in

BMW: l’autonomia sarà fissata a 1000 km, non oltre

BMW ritiene che fisserà l’autonomia delle proprie auto elettriche a 1000 km

BMW

Negli ultimi tempi BMW ha lavorato molto duramente sulla sostenibilità, sviluppando nuove tecnologie per i veicoli elettrici, allontanandosi dalla pelle a favore dei cosiddetti rivestimenti vegani e utilizzando materiali riciclati per adornare i nuovi modelli. L’architettura Neue Klasse del marchio è particolarmente importante, in quanto debutterà in un modo completamente nuovo di fare veicoli elettrici.

Tra i miglioramenti in arrivo alla piattaforma c’è il passaggio a celle della batteria cilindriche simili a quelle 4680 di Tesla, che saranno molto più efficienti di quelle attualmente in uso. Ma invece di usarle per inseguire enormi cifre di autonomia, BMW vuole limitare l’autonomia di tutti i suoi veicoli elettrici.Le batterie Gen6 ci daranno il 30% o più di autonomia rispetto alla nostra attuale Gen5, ma non supereremo i 1.000 chilometri di autonomia, anche se possiamo“, ha affermato Thomas Albrecht, capo della BMW Efficient Dynamics, in un intervista ad Autocar.

BMW: perché limitare l’autonomia delle batterie?

Albrecht ha continuato dicendo che la BMW ritiene che le auto non abbiano bisogno di un’autonomia maggiore, soprattutto perché i tempi di ricarica migliorano. In effetti, le batterie Gen6 saranno in grado di caricarsi fino al 30% più velocemente con i caricabatterie rapidi CC rispetto alle loro controparti attualmente in commercio. Quindi saranno in grado di supportare una ricarica super veloce di circa 270 kilowatt, più o meno ciò che la Porsche Taycan EV può gestire.

Inoltre, queste nuove batterie peseranno il 10-20% in meno rispetto alle batterie Gen5. Insieme alla nuova forma, le celle cilindriche (che misurano 46 millimetri di diametro e 95 o 120 mm di altezza) utilizzano anche una chimica unica con più nichel e meno cobalto. Le batterie saranno fornite dalle aziende cinesi CATL ed EV e arriveranno in un nuovo design del pacco batteria più sottile e versatile. Il pacco batterie diventerà essenzialmente un elemento strutturale nella nuova piattaforma.

Marie-Therese von Srbik, responsabile dello sviluppo delle celle della batteria di BMW, afferma: “Con questa prossima generazione di batterie, saremo molto più flessibili nel modo in cui integriamo la cella. L’intero veicolo sta diventando più adattabile a questo“. BMW prevede che questi miglioramenti al design della batteria si tradurranno anche in un calo del 50% dei costi di produzione, il che è particolarmente notevole poiché il 40% del costo totale di un veicolo elettrico è attualmente costituito dalla batteria stessa. Facendo seguito al tema della sostenibilità di cui abbiamo parlato all’inizio, BMW sta anche lavorando per rendere le batterie più riciclabili, come ha spiegato von Srbik:

Puntiamo ancora a un ciclo di vita con i metalli nelle nostre batterie. Siamo persino riusciti a realizzare il nostro primo circuito chiuso con uno dei nostri produttori in Cina. Ma nel complesso, è un ciclo molto lungo. Le batterie hanno una lunga durata, e nel frattempo devi pensare a un settore completamente nuovo, ma alla fine possiamo arrivare a un punto in cui la maggior parte dei metalli preziosi nelle nostre batterie possono provenire da fonti riciclate“. I primi veicoli elettrici con Neue Klasse debutteranno nel 2025, portando probabilmente con sé una versione migliorata dell’attuale BMW i4.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!