in

McLaren P1: Lanzante realizza la versione Spider in 5 esemplari

5 esemplari di McLaren P1 saranno senza tettuccio

McLaren P1

La McLaren ha dato il meglio di sé quando ha presentato la McLaren P1 quasi un decennio fa. La P1 è stata, senza dubbio, l’auto che ha dato il via alla guerra delle hypercar tra i più grandi marchi mondiali. Una versione hardcore della McLaren P1 GTR è seguita in un secondo momento, prendendo un’auto che Jeremy Clarkson chiamava “widowmaker” (fabbrica vedove). Ma nonostante tutto il suo successo e prestigio, la McLaren P1 non è mai stata proposta in versione decappottabile. La Porsche 918 Spyder era decappottabile fin dall’inizio e la Ferrari fece la LaFerrari Aperta, ma la McLaren non seguì mai l’esempio.

Lanzante ha deciso di proporre 5 esemplari di McLaren P1 Spider. In questo momento, la prima di queste è in mostra al Goodwood Festival of Speed ​​2022. La prima auto per i clienti sarà consegnata entro la fine dell’anno. Lanzante è uno specialista McLaren che da anni trasforma le migliori auto del costruttore inglese.

McLaren P1

McLaren P1: come cambia il design

Per il progetto P1 Spider, Lanzante ha lavorato con l’uomo di cui aveva più bisogno: Paul Howse, il designer originale della McLaren P1. Ha anche scritto il rifatto la Jaguar XK120 di Thornley Kelham. Non solo Howse sa come dovrebbe apparire la coupé senza tetto, ma è stato in grado di aiutare Lanzante ad aggirare i vincoli tecnici della rimozione del tetto di un’auto che non è mai stata concepita come decappottabile.

Il design ha alcune sottili modifiche e il corpo ora fluisce dal bordo del cofano attorno al montante A fino alla linea di cintura, sollevandosi dietro il guidatore, facendo eco al lato della carrozzeria. Questo crea una pinna per dirigere l’aria nel motore, quindi rifluisce nel ponte posteriore. I contrafforti in carbonio avvolgono il guidatore e fanno eco alle belle linee pulite della cabina affusolata del coupé“, afferma Howse.

McLaren P1

Naturalmente, rendere tutto bello in uno schizzo è la parte facile. Abbandonare la presa d’aria sul tetto della P1 e i pannelli del tetto in vetro non lo è stato altrettanto. Fondamentalmente, tutto ciò che toccava il tetto doveva essere modificato in qualche modo. Ciò include le ali, le porte e il cofano del motore a conchiglia posteriore. Per fortuna, la cella in carbonio che McLaren usa per tutte le sue auto non ha elementi strutturali del tetto, motivo per cui la McLaren 765LT Spider è rigida come la coupé. Ciò consente anche di non appesantire la versione Spider.

Tuttavia, per essere sicuro di ciò, la metà inferiore del telaio è stata riprogettata. La presa d’aria è stata sostituita da nuove prese d’aria dietro la paratia, che ora alimentano l’aria nei turbo. Infine, i dati di potenza sono riportati dalla coupé, che aveva un V8 biturbo da 3,8 litri che erogava 903 CV e 664 Nm di coppia, aiutati dal sistema ibrido.

Looks like you have blocked notifications!