in

Ferrari lamenta trattamento diverso dalla Mercedes in F1

Carlos Sainz Ferrari
Carlos Sainz Ferrari

Mattia Binotto, capo squadra Ferrari, non capisce perché i dubbi che si sono generati in questa stagione intorno al motore Mercedes non abbiano avuto la stessa visibilità mediatica che ha avuto la sua power unit nel 2019. Il manager svizzero critica la differenza di atteggiamento nei due casi identici, secondo lui. Il propulsore della Ferrari è stato nell’occhio del ciclone durante la stagione 2019 ed è stato sottoposto a diverse indagini FIA. Il tutto si risolse con un accordo segreto tra le due parti , dal momento che la Federazione non poteva provare l’illegalità del suo motore.

Ferrari e Mercedes: stesso problema ma trattamento diverso?

Il team di Maranello ha subito un’ampia esposizione mediatica e hanno ricevuto critiche dai loro rivali. Alcuni team hanno addirittura voluto spingersi oltre per cercare di capire la portata del problema. In questa stagione il motore sotto inchiesta è quello della Mercedes e la Red Bull ha puntato sul suo intercooler. La situazione del 2019 ha anche aggravato la tensione tra Mattia Binotto e Toto Wolff, che avevano opinioni diverse sull’utilità delle direttive tecniche. Quest’anno, ricorda Binotto, anche la FIA ha dovuto fare dei chiarimenti su punti che non erano chiari nel regolamento, come le ali flessibili o la pressione delle gomme.

“Senza entrare nel merito del motore Mercedes, preferirei toccare altri argomenti ben noti: alettoni flessibili e gestione della pressione delle gomme, che richiedevano linee guida tecniche. Le misure della FIA erano necessarie perché c’era chi aveva un interpretazione diversa da quanto scritto nel regolamento . Tutto questo non è diverso da quanto accaduto nel 2019″, ha dichiarato Binotto al portale web americano Motorsport.com.

Il capo del team Ferrari ritiene che l’esposizione che hanno subito nel 2019 sia stata esorbitante e non chiede che facciano lo stesso con la Mercedes. Tuttavia, critica che gli uomini di Brackley non abbiano subito gli stessi attacchi dalla FIA che hanno ricevuto.

“Perché ci sono differenze di atteggiamento? Forse allora eravamo troppo esposti ai media e abbiamo subito un attacco dai nostri concorrenti . Ora è un ricordo del passato. Penso che raggiungere il tono che si usava nel 2019 sia ancora sbagliato, ma penso che sia importante sottolineare che non è diverso da quello che sta succedendo ora e da quello che è sempre successo in F1”, ha aggiunto.

Ti potrebbe interessare: Ferrari: Binotto afferma che il passaggio ai combustibili sostenibili “è un grosso problema”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.