in

Vetture ibride: record di immatricolazioni negli Stati Uniti

Il comparto delle vetture ibride sembra essere la nuova frontiera per chi sta pensando di cambiare auto, non solo in Europa

Toyota

Il comparto delle vetture ibride sembra essere la nuova frontiera per chi sta pensando di cambiare auto, non solo in Europa. Se l’elettrico sta mietendo successi a profusione, risiede forse nelle vetture ibride il rivale più temibile: negli Stati Uniti questa specifica categoria di veicoli ha infatti raggiunto vendite record secondo i dati di settore.

Mentre costruttori affermati nell’elettrico, come Tesla e Ford spingono su questo segmento di mercato, sono diverse le case automobilistiche (soprattutto asiatiche) che hanno potenziato le linee destinate alla costruzione di nuove vetture ibride. Ciò perché molti utenti evitano ancora i veicoli elettrici a causa di prezzi tendenzialmente più alti, autonomia di guida limitata o mancanza di stazioni di ricarica.

Le vendite negli Stati Uniti di vetture ibride sono aumentate del 76%, pari a 801.550 veicoli immatricolati lo scorso anno, rappresentando il 5% delle vendite complessive di veicoli leggeri negli Stati Uniti secondo i dati forniti dalla società di analisi Wards Intelligence. Anche le vendite di veicoli elettrici sono aumentate dell’83%, a 434.879 unità, ma hanno rappresentato un magro 3% del valore di mercato.

Vetture ibride da record per Toyota

Toyota ha fatto registrare vendite da record per quanto riguarda le vetture ibride sempre in riferimento al mercato statunitense. In questo modo il costruttore nipponico ha superato General Motors, che rimane però il marchio statunitense più in forma fra le ibride al di là dell’Oceano.

Toyota ha incrementato le vendite delle sue vetture ibride plug-in con celle a combustibile del 73% ovvero fino al valore di 583.697 unità. General Motors ha invece venduto meno di 25.000 veicoli elettrici, poiché ha dovuto ritirare diversi ordini relativi alle Bolt che hanno causato spesso alcuni incendi provenienti dal pacco batterie.

“Le vetture ibride offrono un mix davvero intrigante di prestazioni e risparmio di carburante senza alcuni degli enormi inconvenienti che presentano i veicoli elettrici”

ha ammesso Brett Smith, direttore tecnologico del Center for Automotive Research.

I veicoli elettrici puri funzionano solo con l’elettricità e richiedono un’infrastruttura di ricarica, mentre i veicoli elettrici ibridi combinano un motore a combustione convenzionale con un sistema di propulsione elettrica. Anche Honda, al secondo posto per vetture ibride vendute negli Stati Uniti, ha aumentato le vendite ibride del 67% rispetto al 2020, raggiungendo un record di 107.060 unità immatricolate nel 2021.

Honda, che prevede di lanciare il suo primo veicolo elettrico per il mercato statunitense nel 2024, crede che il mercato decolli grazie a una serie di lanci di nuovi modelli da parte delle case automobilistiche e al sostegno politico dell’amministrazione Biden.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.