in

Hyundai Santa Fe 2023, tutti i dettagli: esterni, interni, tecnologia, prezzi, uscita

Uscita scottata dalla tiepida reazione alla quarta generazione, la Hyundai Santa Fe 2023 è il modello del “o la va o la spacca”.

Hyundai Santa Fe 2023

Il suv è il segmento più in voga dei giorni nostri. Tutte le famiglie (o quasi) li vogliono, il che costituisce un’ottima opportunità per le compagnie desiderose di entrare nel settore. Ma esiste un rovescio della medaglia: l’agguerrita concorrenza. Ottenere un posto sotto le luci dei riflettori risulta alquanto complicato, date le eccellenti caratteristiche delle rivali sul mercato. Ne hanno pagato dazio pure in Corea del Sud, dove la Hyundai Santa Fe 2023 sarà chiamata a rilanciare le ambizioni del modello.

La quarta generazione ha lasciato abbastanza a desiderare in termini di volumi commerciali; pertanto, i piani alti della compagnia avrebbe deciso di anticipare i piani per la quinta. Stando ai rumor raccolti e condivisi da The Korean Car Blog, la vettura tornerà in veste rinnovata prima delle aspettative iniziali. In tempi recenti ha perso un po’ dello smalto che la contrassegnava, ma non mancano le ambizioni di rivalsa.

La rinnovata strategia passerà dallo studio di ogni minuzioso dettaglio, a cominciare dallo “scudetto” del Costruttore, ora luminoso e 2D. Per rendere meglio l’idea il magazine asiatico ha pubblicato delle ricostruzioni, effettuate dai suoi bravi collaboratori, esperti in computer grafica.

Hyundai Santa Fe 2023: si volta nettamente pagina

Hyundai Santa Fe 2023

Che la Hyundai Santa Fe di quinta generazione sia una delle new entry del 2023 è risaputo. Le foto e i video spia, trapelati, in maniera sempre più insistenti, nei recenti mesi tolgono ogni dubbio. Onde evitare di rovinare l’effetto “wow”, si è ricorso a un camouflage massiccio. Eppure, a dispetto dei tentativi di mascherare le novità estetiche, lo stile salta subito all’occhio. Se un’impressione definitiva ce la faremo in occasione dei convenevoli ufficiali, è comunque evidente la volontà di allontanarsi dal recente passato.

La reazione piuttosto tiepida del pubblico alla versione attuale sprona verso un netto cambiamento, che puntualmente avverrà. Si noti, innanzitutto, l’addio al design sdoppiato dei fari, una soluzione che, almeno in questo caso, non ha mai davvero convinto. Comunque, i risultati degli sforzi profusi dall’azienda sudcoreana traspaiono, in primis, dalla fiancata. La linea del tetto, i finestrini laterali e il parabrezza attribuiscono alla Hyundai Santa Fe 2023 un aspetto più forte e marcato. La colorazione nero lucida dei montanti e la reinterpretazione dei fari enfatizzano le sensazioni iniziali.

Hyundai Santa Fe 2023

In principio, la Hyundai Santa Fe 2023 avrebbe dovuto uscire più in là nel tempo. Immessa nelle concessionarie durante il 2018, ha ricevuto un aggiornamento di look e piattaforma nel 2020. La speranza era di invertire la rotta, di rioccupare un posto di primo piano nel comparto degli sport utility. Purtroppo per la compagnia, non è andata così. Con un totale di 57.578 immatricolazioni registrate nel 2021, si è perso in malo modo il duello con la Kia Sorento, giunta a 76.833 unità.

Inoltre, la ben più cara Palisade si è nettamente imposta, con 64.791 targhe. Accettare la brusca battuta d’arresto viene, insomma, complicato. Un dispiacere acuito pensando al peso occupato nell’offensiva del marchio. Prima della quarta generazione (nome in codice MQ4), era il best-seller assoluto dei suv in territorio nazionale. Una leadership dettata pure dalla longeva storia, sicché si tratta del primo sport utility sviluppato da Hyundai Motor Company. Strada facendo, ha saputo mantenere e ampliare il bacino di clienti, con l’imperterrito upgrade delle dotazioni.

