Nissan Qashqai 2024: restyling per rimanere al top del segmento

M Magarini
In attesa che la prossima generazione, al 100% elettrica, veda la luce, la Nissan Qashqai riceverà un aggiornamento nel 2024
Nissan Qashqai render

Mentre infervorano le voci sulla prossima generazione, la quale sarà al 100% elettrica, Nissan prepara il restyling della Qashqai per il 2024. Attualmente, deve ancora andare in scena la première mondiale; tuttavia, delle interessanti indiscrezioni sono trapelate in proposito. La storia del veicolo è costellata di importanti soddisfazioni sul mercato. L’inizio della lunga e proficua storia deve essere fatto risalire al 2004, quando il costruttore nipponico presentò un concept chiamato così al Salone di Ginevra. Il prototipo, disegnato dal centro stile di Londra, catturò l’interesse degli appassionati e degli addetti ai lavori grazie a un look innovativo e alla versatilità.

Quindi, nel 2006 venne il turno della versione definitiva, al Salone di Parigi. Il veicolo si collocò nel segmento dei crossover compatti, una categoria di mercato all’epoca poco sviluppata. La Qashqai si distinse dai competitor grazie a un’identità moderna, a un ampio spazio interno e a una ricca dotazione di serie.

Il responso commerciale del pubblico di riferimento fu ottimale. Il veicolo conquistò il premio di Auto dell’Anno 2007 nel Vecchio Continente e divenne uno dei più popolari nel segmento. Con il passare degli anni, la proposta è stata sottoposta a un paio di restyling, nel 2010 e nel 2014. Nel 2021, la Casa ha presentato la terza serie della macchina, che, basata sull’architettura CMF-C/D dell’Alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi, spicca nell’estetica evoluta, nell’abitacolo raffinato e nelle tecnologie avanzate di sicurezza e ausiliarie alla guida.

Pertanto, alla luce delle nuove qualità riconosciute, la Nissan Qashqai attesa nel 2024 ha un’importante funzione a cui assolvere: rimanere al centro dell’attenzione, malgrado i gusti volubili della clientela. L’impatto avuto nel comparto dei crossover di dimensioni contenute ne giustifica le elevate ambizioni. Andiamo, allora, a scoprire i tratti caratteristici della macchina successivi all’aggiornamento, sulla base delle indiscrezioni finora trapelate. Al solito, lasceremo inizialmente in rassegna gli esterni, giacché il look rimane un fattore determinante nella scelta dei potenziali acquirenti. In seconda istanza, ci interesseremo agli interni, sia in termini di spazio sia di tecnologie implementate. Per concludere, passeremo sotto la lente d’ingrandimento le motorizzazioni, i prezzi e le dirette concorrenti.

Nissan Qashqai 2024: gli esterni

Nissan Qashqai render

Le modifiche apportate alla Nissan Qashqai nel 2024 sono attese con grande trepidazione. Benché le informazioni ufficiali scarseggino, tra rumor, foto spia e anticipazioni di testate specializzate, abbiamo modo di crearci un’idea generale sullo stile del mezzo. Innanzitutto, il frontale verrà probabilmente ridisegnato, con un paraurti più aggressivo, una griglia V-Motion più ampia e fari full LED di serie su ciascun equipaggiamento. Inoltre, i fari saranno più sottili e allungati, con una nuova firma luminosa a LED a forma di “C”. Le prese d’aria dovrebbero crescere di dimensioni e diventare maggiormente aggressive, mentre il cofano motore pare sfoggerà linee più definite.

https://www.youtube.com/watch?v=ow6w635bKbU

Della visuale laterale, spiccheranno i cerchi in lega dal design più moderno e contraddistinto da modanature cromate. Inoltre, la linea del tetto sarà presumibilmente più slanciata, al fine di sottolineare il lato sportiveggiante.

Il posteriore, invece, pare sarà contraddistinto da nuovi fanali posteriori a LED con un nuovo design a “C”. Il paraurti verrà forse ridisegnato con un diffusore integrato. A livello di colorazioni, la gamma cromatica ospiterà quasi certamente ulteriori tinte, tra cui Rosso Magma e Blu Vivid. In generale, gli interventi apportati dalla squadra di lavoro serviranno ad attualizzare la Nissan Qashqai 2024, affinché continui a riscuotere buoni consensi nei punti vendita. Ovviamente, da qui alla première mondiale non si escludono a priori ulteriori sorprese. Tuttavia, il materiale diffuso sul web induce a essere ottimisti circa la capacità di conservare un posto di spicco nel settore.

