Ferrari: risultati ‘eccezionali’ per il cavallino rampante

Andrea Senatore Foto Autore
Ottime notizie per la casa del cavallino rampante
Ferrari

Ferrari rimane l’azienda con il più alto margine di profitto nel settore automobilistico. I rapporti per il secondo trimestre dell’anno hanno rilevato un calo delle vendite di 63 unità a 3.392 unità, ma l’utile operativo della società è aumentato del 29,7% (rispetto al 25 per cento nello stesso periodo dell’anno scorso). Ciò significa che la Ferrari riceve 29,7 centesimi per ogni euro di vendite di auto, ma questo al lordo delle tasse e di eventuali oneri finanziari. In confronto, la media per l’industria automobilistica è del 7,5%.

Risultati finanziari eccezionali per la Ferrari nel secondo trimestre 2023

“Il secondo trimestre si è chiuso con risultati finanziari eccezionali, caratterizzati da margini elevati. Le consegne durante il periodo riflettono un ricco mix di prodotti, mentre continuiamo a ricevere forti ordini in tutte le aree geografiche. L’innovazione è al centro della Ferrari e continua a guidare la nostra crescita e i nostri risultati, così come l’indimenticabile vittoria a Le Mans”, ha commentato l’amministratore delegato della Ferrari Benedetto Vigna.

Le vendite principali sono i modelli 296 GTB, Roma e Portofino M, mentre continuano a prendere slancio le 296 GTS e 812 Competizione A. Il trimestre ha visto anche l’inizio delle prime consegne di Purosangue, così come l’acquisizione degli ordini per la Daytona SP3, che è nei tempi previsti.

Per quanto riguarda la distribuzione delle vendite per area geografica, il trimestre ha visto una forte ripresa nell’area EMEA, che ha registrato 241 veicoli venduti in più, per un totale di 1.638 (+17 per cento rispetto allo scorso anno)). Le Americhe hanno registrato un calo del 17,5 per cento (-184 veicoli), mentre la Cina continentale, Hong Kong e Taiwan sono rimaste sui livelli di un anno fa (-19 unità). Anche nel resto della regione Asia-Pacifico si registra un calo del 15,6 per cento (-101 consegne).

Ferrari logo

I quattro modelli ibridi rappresentano il 43% delle vendite totali della Ferrari, con le auto ibride che raddoppiano la loro produzione rispetto allo scorso anno. Al polo opposto, invece, i ricavi da vendita di motori, che sono diminuiti di 27 milioni di euro. Si tratta del 33 per cento in meno rispetto al 2022 ed è dovuto alla scadenza del contratto con Maserati. Come è noto, il marchio italiano sta dicendo addio ai motori V8 e si affiderà a una trazione elettrica.