in ,

Audi e-tron: i suoi vecchi moduli batteria alimentano i risciò in India

Questi risciò indiani sono alimentati da batterie usate prelevate da veicoli di prova della flotta di Audi e-tron utilizzate in fase di test

e-tron battery

Una seconda vita per le batterie delle auto elettriche: la start-up tedesco-indiana Nunam sta portando tre risciò elettrici sulle strade dell’India. Sono alimentati da batterie usate prelevate da veicoli di prova della flotta di Audi e-tron utilizzate in fase di test. L’obiettivo del progetto è esplorare come i moduli realizzati con batterie ad alta tensione possono essere riutilizzati dopo il ciclo di vita dell’auto e diventare un valido caso d’uso in seconda vita. Il progetto mira anche a rafforzare le opportunità di lavoro per le donne in India: verranno forniti loro i risciò elettrici per il trasporto delle loro merci. La start-up senza scopo di lucro con sede a Berlino e Bangalore è finanziata dalla Audi Environmental Foundation. Nunam ha sviluppato i tre prototipi in collaborazione con il team di formazione presso la sede Audi di Neckarsulm, che a sua volta beneficia di un intenso scambio interculturale. Questo è il primo progetto congiunto tra AUDI AG e Audi Environmental Foundation oltre a Nunam.

I risciò elettrici alimentati da batterie di seconda mano dovrebbero raggiungere le strade dell’India per la prima volta in un progetto pilota all’inizio del 2023. Lì saranno messi a disposizione di un’organizzazione senza scopo di lucro. Le donne in particolare potranno utilizzare i risciò completamente elettrici per trasportare appunto le loro merci al mercato per la vendita, il tutto senza bisogno di intermediari. I risciò elettrici sono alimentati da moduli batteria usati che hanno trascorso la loro prima vita a borde delle prestanti Audi e-tron. “Le vecchie batterie sono ancora estremamente potenti”, afferma il cofondatore di Nunam Prodip Chatterjee. “Se utilizzate in modo appropriato, le batterie di seconda mano possono avere un enorme impatto, aiutando le persone in situazioni di vita difficili a guadagnare un reddito e ottenere l’indipendenza economica, tutto in modo sostenibile”.

e-tron battery

L’obiettivo principale della start-up è sviluppare modi per utilizzare le vecchie batterie come sistemi di accumulo di energia di seconda vita, prolungando così la loro vita e utilizzando le risorse in modo più efficiente.

Le vecchie batterie dell’Audi e-tron diventano protagoniste dei risciò elettrici

Con una batteria ad alta densità di energia e un peso del veicolo relativamente basso, il motore elettrico non deve essere particolarmente potente, poiché i conducenti di risciò in India non viaggiano né velocemente né per lunghi percorsi. Sebbene i risciò azionati elettricamente non siano uno spettacolo raro oggi sulle strade del subcontinente, spesso funzionano con batterie al piombo che hanno una vita utile relativamente breve e spesso non vengono smaltite correttamente.

Allo stesso tempo, i conducenti di risciò caricano i loro veicoli principalmente con l’elettricità della rete pubblica che ha un’alta percentuale di energia a carbone in India. Nunam ha una soluzione anche per questo: i risciò elettrici si ricaricano utilizzando l’energia delle stazioni di ricarica solari. I pannelli solari si trovano sui tetti dei locali del partner locale. Durante il giorno, la luce solare carica una batteria ex Audi e-tron che funge da unità di accumulo tampone, mentre la sera l’energia raccolta passa ai risciò. Questo approccio rende la guida locale in gran parte priva di emissioni di carbonio. Il risultato: i risciò elettrici possono essere utilizzati tutto il giorno e comunque essere caricati con energia verde durante la sera e la notte. In India, dove il sole splende tutto l’anno, posizionare i pannelli solari sul tetto è un gioco da ragazzi. Internamente è stata sviluppata anche la stazione di ricarica.

e-tron battery

Nunam monitora continuamente le prestazioni e la portata dei risciò elettrici. Gli imprenditori sociali mettono tutti i dati sui risciò elettronici che raccolgono a disposizione di potenziali imitatori su una piattaforma open source dedicata. Infatti, l’imitazione è espressamente incoraggiata. “Sono necessarie iniziative come quella lanciata da Nunam per trovare nuovi casi d’uso per i rifiuti elettronici. Non solo in India, ma in tutto il mondo. Quindi Nunam condivide le sue conoscenze per motivare più iniziative per sviluppare prodotti con componenti di seconda vita che possono portare avanti la rivoluzione eco-sociale”, ha ammesso Rüdiger Recknagel, direttore della Audi Environmental Foundation che finanzia Nunam già dal 2019.

Inoltre, dopo che la batteria ha esaurito la sua prima vita a bordo dell’Audi e-tron e la seconda su un e-risciò, non ha necessariamente raggiunto la fine della sua strada. In una terza fase, la carica residua delle batterie potrebbe essere utilizzata per applicazioni fisse come nel caso dell’illuminazione a LED. “Vogliamo ottenere tutto il possibile da ogni batteria prima del riciclaggio”, afferma il cofondatore Prodip Chatterjee.

A lungo termine, la mobilità elettrica e l’energia solare possono aiutare a ridurre la dipendenza dell’India dai combustibili fossili come il carbone, ridurre l’enorme volume di emissioni di gas di scarico sulle strade dell’India e fornire alle persone un’alimentazione elettrica affidabile.

e-tron battery

Altri progetti sono in corso d’opera

Oltre ai risciò destinati all’uso stradale in India, i tirocinanti presso il sito di Neckarsulm stanno sviluppando un ulteriore risciò da esposizione in collaborazione con Nunam. I visitatori del Greentech Festival di Berlino potranno dargli un’occhiata e persino fare un giro di prova, già dallo scorso 22 giugno. Sotto la guida di Timo Engler, responsabile della formazione di ingegneria automobilistica/logistica a Neckarsulm, è stato messo in pratica un team di dodici tirocinanti che avranno un ruolo chiave nello sviluppo. “I tirocinanti e Nunam sono in costante comunicazione tra loro: abbiamo una linea dedicata tra Neckarsulm e Bangalore. Nella costruzione del risciò, i nostri tirocinanti si stanno concentrando su autonomia, tempo di ricarica e design: il risultato è un risciò con il DNA di Audi”, afferma Engler.

e-tron battery

I tirocinanti hanno sostituito il motore a combustione con uno elettrico e hanno progettato il sottoscocca sia per ospitare le batterie di seconda mano che per essere a prova di schizzi, utilizzando sempre il maggior numero possibile di materiali riciclabili. Nel progetto sono stati coinvolti tecnici meccatronici, carrozzieri, verniciatori, meccanici di utensili, specialisti informatici e tecnici dell’automazione. “Siamo entusiasti di poter offrire ai nostri tirocinanti l’opportunità di partecipare a un progetto internazionale attraverso la rete della Fondazione. Promuove lo scambio interculturale di know-how e tecnologia, da cui entrambe le parti traggono grande vantaggio”, ha aggiunto Rüdiger Recknagel.