Airbag Takata: sostituiti 70.000 da Stellantis, 60.000 auto di cortesia disponibili

Francesco Armenio
Stellantis ha aggiornato i clienti sulla questione airbag Takata, affermando che i veicoli riparati hanno raggiunto quota 70.000.

Il problema legato agli airbag Takata ha causato il richiamo di circa 600.000 veicoli Stellantis, tra cui Citroen C3 e DS 3 sparse in tutto il mondo. Sebbene nelle ultime settimane ci sono state molte lamentele da parte dei proprietari di veicoli in questione a causa di tempi di attesa troppo lunghi, sembra che le riparazioni stiano andando meglio del previsto, con 70.000 vetture già riparate.

Stellantis ha già sostituito 70.000 airbag da C3 e DS 3: messe a disposizione 60.000 auto di cortesia

Airbag

Pochi giorni fa è stata avviata anche un’azione legale nei confronti di Stellantis, che dovrà difendersi in tribunale in una lotta che, probabilmente, durerà diversi anni. Il numero di auto riparate non è certamente poco, ma si tratta di poco più del 10% dei veicoli richiamati. C’è ancora diverso lavoro da fare, ma Carlos Tavares, amministratore delegato di Stellantis, ha dichiarato di essere ottimista sul risolvere la situazione in tempi brevi e di aver messo a disposizione 60.000 veicoli di cortesia.

In Francia, dove è partita l’azione legale, fanno sapere che sono 246.000 le vetture richiamate e 140.000 hanno già prenotato un appuntamento in officina. Le auto riparate, invece, sono a quota 19.000. Tavares ha dichiarato di “aver fatto importanti progressi in merito alla gestione del problema. Vogliamo essere più trasparenti possibile sulla questione”.

Stellantis non è l’unica ad aver richiamato i veicoli, poiché gli airbag Takata si trovano anche su veicoli di brand come Nissan, Skoda, SEAT, Audi, Honda, Mercedes, Volkswagen e Toyota, che da sola ha richiamato circa 1,6 milioni di veicoli. Tutto sembra andare nel verso giusto, anche se Stellantis dovrà affrontare ora l’azione legale in atto ed, eventualmente, rimborsare i proprietari dei veicoli coinvolti per il disagio avuto nel periodo in cui sono stati impossibilitati ad utilizzare il proprio mezzo.

Seguici con Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle notizie Automotive Clicca Qui!

  Argomento: