in

Polestar 2: con il nuovo aggiornamento OTA la potenza aumenta di 68 CV

La potenza complessiva sale a 476 CV grazie ad un aggiornamento software

Polestar 2 grigio laterale

Polestar ha appena annunciato un nuovo aggiornamento via etere per la sua Polestar 2 che conferisce al veicolo elettrico ulteriori 68 cavalli per una nuova potenza totale di 476 CV. Tuttavia, questo aggiornamento OTA, che prevede un costo di circa 1200 euro, è solo per la variante Long Range Dual Motor. Polestar afferma che questa è la prima volta che utilizza un aggiornamento del software per scopi di messa a punto e quindi di miglioramento delle prestazioni.

Insieme all’aumento di potenza, i proprietari coinvolti ricevono anche una coppia extra di 20 Nm, ora valutata a 660 Nm di coppia. Le prestazioni sono migliorate anche nello scatto da 0 a 100 km/h in 4,2 secondi. Secondo i test della casa automobilistica, i cavalli e la coppia aggiuntivi possono essere percepiti a velocità comprese tra 70 e 130 km/h. L’accelerazione da 80 a 120 km/h ora avviene in soli 2,2 secondi.

Faro anteriore Polestar 2

Le novità dell’aggiornamento della Polestar 2

Questo aggiornamento evidenzia come le tecnologie connesse possono trasformare il rapporto che un’azienda automobilistica ha con i propri clienti“, ha affermato Thomas Ingenlath, CEO di Polestar. “L’esperienza di guida con la Polestar 2 è qualcosa di cui siamo davvero orgogliosi. È già un’auto così divertente da guidare, ma con questo aggiornamento possiamo offrire ancora di più ai nostri clienti che potrebbero essere alla ricerca di un po’ di eccitazione in più“.

Come un download OTA, questo può essere eseguito praticamente ovunque, supponendo che ci sia una connessione abbastanza stabile e veloce. Non è necessario che i proprietari si rechino presso un centro assistenza Polestar.

Sebbene Polestar affermi che questo aggiornamento è per i clienti nordamericani, è già stato reso disponibile alle vetture vendute in Europa. All’inizio di questo mese, abbiamo riferito che in Europa è forse illegale per le case automobilistiche addebitare una quota di abbonamento per sbloccare le piene capacità prestazionali di un veicolo elettrico. In tal caso, Mercedes voleva addebitare 100 euro al mese, o 1200 euro all’anno, affinché i proprietari di EQS sbloccassero potenza e accelerazione extra.

Faro posteriore Polestar 2

Questo cosiddetto abbonamento per l’aumento delle performance viene ora sospeso fino a quando Mercedes non risolverà ciò che ha definito “questioni legali”. Aspettatevi che Polestar affronti lo stesso problema se non lo ha già fatto. Tuttavia, la grazia salvifica di Polestar potrebbe essere che i clienti non pagheranno un abbonamento ma un unico costo.

 

Looks like you have blocked notifications!