in ,

Audi RS 6: compie 20 anni la variante più prestazionale

La combinazione di prestazioni ed eccezionale usabilità quotidiana sono sempre state le caratteristiche distintive di ogni Audi RS 6

RS 6

Da 20 anni un’auto entusiasma casa Audi Sport oltre che una base di fan disposti in tutto il mondo come in nessun altro caso: da quattro generazioni, l’Audi RS 6 ha dato il tono alle station wagon ad elevate prestazioni e un’eccezionale usabilità quotidiana. La variante più prestazionale dell’Audi A6 è milita infatti nel listino del costruttore dal 2002; il concetto di base è stato lo stesso in ogni generazione di RS 6. Ancora e ancora, stabilisce nuovi standard anche nel suo ambiente competitivo.

Poco dopo l’inizio del nuovo millennio, l’allora quattro GmbH (ora Audi Sport GmbH) dovette affrontare la questione di quale vettura avrebbe dato un rinnovamento sportivo all’indomani della già nota RS 4. Era un momento opportuno per l’Audi A6. La prima generazione (C5) ha subito un miglioramento del prodotto nel 2001 e Audi voleva anche aggiungere più potenza sotto il cofano nella sua gamma medio-alta.

Il marchio era consapevole dei propri sforzi anche negli sport motoristici, condizioni particolarmente richieste allora. Audi si era fatta strada fra i vincitori al primo tentativo durante la sua prima leggendaria 24 Ore di Le Mans nel 1999. Il Costruttore dei Quattro Anelli è entrato di nuovo nella storia nel 2000, nel 2001 e anche nel 2002. Con 13 vittorie, ora è la seconda squadra di maggior successo di tutti i tempi a Le Mans, dopo Porsche. Gli ingegneri Audi della quattro GmbH si sono impegnati molto per rendere l’A6 un’auto sportiva. Ciò significava non solo adattare il motore, le sospensioni e la trasmissione. Di conseguenza l’Audi A6 ha cambiato il suo aspetto in una marcia più alta: è cresciuta di quattro centimetri sia in lunghezza che in larghezza, disponeva di nuove minigonne, soglie più larghe, uno spoiler per la versione Avant, mentre le ruote da 18” o 19” e due terminali di scarico ovali ne sottolineavano le ambizioni sportive.

RS 6

Nel 2002 nessun’altra Audi aveva più potenza a disposizione

L’obiettivo era aggiungere un otto cilindri al listino di base della A8, serie D2. Il motore era già al lavoro a bordo della S6, dandogli 340 cavalli di potenza. Tuttavia, aveva bisogno di molti dettagli: un motore potente che da quel momento in poi era un doppio turbo e disponeva di 4,2 litri di cilindrata non si adattava inizialmente alla carrozzeria dell’Audi A6. Di conseguenza, la quattro GmbH ha esteso l’avantreno e ha dato al V8 quattro centimetri di spazio in più in termini di installazione. Il motore che ha guidato la prima Audi RS 6 non è stato messo a punto a Ingolstadt o Neckarsulm, ma in Inghilterra. Insieme a quattro GmbH, il produttore di motori britannico Cosworth, che è stata una filiale di AUDI AG fino al 2004, è stato anche responsabile dell’impressionante potenza di 450 cavalli erogati e di 560 Nm di coppia. Questo ha posto la vettura in cima al Segmento. Il V8 dell’Audi RS 6 ha inviato un vero messaggio alla concorrenza. A titolo di confronto, all’epoca, anche l’Audi DTM del team ABT, che Laurent Aïello utilizzò per portare a casa il titolo 2002, disponeva di 450 cavalli di potenza.

Molta potenza richiede però un buon controllo. L’era del cambio manuale era finita. Per la prima volta, una trasmissione con convertitore di coppia ha fornito a un modello RS tempi di cambiata più brevi per i cambi di marcia. Cinque modalità di guida consentivano l’accelerazione fino a 100 km/h in appena 4,7 secondi. Per fare in modo che l’Audi RS 6 Avant e la Sedan impressionassero con il loro ideale divario tra comfort e sportività anche nella guida di tutti i giorni, Audi ora si era rivolta alle sospensioni Dynamic Ride Control (DRC) di nuova concezione. Stephan Reil, che si è occupato dello sviluppo di tutta la serie RS 6 ed è ora Head of Technical Development presso la sede di Neckarsulm, riassume dicendo che “la DRC riduce i movimenti di rollio e beccheggio nella guida sportiva, sia in rettilineo che in curva”. In concreto, lega maggiormente l’auto alla strada e assicura costantemente una maneggevolezza più agile, in particolare nelle curve più dinamiche. Il Dynamic Ride Control è costituito da molle in acciaio che hanno due ammortizzatori idraulici diagonalmente opposti. Questi contrastano il movimento della carrozzeria del veicolo senza alcun ritardo e lo fanno senza alcuna forma di elettronica.

