in

Sainz: il 2022 stagione più impegnativa della storia

Sainz si prepara già alla prossima stagione di Formula 1 che con 23 gare in 8 mesi sarà davvero impegnativa per tutti

Carlos Sainz
Carlos Sainz

Carlos Sainz è già consapevole di dover mantenere alti i suoi livelli di energia in quella che sarà “la stagione più impegnativa nella storia della F1” nel 2022. Un calendario da record di 23 gare è stato stilato per il 2022, stipato in otto mesi all’anno con molte doppie e triple gare pianificate.

Anche se la stagione 2021 deve ancora essere completata, ciò non impedisce a personaggi come Sainz di iniziare a pensare a come affronterà un programma così estenuante il prossimo anno. “Il prossimo anno sarà difficile per tutti”, ha detto Sainz. “Non è un segreto che il 2022 sarà la stagione più impegnativa nella storia della F1. Noi piloti dobbiamo adattarci.”

“Dobbiamo assicurarci che i nostri livelli di energia rimangano alti e dobbiamo essere consapevoli di ciò che facciamo in modo da essere ancora freschi alla fine dell’anno. “Poi ci sono i back-to-back, poi iniziano i lunghi giorni di viaggio. Insieme alla mia squadra, redigerò un programma in modo da poter iniziare la seconda metà della stagione il più freschi possibile”.

Prima che le attenzioni possano anche solo rivolgersi completamente all’ardua stagione 2022, anche le restanti cinque gare rimaste nel programma 2021 non sono ancora una passeggiata nel parco. Per un periodo di sei settimane, piloti e team viaggeranno dal Messico al Brasile e poi in Qatar. Dopo una settimana di pausa, toccherà all’Arabia Saudita e ad Abu Dhabi.

Sainz non è un fan della configurazione del restante calendario 2021, ma si rende conto che è stata una mossa necessaria date le sfide poste dalla pandemia di Covid-19. “È un peccato che il Covid ci abbia impedito di fare una Austin-Messico back-to-back”, ha detto.

“Sarebbe stato più facile per tutti. Ed è un peccato che dobbiamo andare direttamente dal Brasile al Qatar. Non mi interessa molto l’ordine, è che questa situazione non è davvero efficiente. Sappiamo tutti che ha a che fare con il Covid. Questi sono i piccoli compromessi che il Campionato ha dovuto fare. Spero che il prossimo anno vada un po’ meglio”.

Ti potrebbe interessare: La Subaru da rally guidata da McRae e Sainz è tornata al suo antico splendore