in

Ford perde soldi su ogni Mustang Mach-E venduta?

Può sembrare una cosa strana: come può succedere?

Ford Mustang Mach E

Poiché la carenza di chip, i problemi della catena di approvvigionamento e la guerra tra Russia e Ucraina devastano l’industria automobilistica, i produttori hanno dovuto aumentare i prezzi dei veicoli a nuovi livelli mai visti finora. Nessun tipo di automobile è stato colpito più delle elettriche, senza dubbio a causa della sua forte dipendenza dai chip semiconduttori per funzionare. Ma mentre Tesla ha aumentato i prezzi più volte negli ultimi mesi, alcuni produttori hanno mantenuto l’accessibilità dei loro modelli. Uno di questi produttori è Ford con la Mustang Mach-E. Ma ora è emerso che Ford non sta più realizzando un profitto sulla Mach-E, nonostante i lievi aumenti dei prezzi legati all’inflazione, poiché l’aumento dei costi di produzione significa che, mantenendo il suo veicolo elettrico tradizionale accessibile, il marchio americano sta potenzialmente perdendo su ogni auto che produce.

Ford Mustang Mach-E: cosa c’è alla base di questa scelta?

La notizia arriva da CNBC News, che ha riportato i commenti fatti da Ford CFO (Chief Financial Officer), John Lawler in una conferenza ospitata da Deutsche Bank. Lawler ha affermato che, sebbene la domanda non sia ancora diminuita, il che è un buon segno per l’industria dei veicoli elettrici, l’aumento dei costi delle materie prime ha ridotto i margini di profitto attesi di Ford quasi a zero.

L’aumento dei prezzi sui prodotti Ford ha visto il marchio mantenere i suoi margini di profitto più ampi, ma significa che altri modelli tradizionali, e in particolare modelli a combustione come il Ford F-150, stanno portando il marchio a passare ai veicoli elettrici. Il Mach-E era molto redditizio per il marchio alla fine del 2020, quando era appena stato lanciato, ma Lawler afferma che non è più così, poiché i costi più elevati del materiale della batteria, in particolare, hanno avuto un effetto drastico sugli introiti.

Questa non è l’unica notizia relativa alla Mach-E. Infatti, quasi 50.000 unità vengono richiamate per un problema relativo alla batteria. Mentre la domanda rimane alta, Lawler ha anche parlato di come Ford si aspetta una recessione economica e si prepara di conseguenza. Indica una maggiore frequenza di ritardi nei pagamenti da parte degli acquirenti a Ford Credit come potenziale segno di una recessione all’orizzonte. “Come settore e come azienda, ci stiamo dirigendo verso questa possibile recessione in una posizione molto diversa da quella in cui siamo mai stati prima“, ha affermato, sottolineando che nei precedenti casi di recessione, l’offerta disponibile superava di gran lunga la domanda . Questo non è il caso ora, poiché afferma che Ford ha “una banca di ordini significativa con oltre 300.000 unità” mentre lotta per tenere il passo con la domanda.