RS 6

Tutti i veicoli Audi RS 6 di prima generazione (C5) sono stati realizzati sia sulla linea di produzione che a mano. Guidabile, ma tutt’altro che completo. Ad esempio, mancavano le sospensioni riempite, i componenti specifici di RS e gli elementi decorativi individuali all’interno. Ecco perché sono passati dallo stabilimento di Neckarsulm a una sala adiacente. Là, i lavoratori della quattro GmbH hanno finalizzato ciascuna vettura individualmente nell’arco di circa 15 ore sull’ascensore idraulico.

Ad oggi, la C5 è l’unica Audi RS 6 che fin dall’inizio è anche un’auto da corsa. La RS 6 Competition, utilizzata da Champion Racing, ha superato i suoi concorrenti con uguale cilindrata nello SPEED GT World Challenge del 2003 con Randy Pobst al volante. Il V8 biturbo offriva 475 cavalli e aveva un cambio manuale: caratteristiche che gli permisero di vincere già al primo tentativo.

Alla fine della serie, la quattro GmbH ha aggiunto una dose di potenza aggiuntiva e ha aumentato il nome con un “Plus” passando da 450 a 480 cavalli mentre la coppia è rimasta fissata a 560 Nm. Ora era possibile raggiungere una velocità massima di 280 km/h, invece di 250 km/h.

La generazione C6 è la seconda ad essere resa disponibile

Nel 2008, sei anni dopo l’arrivo sul mercato della prima Audi RS 6, è seguita la seconda generazione. Audi aumentò non solo la potenza e la cilindrata, ma anche il numero dei cilindri per un totale di dieci. C’erano ancora due turbocompressori e ora cinque litri di cilindrata. Complessivamente, ciò significava 580 cavalli e 650 Nm di coppia, disponibile a partire da 1.500 giri/min. All’epoca, quei numeri superavano persino quelli a disposizione della più prestante R8, che aveva un massimo di 560 cavalli nella R8 GT. Per tre anni, Audi ha prodotto il più grande motore RS di sempre: il V10 è una forza della natura. Pesava 278 kg e per garantire la fornitura di olio durante la guida in curva ad alta velocità, Audi ha optato per la lubrificazione a carter secco, un principio preso in prestito dagli sport motoristici. In questo modo il serbatoio dell’olio separato permetteva al motore V10 di sedersi in una posizione bassa, conferendo all’intera vettura un baricentro basso. Il sistema è stato progettato per le corse; forniva fino a 1,2 g di olio per l’accelerazione longitudinale e laterale. Stephan Reil ricorda bene quanto siano stati sistematici gli sviluppatori Audi nell’uso di ogni centimetro di spazio di installazione: “con i suoi due turbocompressori e collettori, il V10 sembra già un’opera d’arte. Ed è potente. Non conosco nessun vano motore riempito meglio di quello dell’Audi RS 6 C6”.

Come già accadeva con la C5, anche il dieci cilindri necessitava di una trasmissione in grado di gestire la potenza. L’automatico a sei marce che utilizzava è stato sostanzialmente rielaborato per soddisfare tale esigenza. Raffreddamento, velocità del cambio, distribuzione della potenza: tutto è stato migliorato. Con questa combinazione di motore e trasmissione, Audi ha raggiunto una velocità massima di oltre 300 km/h, per la precisione 303 km/h; per la prima volta con l’Audi RS 6 Plus. La punta massima. nella normale RS 6. ha raggiunto i 250 km/h, con 280 km/h disponibili come optional a pagamento. Quasi nessun’altra vettura di serie potrebbe impensierire la C6 in rettilineo. La berlina ha impiegato 4,5 secondi per raggiungere i 100 km/h; l’Avant ha impiegato 4,6 secondi. Quel tipo di propulsione richiedeva una potenza frenante per essere all’altezza. I primi freni in ceramica con dischi da 420 mm davanti, 356 mm dietro, erano opzionali a bordo dell’Audi RS 6 ma fermavano la vettura in modo estremamente affidabile. Per offrire ai passeggeri un viaggio sportivo e confortevole verso le loro destinazioni, Audi si è affidata per la seconda volta alle sospensioni DRC, qualcosa che i clienti ora ottengono come equipaggiamento standard su Avant e Sedan. Per un maggiore comfort quotidiano nell’intero spettro delle situazioni di guida, la sospensione DRC potrebbe essere dotata per la prima volta di un’unità di regolazione aggiuntiva sugli ammortizzatori che offriva impostazioni a tre stadi, a un prezzo aggiuntivo.

