in ,

Il Gruppo Audi ha registrato un primo semestre 2022 da record

Il Gruppo Audi presenta un solido bilancio per la prima metà del 2022: ottime performance per le elettriche

Audi

Il Gruppo Audi presenta un solido bilancio per la prima metà del 2022. A causa della crisi dei semiconduttori in corso e dei blocchi legati al COVID-19 in Cina, Audi non è riuscita a soddisfare l’elevata domanda per i veicoli del suo marchio principale. Nonostante ciò, i ricavi del Gruppo sono aumentati del 2% fino a 29,9 miliardi di euro e il suo utile operativo ha raggiunto un nuovo massimo pari a ben 4,9 miliardi di euro.

Con il 16,5%, il margine operativo era ben al di sopra dell’anno precedente e al di sopra del corridoio dell’obiettivo strategico dal 9 all’11%. Gli utili sono stati trainati dalla buona posizione dei prezzi, dalla solida performance operativa dei marchi di lusso Lamborghini e Bentley e dal supporto della copertura delle materie prime. Il Gruppo Audi conferma le sue previsioni per consegne, ricavi e resi.

Il Gruppo Audi registra una crescita significativa nelle consegne di veicoli elettrici e marchi di lusso

Sullo sfondo della difficile situazione dell’offerta, il Gruppo Audi ha consegnato ai clienti 797.587 auto nei primi sei mesi (2021: 986.567). Rispetto alle consegne record nella prima metà del 2021, le consegne di automobili del marchio Audi sono diminuite del 20% a 785.099 (2021: 981.681). La domanda è rimasta forte nonostante la crisi dei semiconduttori in corso e i blocchi legati al COVID-19 in Cina.

Tuttavia, Ducati ha consegnato 33.265 moto (2021: 34.515). Il calo del 3,6% rispetto al forte anno precedente riflette la disponibilità di semiconduttori. Con 5.090 (2021: 4.852) veicoli consegnati, Lamborghini ha registrato un aumento del 4,9%, mentre il marchio britannico Bentley, l’ultimo membro divenuto parte del Gruppo, ha venduto 7.398 (2021: 7.199) veicoli.

Il marchio Audi ha aumentato il numero di veicoli completamente elettrici consegnati a 50.033 (2021: 32.775), con un aumento del 52,7% rispetto all’anno precedente. L’Audi e-tron è rimasta particolarmente apprezzata dai clienti, ma l’Audi Q4 e-tron ha registrato la crescita più elevata. In questo contesto, la quota di veicoli completamente elettrici consegnati dal gruppo del marchio è salita al 6,3%. Con il lancio di successo dell’hub di ricarica Audi, il costruttore presenta una soluzione per la ricarica rapida e semplice di veicoli elettrici nelle aree urbane. Il feedback dei clienti sul lancio del sito pilota a Norimberga è estremamente positivo, con un hub a Salisburgo e altre località da seguire nel corso del 2022. Tre ulteriori siti in altrettante metropoli tedesche aiuteranno a soddisfare la crescente richiesta di ricarica negli spazi urbani a partire dal 2023. Inoltre, Audi prevede di aprire ancora più siti nelle città tedesche entro la metà del 2024. Un’altra pietra miliare nella strategia di elettrificazione è stata la pietra posta per la fabbrica intelligente di modelli elettrici presso la sede di Changchun a fine giugno. Dopo il completamento alla fine del 2024, i modelli basati sulla Premium Platform Electric (PPE) saranno lanciati fuori linea per il mercato cinese attraverso una produzione sostenibile e connessa digitalmente. L’impianto di 150 ettari avrà una capacità produttiva annua di oltre 150.000 veicoli.

Entrate in crescita

Nei primi sei mesi dell’anno, il Gruppo Audi ha generato ricavi per 29.869 (2021: 29.212) milioni di euro. Nonostante il calo dei dati sulle vendite, il Gruppo è stato in grado di aumentare i propri ricavi del 2%. Questa crescita è dovuta principalmente al primo consolidamento del marchio di lusso Bentley da inizio 2022. Il Gruppo è riuscito a migliorare ulteriormente la sua già forte posizione di prezzo grazie alla forte domanda per la sua attraente gamma di modelli. Misurata rispetto alle entrate totali del Gruppo Audi, la quota delle entrate conformi alla tassonomia dell’UE è aumentata al 12,3% nella prima metà del 2022. In questo modo, l’azienda sottolinea l’importanza dei criteri di sostenibilità ESG ancorati nella sua strategia “Vorsprung 2030” per tutte le decisioni aziendali e di prodotto.

