in

Tesla triplicherà il numero di Supercharger in due anni

Tesla ha annunciato che prevede di triplicare la dimensione della sua rete di Supercharger nei prossimi due anni

Tesla Supercharger
Tesla Supercharger

Durante l’ultima presentazione dei risultati finanziari del terzo trimestre del 2021, Tesla ha fatto come di consueto alcuni annunci aggiuntivi. In questo caso, non parleremo di modelli specifici o ritardi di produzione, ma di caricabatterie, poiché l’azienda statunitense ha annunciato che prevede di triplicare la dimensione della sua rete di Supercharger nei prossimi due anni. L’annuncio non è stato frutto del caso.

Uno degli investitori presenti alla conferenza ha chiesto come Tesla affronterebbe la possibile saturazione dei Supercharger una volta aperti alle auto elettriche di tutti i produttori, cosa che accadrà nel prossimo 2022. Drew Baglino, vicepresidente dell’ingegneria powertrain e Tesla batterie, ha risposto a questa domanda annunciando che triplicherà il numero di Supercharger a livello globale nei prossimi due anni.

“Stiamo implementando piani di espansione accelerata a livello globale. La rete è raddoppiata negli ultimi 18 mesi e prevediamo di triplicarla nei prossimi due anni. Un obiettivo senza dubbio ambizioso, ma necessario per contrastare un problema che già si verifica saltuariamente in alcune regioni a maggiore densità nelle ore di punta: lunghe file di clienti in attesa di poter ricaricare la batteria in uno dei caricabatterie veloci di Tesla.

Insieme al resto dei dati finanziari e di produzione dei veicoli, Tesla riporta anche ogni trimestre il numero di stazioni e Supercharger che ha implementato in tutto il mondo. Secondo i dati alla fine dell’ultimo trimestre, Tesla ha attualmente 29.281 Supercharger in 3.254 diverse località in tutto il mondo, un 50% in più rispetto allo scorso anno nello stesso periodo. Se soddisfano le previsioni, Tesla potrebbe avere circa 90.000 caricabatterie rapidi entro la fine del 2023.

Come dicevamo, Tesla si sta preparando per un aumento del traffico nella sua rete di caricabatterie veloci, nota per la sua facilità d’uso e il buon funzionamento. Dopo l’annuncio dell’azienda di consentire la ricarica di auto di altre marche, non pochi clienti Tesla si sono lamentati quando hanno visto uno dei vantaggi che le loro auto avevano (e continuano ad avere oggi). Con l’apertura della sua rete Supercharger, Tesla aumenterà l’afflusso di automobili Supercharger, ma sarà anche in grado di raccogliere più soldi per far crescere la rete in modo più rapido.

Drew Baglino ha anche affermato che il team responsabile dell’infrastruttura Supercharger monitora la congestione e pianifica l’espansione della rete per garantire tempi di attesa minimi mentre la flotta di veicoli continua a crescere. “Se è vero che dobbiamo espandere la capacità in alcune aree congestionate, la congestione media della rete è diminuita negli ultimi 18 mesi”.

Il fatto di consentire l’utilizzo dei Supercharger a tutte le auto elettriche coincide anche con il piano federale degli Stati Uniti di espandere l’infrastruttura di ricarica dei veicoli elettrici in tutto il Paese, e che avrà fondi per 7,5 miliardi di dollari. Tuttavia, uno dei requisiti per accedere ai sussidi governativi è che i caricabatterie siano nell’interesse pubblico generale, ovvero che possano essere utilizzati da tutti gli utenti di un’auto elettrica, indipendentemente dal produttore. Misure simili sono state prese in Norvegia e Germania, tra le altre.

Ti potrebbe interessare: Che succede a Tesla? Rimosse le caratteristiche del Cybertruck dal sito web

Lascia un commento