RS 6

Come con il suo predecessore, Audi ha mantenuto un approccio al design più dinamico. Parafanghi sporgenti che lo distinguevano dal modello base e ruote e pneumatici di grandi dimensioni (19″ e 255/40; 20″ e 275/35 optional) offrivano molto spazio, allargando l’auto di soli 3,5 centimetri per un totale portato a 1,89 metri. Il C6 è passato anche dalla linea di produzione direttamente all’adiacente padiglione quattro GmbH per un’ampia raffinatezza. Lì, i lavoratori hanno finalizzato l’auto come hanno fatto con il modello precedente. Per il suo finale, la C6 si è conclusa come un’Audi RS 6 plus Sport o una RS 6 plus Audi Exclusive. In tutto, 500 veicoli in edizione limitata sono usciti dallo stabilimento di Neckarsulm. Era dotata di badge numerato all’interno, cerchi in lega speciali con design a cinque razze, pelle sul cruscotto e tappetini con il logo RS 6.

La terza generazione, C7: fare di più con meno

“Meno cilindri? Non può essere giusto!”. Questa è una critica che non solo i clienti hanno sollevato quando l’Audi si è allontanata dal dieci cilindri biturbo nel 2013 ed è tornata a un otto cilindri biturbo con quattro litri di cilindrata: il motore più piccolo nella storia dell’Audi RS 6. Inoltre, la berlina classica è stata interrotta senza una sostituzione; l’Audi RS 7 Sportback ha preso il sopravvento negli Stati Uniti. Eppure i critici furono presto messi a tacere. Audi aveva messo insieme un pacchetto che lasciava i precedenti modelli RS 6 molto indietro in termini di dinamica di guida ed efficienza. Soprattutto, ciò ha permesso di ridurre sistematicamente il peso. Tra le altre cose, una porzione significativamente più alta di alluminio, comprese tutte le parti attaccate, ha ridotto il peso della generazione C7 di ben 120 kg. Allo stesso tempo, l’Avant era di sei centimetri
più larga di una A6 convenzionale. Mentre circa il 60% della massa totale giaceva ancora sull’asse anteriore nella C6, Audi ora lo ha ridotto al 55%, il che equivale a un risparmio di circa 100 kg. Un altro motivo: il motore si trovava circa 15 centimetri più indietro. L’RS 6 ha chiarito sulla strada che la caduta di due cilindri e 20 cavalli non ha affatto danneggiato le prestazioni. Con 700 Nm di coppia e il nuovo Tiptronic a 8 rapporti, la C7 ha impiegato solo 3,9 secondi per raggiungere i 100 km/h da fermo, ovvero mezzo secondo in meno rispetto al suo predecessore. Il suo cruscotto mostrava una velocità massima di 305 km/h. Allo stesso tempo, il consumo di carburante completamente inferiore del 30% rispetto al suo predecessore era il risultato non solo del peso ridotto, ma anche della disattivazione del cilindro che rende l’Audi RS 6 un quattro cilindri quando ha un carico leggero.

RS 6

Una novità per la terza generazione della RS 6: i clienti desideravano un po’ più comfort, quindi le sospensioni pneumatiche sono diventate per la prima volta di serie. Ora più basse di 20 millimetri e con una messa a punto più sportiva, le sospensioni pneumatiche adattive hanno aumentato il piacere di guida quotidiano. Un’altra comodità per trasportare rapidamente gli effetti personali è stata, per la prima volta, un gancio di traino come opzione. D’altra parte, le sospensioni DRC erano ben consolidate. Le opinioni erano inequivocabili: l’Audi RS 6 C7 si distingueva dai suoi predecessori in ogni aspetto, che si trattasse di sistema di trasmissione, sospensioni, comfort o efficienza. Ciò che aveva in comune con le altre generazioni è che, come i suoi predecessori, anche il C7 ha cambiato sala durante l’assemblaggio a Neckarsulm.

