in

Volvo senza pelle sui modelli elettrici

Volvo: a partire dalla C40 Recharge, tutti i suoi modelli completamente elettrici saranno completamente privi di pelle

volvo

Volvo è l’ultima azienda ad aderire al movimento senza pelle, annunciando che a partire dalla C40 Recharge, tutti i suoi modelli completamente elettrici saranno completamente privi di pelle. Dato che il produttore svedese sarà una casa automobilistica esclusivamente elettrica entro il 2030, ciò significa che l’azienda svedese sta dicendo addio alla pelle per sempre, optando per opzioni più sostenibili che siano anche allineate con i diritti degli animali e il benessere.

Volvo vuole diventare un “business completamente circolare” entro il 2040. In tale contesto, entro il 2025 mirano a far sì che il 25% dei materiali utilizzati nelle nuove auto Volvo sia costituito da contenuti riciclati e a base biologica, oltre ad assicurarsi che i loro fornitori immediati utilizzino 100 per cento di energia rinnovabile. Questo obiettivo non sarebbe raggiungibile con l’uso continuo di pelle naturale poiché l’allevamento di bestiame ha impatti ambientali negativi e il bestiame è responsabile di circa il 14% delle emissioni globali di gas serra derivanti dall’attività umana.

In alternativa alla pelle, la casa svedese offrirà materiali di alta qualità e sostenibili come Nordico che debutterà nei modelli Volvo di prossima generazione. Secondo l’azienda automobilistica, Nordico è realizzato con bottiglie in PET riciclate, materiale bio-attribuito proveniente da foreste sostenibili in Svezia e Finlandia e tappi di sughero riciclati per l’industria del vino.

Oltre alle questioni ambientali, Volvo è anche interessata al benessere degli animali. Pertanto, continueranno a offrire opzioni in misto lana, ma solo da fornitori “certificati per l’approvvigionamento responsabile”, garantendo la piena tracciabilità del materiale. Allo stesso tempo, l’azienda sta cercando di ridurre l’uso di prodotti residui della produzione animale comunemente usati nel processo di produzione di plastica, gomma, lubrificanti e adesivi. La riduzione della domanda di tali prodotti di origine animale contribuirà a fermare i danni agli animali.

Ti potrebbe interessare: Polestar 3 e futura Volvo XC90: stessa piattaforma ma 2 auto totalmente differenti

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *