Juke Hybrid

C’è una batteria da 1,2 kWh

Il propulsore è abbinato a uno starter/generatore, ovvero un piccolo motore elettrico da 15 kW, un inverter e una batteria raffreddata a liquido da 1,2 kWh. Le prestazioni crescono del 25% rispetto alla versione benzina, con una riduzione dei consumi di circa il 40% nel ciclo urbano e fino al 20% in quello combinato. Secondo quanto affermato da Nissan, i consumi si attestano fra 5 e 5,2 l/100 km mentre le emissioni di CO2 sono comprese fra 114 e 117 g/km.

A bordo è presente innovativo cambio multi-mode che permette di scaricare a terra la potenza del propulsore con linearità e prontezza, per una guida piacevole e brillante in qualunque situazione. Nell’accoppiamento con il powertrain combustione interna non ci sono né frizione e né sincronizzatori, cosa che riduce di molto gli attriti interni. La prima marcia è in modalità puramente elettrica mentre le quattro in modalità termica sono sincronizzate utilizzando i due motori elettrici.

Nissan Juke Hybrid

Il nuovo Nissan Juke Hybrid viene fornito di serie con la tecnologia Nissan e-Pedal Step per accelerare e rallentare la vettura utilizzando un solo pedale. Disponibile anche la tecnologia ProPilot che assiste il guidatore in fase di accelerazione, sterzata e frenata. Non manca un pacchetto completo di tecnologie di sicurezza, tra cui la frenata di emergenza con riconoscimento di pedoni e ciclisti, il rilevamento della segnaletica stradale, il sistema di mantenimento della corsia e il sistema di avviso e intervento angolo cieco.

A partire dal 25 maggio è possibile ordinare il Nissan Juke Hybrid presso le concessionarie Nissan, con le prime consegne previste a partire da settembre 2022.