Nel corso degli anni, l’Audi ha ottenuto sempre più potenza dal suo motore a otto cilindri da quattro litri. Le prestazioni dell’Audi RS 6 hanno raggiunto per la prima volta oltre 600 cavalli (605, per essere precisi). Con la funzione overboost, 750 Nm hanno elaborato brevemente il propulsore.

Nonostante le critiche iniziali sulla potenza ridotta e meno cilindri della C7, è stata proprio questa generazione della RS 6 a diventare un bestseller e leader di mercato nel segmento delle station wagon ad alte prestazioni. Era una posizione di vertice che il suo successore detiene ancora oggi. La RS 6 C7 Avant ha fatto il giro del mondo. Un mercato che tradizionalmente prediligeva le berline, ovvero gli Stati Uniti, ha fatto pressioni per ottenerle sul mercato interno, ma avrebbe dovuto aspettare ancora un po’.

La generazione C8: la migliore fino ad oggi

Nel 2019, tre anni prima del suo 20esimo compleanno, la quarta generazione dell’Audi RS 6 (C8) è stata lanciata nelle concessionarie ed è rimasta fedele alla sua eredità. Cilindrata di quattro litri, biturbo, 600 cavalli e ora 800 Nm di coppia. Per la prima volta nella sua storia, questa vettura è supportata da un sistema ibrido leggero a 48 Volt, migliorando ulteriormente l’efficienza. Sebbene sia un po’ più pesante, la RS 6 Avant corre verso i 100 km/h in 3,6 secondi; ci vogliono solo dodici secondi per raggiungere i 200 km/h. In rettilineo, il C8 lascia pochi dubbi. Stabilisce anche un nuovo standard per se stesso in termini di accelerazione laterale e sterzata in curva.

La nuova sterzatura integrale migliora la stabilità alle alte velocità, dato che le ruote posteriori ora girano nella stessa direzione delle ruote anteriori in quelle situazioni. Quando si manovra a basse velocità, sterzano in senso inverso rispetto alle ruote anteriori per ridurre il raggio di sterzata e facilitare il parcheggio. Ma il parcheggio senza problemi non è l’unica cosa importante per i clienti. Come nei modelli precedenti, vogliono anche poter portare con sé un rimorchio. “Ormai più della metà dei nostri clienti europei ordina un gancio di traino”, afferma Stephan Reil. “Ciò dimostra che i clienti non vogliono solo una guida sportiva, ma vogliono anche affrontare le sfide quotidiane”. Audi ha risposto alla domanda dei clienti e ha continuato a offrire quelle opzioni, ora con sospensioni pneumatiche e DRC.

RS 6

E il disegno? Laddove le generazioni C5, C6 e C7 della RS 6 si sono distinte solo come power station wagon al secondo sguardo, la C8 crea un’impressione diversa: anche i profani riconosceranno subito che questa non è una normale A6. Il tetto, le porte anteriori e il portellone sono le uniche cose che la RS 6 Avant condivide con il modello base A6 Avant. Gli altri componenti sono stati modificati appositamente per la RS e la carrozzeria è stata allargata di ben otto centimetri. Pochissime persone sanno che il più veloce di tutti i modelli A6 ha anche per la prima volta un cofano indipendente e che tutte queste modifiche significano che può avere i fari Matrix LED con luci laser della RS 7. Anche le ruote e gli pneumatici si distinguono come più largo e più alto. I diametri dei cerchi 21” (275/35) sono di serie; 22” (285/30) sono disponibili come optional per la prima volta. A differenza dei suoi predecessori, il C8 non viene prodotto in stabilimenti separati, che da allora sono stati ribattezzati Audi Sport GmbH, ma piuttosto rotola fuori dalla catena di montaggio a Neckarsulm pronta per lo showroom.

Questa è un’indicazione di quanto siano flessibili questi siti di produzione. E, in risposta alla forte domanda, il C8 è disponibile negli Stati Uniti per la prima volta anche come Audi RS 6 Avant. La RS 6 C8 si sta evolvendo definitivamente da vettura di nicchia a storia di successo richiesta in tutto il mondo.