in

Lancia Fulvia: in forma “per le salite più estenuanti” [RENDER]

Combinata con la Toyota 2JZ, in un esperimento fuori dall’ordinario, la Lancia Fulvia promette ottime prestazioni in salita.

Lancia Fulvia

Sean Demetros, l’artista virtuale 3D meglio conosciuto come demetr0s_designs sui social media, è piuttosto meticoloso nelle sue fatiche digitali e l’ultima Lancia Fulvia non delude.

Lancia Fulvia: si “fonde” con la 2JZ

Lancia Fulvia

Di solito ama dilettarsi con creazioni in stile JDM o americano e ha pure una passione per l’intera serie CGI. Quindi, all’inizio della primavera ha fatto una bel pieno di modelli Usa. Uno includeva esemplari quali un’impraticabile Jeep Wrangler JK a doppio turbo, una Shelby Daytona con un’enorme aerodinamica in fibra di carbonio, un restomod Dodge Charger fuso con l’Hellcat, una Formula Drift Pontiac Trans Am, una Ford Mustang Fox Body artistico e persino una Corvette C6 ispirata alla F1.

Lancia Fulvia

Poi è passato alle prelibatezze giapponesi in estate, tra cui una Toyota GR Supra Pizza Planet ispirata a Toy Story, un’Acura NSX con porte tubolari e una Mitsubishi Lancer Evo X, agghindata a festa con un kit widebody personalizzato per vederla in fibra di carbonio rosa. Notate qualcosa in comune? Come l’eccentricità di ciascuno dei lavori, no?

Ebbene, si spera, in autunno sarà il turno dell’Europa di fornire i materiali di base per folli trasformazioni. E almeno ci sono un paio di punti di partenza, tra cui un’ampia e aggressiva Porsche “K-Man” (718 Cayman) seduta in basso su ruote Rotiform DAB arancioni, oltre a un piccolo e simpatico “vecchietto”, una Lancia Fulvia Coupe HF. Inizialmente, l’automobile italiana fabbricata tra il 1963 e il 1976 (pure in formato da competizione Coupe HF), assunse il ruolo di assurdo progetto di restomod: una Fulvia mischiata con la Toyota 2JZ!

Lancia Fulvia

La vera chicca della giornata arriva nella declinazione della Lancia Fulvia Coupe HF 2JZ, plasmata per essere una controparte virtuale dellla Hoonipigasus da 1.400 CV di Ken Block. E, naturalmente, viene fornita completa di un kit aerodinamico widebody estremo, una caratteristica posta in risalto, nonché una dotazione di qualsiasi elemento necessario per affrontare le salite più estenuanti, inclusa l’iconico Pikes Peak americano. Il risultato finito lo potete vedere nelle immagini condivise nell’articolo.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!