Qualche appunto era stato mosso riguardo alle motorizzazioni, comunque senza particolare enfasi. Delle critiche costruttive mosse per elevare gli standard qualitativi. Nessuno aveva da ridire, invece, sull’immagine, ritenuta un pregio. Ma delle frattura sono sbucate in una fase successiva. La formula ha smesso di suscitare lo stesso, forte interesse. La serrata competizione apportata dalle vicine di casa (compresa della sorella Tucson) rende piuttosto improbabile una risalita, da qui la corsa ai ripari.

Da “medium” a “large”

Hyundai Santa Fe 2023

Serve rimettersi sui giusti binari e, a tal proposito, il successore verrà messo in vendita nell’arco dei mesi a venire, tra l’estate e l’inizio dell’autunno.

Intanto, un profilo YouTube coreano offre un’anteprima da posizione ravvicinata. La vettura è stata immortalata accanto alla Kia Carnival (che ha smesso di essere una produzione destinata pure all’Europa). Oltre ai dettagli già sopra evidenziati, il filmato fa vedere delle barre sul tetto. E ciò cosa significa? Che la funzionalità ricoprirà un ruolo centrale.

Per un breve spezzone si scorgono, oltretutto, gli interni, nello specifico i rivestimenti in pelle bianca. L’ennesima conferma delle tinte delicate applicate all’abitacolo. Dall’attuale Santa Fe dovrebbero discostarsi i pannelli delle porte, che richiameranno quelli della Kia Sorento. A quanto pare, per sfruttare ogni cm di spazio, i progettisti opteranno in favore in sedili reclinabili.

Le dimensioni cresceranno rispetto al suv odierno, passando da una taglia “medium” a una “large”. In confronto alla Tucson a passo lungo la Santa Fe attuale ha soltanto un centimetro in più.

Il carattere degli esterni è, dunque, piuttosto definito. Per saperne di più occorrerà restare in attesa di aggiornamenti ufficiali.

Interni Hyundai

A braccetto con gli esterni, è evoluto il pianale, pensato per garantire due diverse declinazioni del powertrain ibrido. Che saranno presumibilmente l’unica certezza dalla quale ripartirà il brand. La mobilità a zero emissioni rappresenta un pilastro per ogni compagnia con ambizioni internazionali. Hyundai, che punta a tutto il mondo con la Santa Fe, ha stabilito di adottare una via di mezzo. Di opzioni full electric non ve ne saranno con la quinta generazione.

Il principale punto carente che trattiene dall’immettere in vendita un BEV è la scarsa diffusione delle infrastrutture. Poco ma sicuro, la situazione in Europa è migliore di altre, ma comunque c’è parecchio da lavorare, specialmente in alcuni Paesi. Per tale motivo, una folta schiera di conducenti diffida dalle elettriche.

Pur consapevoli del minor impatto sull’ambiente, temono, in cuor loro, di rimanere “appiedati”. E l’assenza (o la penuria) di colonnine vicino al luogo di residenza alimenta la percezione negativa. Grazie all’ibrido si prendono due piccioni con una fava. In un sol colpo, si coniuga l’attitudine “green” e la possibilità di fare un pieno presso le tradizionali stazioni di rifornimento.

Interni Hyundai

La descrizione del video qui visibile parla, in maniera piuttosto vaga, di alimentazione ibrida. Non si entra nei dettagli. È, invece, nota la nuova tipologia di piattaforma impiegata, che sarà la rivista N3, posta a fondamento della Kia Sorento.

La Sorento – lo ricordiamo – è ordinabile nei nostri confini in due varianti: full hybrid da 230 CV o ibrida plug-in da 265 CV, tipologie entrambe incluse nel listino della Hyundai. La conferma per la Hyundai Santa Fe 2023 è tutta da stabilire. Non è da escludere a priori un forte ritocco alle opzioni in listino. L’esame andrà superato a ogni costo, per evitare il declino di una macchina capace di imporsi in passato, ma ora meno al passo coi tempi.

Upgrade tecnologico

In tale scenario pure la tecnologia riceverà un upgrade importante, con sistemi ausiliari alla guida (ADAS) più evoluti. L’esito del confronto con i diretti competitor passa altresì dall’equipaggiamento, ragion per cui andrà compiuto uno step in avanti. Per quanto riguarda il listino prezzi, quello attuale parte da 55.900 euro. Probabilmente, alla pari degli altri attori del comparto delle quattro ruote, verrà applicato un lieve rincaro: facile che si raggiunga la soglia dei 60 mila euro.

Looks like you have blocked notifications!