in ,

Hyundai: annullato lo sviluppo di una supercar a idrogeno

Hyundai ha annullato il programma di sviluppo di una supercar alimentata a celle a combustibile di idrogeno

Hyundai ha annullato il programma di sviluppo di una supercar alimentata a celle a combustibile di idrogeno. Nello specifico si sarebbe trattato di un modello utile a battagliare con la Honda NSX che quindi non arriverà sul mercato. Lo ha confermato il top leader della divisione sportiva di casa Hyundai.

Anche la divisione sportiva di Hyundai ha avviato il suo particolare processo di elettrificazione; Hyundai N non rimane perciò in disparte. Nonostante l’auto elettrica a batteria si posizioni come un pilastro centrale su cui nel prossimo futuro si baserà gran parte della gamma, anche l’idrogeno è chiamato a ricoprire un ruolo di primo piano. O almeno questo è ciò che indicavano i primi piani per la gamma N di Hyundai.

In un recente evento in cui la Hyundai N Vision 74 Concept è stata protagonista, sono stati confermati alcuni indizi sulle modifiche apportate alla roadmap originale in termini di impegno per l’idrogeno e, nello specifico, per le celle a combustibile. E purtroppo ora insistono cattive notizie sull’argomento. Hyundai ha deciso di annullare lo sviluppo di una già prevista nuova supercar.

Hyundai ha quindi completamente annullato lo sviluppo di una nuova supercar a idrogeno

Albert Biermann, che era a capo di Hyundai N, ha apertamente sottolineato che il progetto per sviluppare una supercar in risposta alla Honda NSX è stato annullato: “stavamo lavorando su una supercar a marchio N”, ha detto e quando gli è stato chiesto se quel modello avesse un nome, si è limitato a sottolineare che “non proprio, la chiamavamo The President’s Car”.

Il grande artefice del lancio della famiglia di modelli Hyundai N ha assicurato che questa supercar, a differenza del modello di casa Honda, non sarebbe stata noiosa da guidare. Biermann ha anche fornito alcuni dettagli sulle caratteristiche principali del veicolo. Ha aggiunto che la supercar si sarebbe basata su un telaio in fibra di carbonio, con un layout a motore centrale.

Un’altra delle chiavi principali del progetto ha avuto a che fare direttamente con il sistema di propulsione.

Sebbene sia stata presa in considerazione la possibilità di equipaggiarla con un motore a benzina convenzionale, o un propulsore ibrido, l’uso di celle a combustibile di idrogeno è stato posizionato come l’opzione perfetta per promuovere la transizione di Hyundai N verso la mobilità sostenibile. “Avevamo piani per un motore a benzina con o senza ibridazione, o una cella a combustibile di idrogeno”, ha detto Biermann.

Il problema risiedeva nel prezzo finale

Il consiglio di amministrazione di Hyundai è stato incaricato di prendere la decisione di tenere questo progetto in un cassetto. Pertanto, “The President’s Car” non andrà oltre il tavolo da disegno, per ora; uno dei principali problemi che il modello avrebbe dovuto infatti affrontare se fosse arrivato sul mercato è il prezzo. Un prezzo troppo alto per una Hyundai.

“Il problema era che l’auto sarebbe costata più di 150.000 euro e all’epoca si pensava che una Hyundai non potesse avere quel prezzo”. Ma non sono tutte cattive notizie. Biermann assicura che l’annullamento di questa supercar ha permesso a Hyundai N di lavorare su altri tipi di prodotti come le fortunate i30 N e i20 N. Alcuni modelli che sono stati fondamentali per far raggiungere grosse masse di pubblico alla divisione sportiva del marchio.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!