Volkswagen lancerà il suo primo servizio di mobilità autonoma in Europa nel 2025

Il Gruppo Volkswagen ha presentato la sua roadmap per trasformare il consorzio in un’azienda di mobilità basata su software. Segue quindi lo stesso percorso di concorrenti come il Gruppo Renault, che vuole diventare un’azienda tecnologica che produce anche automobili. Tra le molte altre aree, il produttore tedesco si concentrerà sul trasporto passeggeri utilizzando veicoli autonomi, come taxi e autobus, e lo farà insieme al suo partner Argo AI.

Battezzata New Auto, questa divisione mira a rendere operativa una flotta di taxi autonomi di livello 4 entro il 2030 . A tal fine, sta sviluppando insieme ad Argo AI un sistema di guida autonoma che descrivono come “leader del settore” che consentirà di “offrire servizi di mobilità e di trasporto autonomo completamente nuovi” sia per i clienti che per i partner. Con progetti pilota a Monaco di Baviera, Volkswagen sta attualmente testando i primi autobus autonomi e prevede di implementare progetti simili in altre città in Germania, Cina e Stati Uniti.

Entro il 2025 il piano è di offrire il suo primo servizio di mobilità autonoma in Europa (senza specificarne le caratteristiche), seguito a breve dagli USA. Ancora senza date definite, il consorzio svilupperà una nuova piattaforma destinata ad integrare tutte le offerte di mobilità del Gruppo e dei suoi brand. L’obiettivo è avere un parco mezzi che copra diversi servizi, dal noleggio, agli abbonamenti, all’uso condiviso e al trasporto privato.

Ti potrebbe interessare: Dieselgate: dopo l’Italia, Volkswagen dovrà risarcire in Olanda

Volkswagen

Volkswagen

Andrea Senatore

Laureato in Giurisprudenza, appassionato di motori, esperto di tutto quello che riguarda Alfa Romeo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.