Gli interni

Se le informazioni sugli esterni sono frammentarie, quelle sugli interni lo sono a maggior ragione. I “paparazzi delle quattro ruote” hanno faticato a immortalare l’abitacolo nei test su strada. Di conseguenza, ci toccherà basarci soprattutto sulle speculazioni.

Innanzitutto, la plancia dovrebbe essere riconcepita in chiave avanguardista e minimal. Forse troverà spazio un nuovo sistema di infotainment Nissan Connect, contraddistinto da un display di maggiori dimensioni e dalla migliore connettività. Alla luce dell’ampio ricorso agli smartphone, uno sforzo supplementare in proposito è imprescindibile. Uno schermo ampio ridurrebbe poi le probabilità di incorrere in incidenti provocati da semplice distrazione, e un’interfaccia utente rivista contribuirebbe a sentirsi subito a proprio agio nel salotto di bordo.

Benché le nuove generazioni di conducenti abbiano la massima confidenza con certi sistemi, occorre tener conto di chi ha qualche annetto in più sulle spalle ed è, perciò, abbastanza “allergico” alle soluzioni hi-tech. La strumentazione digitale pare sarà di serie su ciascun allestimento. Alla pari di ogni altro aspetto, la risposta definitiva arriverà al debutto pubblico.

Nel frattempo, cominciamo a dire che i materiali utilizzati saranno, salvo imprevisti, di qualità superiore, con un ampio uso di pelle e finiture metalliche. I sedili ne guadagneranno in termini di comodità e avvolgimento, contraddistinti da rivestimenti in tessuto o pelle, tali da incrementare la percezione di qualità dell’abitacolo.

In definitiva, sul fronte degli interni, crediamo verrà mantenuto lo stesso stile del predecessore, anche perché i giudizi degli acquirenti sono stati per la quasi totalità positivi. Ergo, non vi è motivo di investire preziose risorse economiche e temporali, da destinare magari all’upgrade della strumentazione.

A proposito di “cervello elettronico”, è attesa una serie di tecnologie avanzate di sicurezza e assistenza alla guida, compreso il sistema ProPILOT Assist 2.0. Degli ulteriori ritocchi interesseranno magari il volante, ridisegnato in veste sportiva, i sedili anteriori, con regolazioni elettriche e funzioni di memoria, e il tetto apribile, confluito negli optional.

Motori e prezzi

Nissan Qashqai render

Il restyling della Nissan Qashqai 2024 sembra includerà una gamma di motori benzina e ibridi e-Power. Le unità benzina sarebbero, nello specifico, il turbo da 1.3 litri e il turbo da 1.5 litri, rispettivamente in grado di erogare una potenza di 140 e 160 CV. Il powertrain ibrido e-Power combinerebbe un propulsore benzina da 1.5 litri a un modulo elettrico da 190 CV. Ciascuna delle opzioni sarebbe abbinata a una trasmissione automatica a doppia frizione. Se parliamo, invece, di prezzi, il listino dovrebbe partire da circa 25.000 euro. Una cifra abbastanza abbordabile, specie oggi, in seguito allo scoppio dell’inflazione che ha imposto alle Case di rivedere le cifre verso l’alto. Manco a dirlo, la tipologia ibrida e-Power comporterà un esborso supplementare in confronto alle declinazioni a benzina.

Restano da conoscere le rivali della Nissan Qashqai 2024. Premesso che la lista completa richiederebbe un articolo a parte, ci sono vetture capaci, almeno sulla carta, di metterle i bastoni fra le ruote. Ci riferiamo a esemplari come la Volkswagen T-Roc, la Hyundai Tucson e la Kia Sportage. Per caratteristiche e personalità, le si avvicinano parecchio, dunque aspettiamoci degli accesi confronti. Ciascuna delle soluzioni ha punti di forza e di debolezza, pertanto spetterà al singolo cliente valutarli, sulla base dei propri gusti ed esigenze.

Seguici con Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle notizie Automotive Clicca Qui!

  Argomento: