in

Volkswagen ID Buzz: un’anticipazione di come sarà

La Volkswagen ID Buzz potrebbe davvero assomigliare tanto alle immagini pubblicate da un esperto del CGI, attento rispettarne i dettagli.

Volkswagen logo

Abbiamo già visto la Volkswagen ID Buzz come un concept, un veicolo di prova a guida autonoma e infine come un’auto mascherata che è apparsa nella prima ID. 5. Mentre aspettiamo che la Casa tedesca la riveli ufficialmente nel marzo 2022, l’artista del rendering Bernhard Reichel aiuta a capire come sarà senza pittura psichedelica, nelle immagini riportate da AutoEvolution.

Reichel ha raffigurato una vettura pulita nelle linee e conferito alla ID Buzz la vernice bicolore che il personale potrà ordinare all’inizio delle vendite il prossimo anno. Controlla la griglia anteriore, gli specchietti retrovisori, le porte laterali scorrevoli: nei render ci sono tutti. Anche il colore argento della parte superiore della carrozzeria non è stata una scelta personale del render artist, bensì una punta degli specchietti retrovisori sull’immagine del furgone elettrico camuffato. L’unica licenza che Reichel ha scelto di prendersi sono state le differenti ruote.

Volkswagen ID Buzz: un raffigurazione altamente realistico

Volkswagen ID Buzz

È improbabile che l’esemplare di produzione dell’ID Buzz avrà un aspetto molto diverso da ciò che mostrano i rendering qui presentati. Su tali presupposti, la VW T2 sarebbe probabilmente estremamente orgogliosa della sua nipote elettrica se solo potesse parlare.

Sulla base del MEB, l’ID. 5 sarà costruita ad Hannover e Chattanooga. Si prevede che sarà uno dei mezzi più imponenti dell’architettura modulare. Il concept era lungo 4,94 metri ed è decisamente plausibile che la versione in uscita dalla catena di montaggio manterrà la stessa misura.

Tra i veicoli più spaziosi in circolazione

Volkswagen ID Buzz

Con sbalzi parecchio ridotti, l’ID Buzz sarà uno dei veicoli più spaziosi in circolazione. Ciò significa che può anche presentare uno dei pacchi batteria più grandi della famiglia MEB, sebbene non abbia modo di trasportare tanto peso quanto il Bus. Le responsabilità sono da imputare esclusivamente o quasi al pacco batteria, un gravoso onere da sopportare per qualsiasi Costruttore. A ogni modo, nessuno dei potenziali acquirenti si sofferma troppo sulle sue capacità di carico. L’ID Buzz dovrebbe diventare espressione di uno stile di vita versatile, non appena sarà immesso sulle strade.