in

BMW investe in un nuovo processo per l’estrazione del rame

Il gruppo ha annunciato un investimento in Jetti Resources

BMW nuovo processo estrazione rame

Attraverso BMW i Ventures, il Gruppo BMW ha acquisito una quota di partecipazione in Jetti Resources, una società con sede in Colorado (Stati Uniti).

L’obiettivo è promuovere un’estrazione di rame responsabile e rispettosa delle risorse per affrontare la crescente domanda in modo più sostenibile. Fondata nel 2014, Jetti Resources ha sviluppato un processo pionieristico per l’estrazione del rame che usa minerali precedentemente inutilizzati provenienti da miniere di rame esistenti.

BMW nuovo processo estrazione rame
BMW ha acquisito una quota di partecipazione in Jetti Resources

BMW: il gruppo tedesco punta su un nuovo processore di estrazione del rame

Wolfgang Obermaier, responsabile dei beni e servizi indiretti, materie prime e partner di produzione del Gruppo BMW, ha detto che, investendo in Jetti, l’azienda sta sostenendo il progresso tecnologico nel campo dell’estrazione del rame, con particolare attenzione a metodi responsabili e di conservazione delle risorse.

Questo nuovo processo ha il potenziale per migliorare l’impronta ambientale e l’integrità della sua catena di approvvigionamento, anche con la crescente domanda di risorse come il rame.

BMW nuovo processo estrazione rame

Poiché il rame è una materia prima importante per la produzione di trasmissioni elettriche nei veicoli elettrici, si prevede che la domanda aumenterà notevolmente nei prossimi anni. Già nel 2030, almeno la metà delle vendite globali del gruppo automobilistico bavarese sarà costituita da veicoli completamente elettrici.

Jetti Resources ha sviluppato un’esclusiva tecnologia di lisciviazione catalitica che consente l’estrazione di rame da minerali precedentemente non sfruttati. Circa il 70% delle risorse mondiali di rame sono legate a quei minerali di solfuro primario. Il materiale, precedentemente immagazzinato in discariche e considerato rifiuto, può ora essere sfruttato con questa nuova forma di estrazione a risparmio di risorse.

BMW nuovo processo estrazione rame

Tale processo consente il recupero delle risorse di rame precedentemente intrappolate, aumentando così in modo significativo la produzione e la durata degli impianti di produzione di rame esistenti.

In questo modo, l’estrazione del rame diventa sostanzialmente più efficiente e riduce il suo impatto ambientale. Il metodo di Jetti Resources consente alle miniere di rame di utilizzare la lisciviazione su questi minerali, che provoca circa il 40% in meno di emissioni di CO2 rispetto all’estrazione tradizionale di materie prime e utilizza solo circa il 50% dell’acqua.

La tecnologia è già stata implementata con grande successo su scala industriale. Jetti Resources prevede di portare avanti l’espansione globale insieme ai suoi partner.

BMW nuovo processo estrazione rame

Sostenibilità ed efficienza delle risorse sono al centro della strategia del gruppo

Il Gruppo BMW ha posto la sostenibilità e l’efficienza delle risorse al centro della direzione strategica dell’azienda. Un aspetto chiave è il rispetto di rigorosi standard ambientali e sociali in ogni parte delle loro catene di approvvigionamento. L’eliminazione delle violazioni dei diritti umani e degli standard ambientali è una priorità fondamentale nell’approvvigionamento di materie prime essenziali.

Il gruppo tedesco analizza e assegna le priorità alle materie prime su base continuativa come parte della sua strategia sui materiali. I rischi potenziali derivano principalmente dall’estrazione e dalla lavorazione di materie prime e gruppi di materiali.

Il colosso del settore automobilistico mitiga questi rischi attraverso un mix di misure standardizzate, proattive e reattive adattate in modo univoco a ciascuna materia prima.

Per garantire la necessaria trasparenza e tracciabilità della lavorazione delle materie prime all’interno della complessa e dinamica rete di fornitori del BMW Group, stanno partecipando a Catena-X, un’alleanza per lo scambio di dati sicuro e standardizzato nelle catene di approvvigionamento.