Un prototipo aumenta le incertezze sul futuro della Ford Mondeo

Si fanno sempre più incerte le indiscrezioni e le notizie che ruotano attorno al futuro della nuova Ford Mondeo. Se infatti il costruttore dell’Ovale Blu sembrava ormai intenzionato ad abbandonare definitivamente la concezione di grande berlina destinata proprio alla futura Mondeo, ora grazie ad alcune immagini spia non sembra più così evidente l’indiscrezione che era divenuta più imperante quando in Asia il costruttore aveva presentato la Evos al recente Salone di Shangai. Proprio la Evos infatti era stata indicata come la futura generazione della Mondeo.

Con la vettura camuffata e avvistata in queste ultime ore, si potrebbe pensare che Ford stia invece puntando ad un doppio modello da affiancare nel Segmento D del mercato. Di certo però c’è che l’attuale produzione della Ford Mondeo terminerà a marzo del 2022 e poi secondo quanto discusso da Ford, la Evos dovrebbe essere destinata esclusivamente alla Cina.

Stile simile alla Evos

In ogni caso si può dire che il prototipo Ford avvistato in questo caso, possiede una carrozzeria più canonica rispetto a quella della Evos sebbene condivida con questa qualche caratteristica stilistica. Di conseguenza si potrebbe trattare di un modello differente che potrebbe debuttare nel 2023 in sostituzione della Mondeo. Sicuramente le ampie camuffature non permettono di trarre facili giudizi, sebbene i fari anteriori ricordano molto quelli già visti sulla Evos.

Ford Evos

La Ford Evos presentata a Shanghai

Dal punto di vista delle dimensioni, il prototipo appare più ampio nelle metrature che caratterizzano l’attuale Ford Mondeo. Il prototipo che si aggira in Germania possiede una carrozzeria più tradizionale della Evos vista a Shanghai. Non si possono fare quindi supposizioni, ma potrebbe trattarsi anche della Mondeo (denominata in quel caso Fusion, ndr) destinata al mercato americano. Insomma, i punti interrogativi sono molteplici ma le risposte latitano decisamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.