Per la prima metà del 2022, il Gruppo Audi ha registrato un nuovo massimo di 4.933 euro (2021: 3.113) milioni di utile operativo, con un aumento del 58,5%. I margini operativi sono saliti al 16,5% (2021:10,7%). Oltre alla buona posizione di prezzo e alla buona performance operativa dei marchi Lamborghini, Bentley e Ducati, il risultato operativo include effetti positivi derivanti dalle coperture su materie prime per un totale di 0,4 miliardi di euro. Dopo un forte vento favorevole nel primo trimestre (1,2 miliardi di euro), l’impatto si è sostanzialmente eroso.

Audi

Ottime prestazioni anche per Lamborghini, Bentley e Ducati

Il marchio Lamborghini ha aumentato le sue vendite nella prima metà dell’anno del 30,6% a 1.332 milioni di euro (2021: 1.020). L’utile operativo del marchio è aumentato del 69,3% a 425 milioni di euro (2021: 251), con un margine del 31,9% (2021: 24,6%). Bentley ha ottenuto ricavi per 1.707 euro (2021: 1.324) milioni, mentre l’utile operativo è aumentato a € 398 (2021: 178) milioni, raggiungendo un nuovo record. Il margine era del 23,3% (2021: 13,4%). Una forte posizione di prezzo ha compensato il calo delle consegne di Ducati. Il marchio motociclistico ha aumentato i suoi ricavi del 5,4% a 542 milioni di euro (2021: 514), generando un utile operativo di 68 milioni di euro (2021: 59), corrispondente a un margine operativo del 12,6% (2021: 11,5%).

Il risultato finanziario nel primo semestre dell’anno è stato di 754 (2021: 762) milioni di euro. Questo risultato include la parte del leone del business in Cina, che ammontava a 431 (2021: 565) milioni di euro, in meno rispetto all’anno precedente. Il calo è una conseguenza dei blocchi COVID-19 in Cina nel secondo trimestre. L’utile dopo le tasse è salito a 4.390 milioni di euro (2021: 3.386) milioni, con un aumento del 29,6%.

Rispetto al dato molto elevato del primo semestre dell’anno precedente, il flusso di cassa netto si è normalizzato a 2.593 milioni di euro nei primi sei mesi del 2022 (2021: 5.512 milioni). Tra le altre cose, ciò è dovuto all’aumento delle scorte causato da interruzioni della logistica e delle catene di approvvigionamento, in particolare dai blocchi COVID-19 in Cina e dalla disponibilità inadeguata dei semiconduttori. Inoltre, gli investimenti, ad esempio, nel nuovo sito di produzione presso la società Audi FAW NEV di Changchun e il trasferimento di partecipazioni all’interno del Gruppo Volkswagen hanno ridotto il flusso di cassa netto di Audi.

Nonostante le sfide: confermate le previsioni in termini di consegne, ricavi e margini

Le previsioni del Gruppo Audi includono le attualmente prevedibili conseguenze a breve termine della guerra in Ucraina, la crisi dei semiconduttori in corso e il blocco del COVID-19 in Cina nella prima metà dell’anno. Gli altri effetti della situazione geopolitica e della carenza di gas sull’economia globale non possono essere previsti con sufficiente certezza.

Il gruppo del marchio prevede consegne comprese tra 1,8 e 1,9 milioni di veicoli e ricavi compresi tra 62 e 65 miliardi di euro per l’intero anno 2022. Il margine operativo è previsto tra il 9 e l’11%. Il flusso di cassa netto dovrebbe raggiungere tra 4,5 e 5,5 miliardi di euro. Audi prevede un CapEx ratio compreso tra il 4 e il 5 percento. A causa della maggiore spesa iniziale per le tecnologie future, la quota dei costi di ricerca e sviluppo dovrebbe ora essere leggermente superiore al corridoio del 6-7%.