in

Toyota bZ4X: batterie ancora al 90% dopo 10 anni

Toyota bZ4X
Toyota bZ4X

Il prossimo anno, Toyota lancerà il primo membro della sua gamma “beyond Zero” 100% elettrica, il SUV di medie dimensioni bZ4X. Questa vettura, che avrà una lunghezza simile a quella dell’attuale RAV4, dovrà resistere nel mercato europeo a proposte così varie come la Ford Mustang Mach-E, la Hyundai IONIQ 5, la Nissan Ariya, la Tesla Model Y o la Volkswagen ID.4, tra gli altri.

La Toyota bZ4X, che sarà basata sulla nuova piattaforma modulare e-TNGA, è stata sviluppata in collaborazione con Subaru, che commercializzerà una propria versione con il nome di Solterra. Sebbene Toyota sia stata responsabile della creazione della piattaforma, Subaru ha contribuito con il suo granello di sabbia alla messa a punto del suo sistema di trazione integrale.

Sebbene la maggior parte delle sue specifiche tecniche siano ancora sconosciute, Toyota sta lentamente rivelando alcuni fatti interessanti sulla sua nuova creazione. Così, durante la sua ultima conferenza sull’elettrificazione, l’azienda giapponese ha confermato che le batterie della Toyota bZ4X saranno notevolmente durevoli , poiché manterranno il 90% della loro capacità dopo dieci anni di utilizzo.

La capacità target dopo lo stesso periodo di tempo per la Prius ibrida plug-in di prima generazione era del 50-55%, per la Prius ibrida plug-in di seconda generazione 60-65% e per i gemelli Ioza e C-HR BEV (due elettrico venduto esclusivamente in Cina) del 75-80%. Pertanto, il miglioramento ottenuto con il bZ4X sarà più che notevole.

Con questa mossa, Toyota rimane fedele alla sua filosofia di costruire auto con alti indici di affidabilità . “Abbiamo applicato le tecnologie coltivate attraverso lo sviluppo di batterie per i nostri PHEV. Le batterie del C-HR BEV hanno un tasso di ritenzione della capacità molto più elevato dopo dieci anni rispetto alle batterie utilizzate finora nei nostri PHEV.

Inoltre, per la Toyota bZ4X, che sarà rilasciata a breve, abbiamo fissato un obiettivo di resistenza del 90%, che è uno dei più alti al mondo , e stiamo attualmente finalizzando i nostri sforzi di sviluppo per raggiungere questo obiettivo.

Ti potrebbe interessare: Il CEO di Toyota mette in guardia sui pericoli della guida autonoma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.