Un sondaggio rivela che i tedeschi non si fidano della guida autonoma

La Germania ha appena approvato la sua proposta di legge sulla guida autonoma. Una regola che, in mancanza dell’approvazione del Consiglio federale, inizierà ad essere attuata rapidamente. Le prime auto autonome potranno guidare da sole nel 2022. Tuttavia, un sondaggio mostra che i tedeschi non si fidano abbastanza di loro.

Condotti su una popolazione di 2.057 partecipanti, a cui è stato chiesto di guida, proprietà e uso dell’auto, i risultati indicano che il 58% non pensa alle auto a guida autonoma, mentre il 48% afferma che prova paura e un 23% è più preoccupato di questa forma di guida. Alla domanda finale, se pensano che in futuro tutte le auto saranno autonome, il 43 per cento è indeciso.

Il sondaggio indica anche che il 35% dei tedeschi consultati è convinto che le auto a guida autonoma ridurranno gli incidenti e renderanno il traffico un ambiente più sicuro, rispetto al 42% che pensa il contrario. Nello stesso ordine dello studio, il 36% ritiene che la guida completamente autonoma, livello 4, sarebbe più fattibile per i robo-taxi. Una percentuale molto vicina, il 28 per cento, lo considera adatto al parco veicoli del car sharing, e praticamente lo stesso – il 27% – penserebbe di acquistare e noleggiare un’auto autonoma.

Risultati molto sorprendenti, soprattutto per i grandi produttori tedeschi che stanno seriamente lavorando alla tecnologia autonoma più avanzata. I modelli più lussuosi di Mercedes hanno già soluzioni di livello 3, disponibili dall’inizio del 2022 e funzionano a livello 4, mentre il gigante di Wolfsburg ha già annunciato funzioni di questo livello nell’ID. Buzz per la metà del decennio e anche per la futura Volkswagen Trinity, soluzioni che verranno estese a tutto il gruppo tedesco.

Ti potrebbe interessare: Ford insiste sulla guida autonoma, le prime vetture nel 2021

Guida autonoma

Guida autonoma

Andrea Senatore

Laureato in Giurisprudenza, appassionato di motori, esperto di tutto quello che riguarda Alfa Romeo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.