in

Ford non rinuncerà ai motori a combustione

La casa americana per il momento non prevede una data di scadenza per la produzione di motori termici

ford logo

Ford sarà un marchio di auto elettriche, ma non a breve termine. Il brand americano ha già svelato qual è il suo futuro ma non prevede di anticipare le scadenze, e abbandonare la combustione tradizionale, rinunciando a una parte importante della torta di vendita di questi modelli. Per questo è stata elaborata una nuova strategia di business dividendo le strade con una sezione specifica per le auto a emissioni zero, la gamma “Model E”, e quelle a combustione sotto il marchio “Ford Blue”.

Per il momento Ford non prevede di abbandonare i motori a combustione

Il colosso di Detroit ha confermato che rimarrà fedele alla propria ideologia e, ovviamente, continuerà a sviluppare nuovi modelli elettrici, oltre alla combustione. Questi motori termici sono essenziali per due motivi: uno, perché i loro clienti continuano a richiederli , e due, perché sono il supporto finanziario per la ricerca e lo sviluppo di tecnologie specifiche per le auto elettriche, secondo un’intervista di « CarExpert » con Trevor Worthington, Vice Presidente Ford nel campo dei motori a combustione interna.

Worthington è consapevole che l’Europa ha già sbarrato la porta alla combustione tradizionale e che più paesi si uniranno nei prossimi anni, ma come capo del settore dei motori termici, non intende rinunciare a sviluppare nuovi propulsori, invece di riadattare l’attuale generazione di propulsori per superare i severi standard di emissione.

Il manager ha sottolineato che “Abbiamo bisogno di motori a combustione interna perché i nostri clienti li vogliono e il nostro compito è assicurarci di renderli davvero buoni. Che ci guadagnino, che vendano nei numeri di cui abbiamo bisogno, ma dobbiamo anche guardare ad altre opportunità perché ci sono bisogni che non vengono coperti.

E aggiunge di più: “Guarda i mercati che sembrano essere sulla strada più veloce verso l’elettrificazione, Cina ed Europa, gli Stati Uniti sono forse un po’ più lenti. Se guardi ai mercati al di fuori di questi tre, il resto del mondo, probabilmente il 50% dei veicoli con motore a combustione interna che venderemo nel 2027, 2028 andrà in questi altri mercati”.

Ford Mustang Dark Horse

Va anche oltre sottolineando che “spero che nel 2035, 2040 ci saranno ancora molti mercati in cui verranno vendute auto con motori a combustione interna”.

Ti potrebbe interessare: Ford Transit Custom: svelata la nuova generazione con motori diesel e ibridi plug-in

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!