in

Dacia Spring: è l’auto straniera elettrica più venduta in Italia

È anche la protagonista del servizio di car sharing 100% elettrico free-floating Zity by Mobilize lanciato a Milano

Dacia Spring Italia

La Dacia Spring si conferma la prima vettura straniera nel mercato delle auto elettriche in Italia e arriva a Milano con il nuovo servizio di car sharing cittadino 100% elettrico. Dal lancio sono state ordinate oltre 7900 unità dell’auto a zero emissioni mentre nei primi cinque mesi del 2022 sono state immatricolate in Italia 1875.

La Spring, la prima auto 100% elettrica del costruttore rumeno, continua a farsi notare. Look da crossover, quattro veri posti a sedere, un bagagliaio di circa 300 litri e un’autonomia fino a 305 km in città (230 km nel ciclo misto WLTP), la rendono perfetta per gli spostamenti quotidiani.

Dacia Spring Italia
Dacia Spring completamente elettrica

Dacia Spring: dal lancio sono state ordinate oltre 7900 unità

Queste caratteristiche la eleggono protagonista anche della mobilità condivisa tramite il car sharing Zity by Mobilize, attivo dal 23 giugno a Milano. Sono 450 le Dacia Spring in versione car sharing disponibili nel capoluogo lombardo per il servizio di car sharing 100% elettrico free-floating, pensato per l’intera collettività, facilmente prenotabile e gestibile direttamente tramite l’app Zity by Mobilize. Si tratta di una novità sicuramente molto apprezzata dagli abitanti di Milano.

Secondo una ricerca indipendente commissionata da Zity sulla mobilità condivisa, più di 340.000 persone in città dichiarano di essere utenti attivi di servizi di sharing e il 79% degli intervistati si dice preoccupato per l’ambiente. L’età media degli utenti del car sharing a Milano va dai 36 ai 45 anni e il 62% di loro lo utilizza giornalmente per i propri spostamenti.

Anche se con numeri diversi, otto Dacia Spring saranno presenti anche a Bologna, questa volta tramite il car sharing station based Mobilize Share gestito direttamente dalla concessionaria Dacia Moreno Motor Company. Grazie all’app delicata Mobilize Share, l’utilizzatore potrà verificare ubicazione e disponibilità della vettura e scegliere il giorno e l’ora di prenotazione.

In Italia, nei primi cinque mesi del 2022, sono state vendute 1875 Dacia Spring, con quasi il 10% di market share sul mercato delle auto full electric. Agile nei percorsi in città, con una gamma semplice e completa, la Spring ha riscosso sin da subito un grande successo con oltre 7900 ordini presi dalla commercializzazione. Oltre il 90% dei clienti ha scelto la versione top di gamma Comfort Plus con climatizzatore, radio e tutti gli equipaggiamenti e le personalizzazioni orange.

Porta con sé la nuova visual identity del marchio rumeno

Il nuovo emblema Dacia Link, simbolo della nuova visual identity del marchio del Gruppo Renault, si colloca al centro della calandra della vettura, che presenta motivi rielaborati di colore bianco.

Composta da una D e una C stilizzate e unite come gli anelli di una catena, il nuovo emblema è al tempo stesso simbolo di robustezza e semplicità. Anche da lontano, Dacia Link dà visibilità al brand e compare anche al centro delle ruote. Un altro cambiamento molto visibile è il logo apposto sul posteriore dei veicoli e sul volante. Le lettere minimaliste sono alleggerite per mantenere solo i tratti necessari per riconoscerle.

Dal 16 giugno sono aperti gli ordini dell’intera gamma con la nuova visual identity e l’offerta si allarga con l’introduzione della nuova colorazione Grigio Megalite per le barre al tetto, oltre agli ski anteriori e posteriori.

Rosa Sangiovanni, marketing director di Dacia Italia, ha dichiarato che la Dacia Spring ha conquistato il mercato fin dal suo esordio, democratizzando la mobilità elettrica per tutti. Si tratta di una vettura agile e compatta, perfetta alleata per gli spostamenti in città e con il car sharing è possibile accedere a una mobilità urbana senza pensieri e alla portata di tutti. Sangiovanni si è detta orgogliosa che la Spring sia stata scelta come protagonista del car sharing 100% elettrico Zity by Mobilize a Milano.