in

Geely potrebbe acquistare il 40% della divisione motori di Renault

Geely e un gruppo petrolifero sono in trattative per acquisire una partecipazione nella società di motori a combustione interna di Renault

Geely Auto logo

La casa automobilistica cinese Geely e un gruppo petrolifero senza nome sarebbero in trattative per acquisire una partecipazione nella società di motori a combustione interna di Renault. Se l’accordo sarà completato, Renault e Geely avranno ciascuna il 40%, con l’altro 20% di proprietà della compagnia petrolifera, ha riferito Reuters, citando due fonti vicine alla casa automobilistica francese.

Come è noto, Renault sta separando le proprie attività separando la produzione di auto con motore a combustione interna dalle auto elettriche. È alla prima che parteciperanno Geely e la compagnia petrolifera. Tuttavia, la cosa interessante è che il partner di Renault nell’alleanza, il produttore giapponese Nissan, non riceverà una quota nella nuova società.

Geely potrebbe acquistare il 40% della divisione motori termici di Renault

Questo autunno, Renault svelerà i piani per creare un’unità dedicata alle auto elettriche, che avrà sede in Francia, e un’altra con sede all’estero che riunirà tutti i siti di produzione di motori a benzina e ibridi e trasmissioni in Spagna, Portogallo, Turchia, Romania e America Latina.

Renault intende rimanere l’azionista di maggioranza della sua divisione elettrica Ampère, che darà lavoro a circa 10.000 persone, poiché le sue azioni potrebbero essere quotate in borsa nella seconda metà del 2023. Tuttavia, il produttore francese manterrà solo una partecipazione di minoranza nella sua Horse business dei motori a combustione interna, ma rimarrà comunque uno dei principali azionisti e avrà un’influenza decisiva nella sua gestione.

Si precisa però che il piano non è ancora stato finalizzato e ci sono altre società che possono diventare partner di Renault. Non tra questi, però, c’è Nissan, che ha ricevuto un invito a partecipare ma non ha accettato. Ciò dimostra che la strategia dei partner è diversa e il futuro a lungo termine dell’alleanza è seriamente messo in discussione. Renault, Nissan e Mitsubishi hanno già annunciato che l’80% dei loro modelli sarà basato su piattaforme comuni entro il 2026, ma non è chiaro cosa accadrà dopo.

Renault logo

Allo stesso tempo, l’inclusione di Geely contribuirebbe notevolmente alla crescita del business della casa automobilistica cinese. Geely possiede la svedese Volvo Cars, la casa automobilistica britannica Lotus e detiene una partecipazione in Mercedes. Condividendo i costi dei motori diesel e benzina, che dovrebbero diminuire con l’aumento delle vendite di auto elettriche, Renault spera di liberare fondi da reinvestire nei modelli elettrici, una tecnologia che il marchio francese ha sperimentato con Nissan e Mitsubishi, ma dove è rimasta indietro  rispetto al leader Tesla.

Il coinvolgimento delle compagnie petrolifere aiuterebbe anche a sviluppare l’idrogeno verde e le infrastrutture necessarie per rendere praticabili le auto a celle a combustibile a idrogeno insieme alle auto elettriche a batteria.

Ti potrebbe interessare: Geely: il 50% delle sue vendite sarà elettrico entro il 2023

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!